18 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/10/2015, 00.00

    CAMBOGIA - VIETNAM


    Phnom Penh nega asilo politico a nove montagnard vietnamiti in fuga dalle persecuzioni



    Il gruppo ha viaggiato fino alla capitale in cerca di aiuto, senza essere scoperto. Essi denunciano “persecuzioni a sfondo politico” da parte delle autorità comuniste di Hanoi. Funzionario Onu: "Continua la campagna dei respingimenti da parte del governo cambogiano". Solo 13 richieste di asilo approvate su 200 nel 2015.

    Phnom Penh (AsiaNews) - Le autorità cambogiane hanno respinto la richiesta di asilo politico presentata ieri da un gruppo di nove montagnard del Vietnam, che avevano viaggiato - senza essere scoperti - fino a Phnom Penh in cerca di aiuto. Il gruppo è arrivato nella capitale cambogiana lo scorso 30 settembre; scoperti dalle autorità, essi sono stati presi in consegna dai funzionari del ministero degli Interni, che si è rifiutato di registrare i loro nomi. Interpellata da Radio Free Asia (Rfa) Wan-Hea Lee, rappresentante in Cambogia dell’Alto Commissariato Onu per i diritti umani (Unhcr), conferma che “anche a loro, come a tutti gli altri quest’anno, le autorità hanno negato il visto”. 

    I nove montagnard hanno viaggiato attraverso la provincia nord-orientale di Ratanakiri, in direzione della capitale Phnom Penh; essi temono il rimpatrio in Vietnam, dove sono vittime di “persecuzioni a sfondo politico”. Anche in queste ultime settimane si sono verificati diversi arresti, e alcuni rilasci, di esponenti della minoranza etnico-religiosa da parte delle autorità di Hanoi. 

    Di recente il governo cambogiano ha imposto all’agenzia Onu per i rifugiati un limite massimo di tre mesi entro il quale tutti i richiedenti asilo montagnard cristiani, fuggiti dal Vietnam nei mesi scorsi, dovranno tornare in patria. Phnom Penh si rifiuta infatti di concedere lo status di rifugiati alla minoranza cristiana, originaria degli altipiani centrali del Paese, perseguitata dal governo comunista per ragioni di carattere politico e confessionale. 

    Delle oltre 200 persone che hanno attraversato il confine nell’ultimo anno, solo 13 hanno ricevuto dal governo cambogiano lo status di rifugiati; tuttavia, essi non potranno stabilirsi nel Paese ma dovranno cercarsi - con l’aiuto dello Unhcr - una sistemazione in una nazione terza. 

    Già nelle scorse settimane Phnom Penh aveva attuato la politica dei rimpatri, con decine di famiglie rimandate oltre-frontiera in Vietnam “manu militari”; attivisti e associazioni pro diritti umani criticano con forza questa decisione, che solleva più di un dubbio in materia di tutele e sicurezza dei rifugiati. Ong internazionali ed esperti hanno più volte denunciato in passato una “sistematica” persecuzione della minoranza cristiana da parte di Hanoi, caratterizzata da “arresti arbitrari, detenzioni, torture e altri trattamenti disumani”. 

    Fonti locali riferiscono che i rimpatri dei montagnard hanno un carattere “politico”, perché proprio il mese scorso il governo ha sottoscritto un accordo con l’Australia che apre le porte a due migranti Rohingya finora rinchiusi in un centro di accoglienza temporaneo a Nauru, in Micronesia. 

    Nel 2001 e nel 2004 almeno 2mila montagnard - originari delle zone montuose del centro del Vietnam - sono emigrati in Cambogia per sfuggire alle violenze delle autorità di Hanoi; il regime comunista li perseguita e confisca i loro terreni per la fede cristiana, per il sostegno fornito alle truppe statunitensi ai tempi della guerra, e soprattutto per impossessarsi dei loro terreni. La maggior parte di loro ha ottenuto asilo politico, con Washington in prima fila nella concessione di visti. Negli ultimi anni è ripreso l'esodo e sempre più famiglie tentano di attraversare la frontiera, in cerca di riparo nella vicina Cambogia. Con l'aiuto dell'Onu, alcuni hanno fatto richiesta di asilo politico, anche se molti esitano a contattare le autorità di Phnom Penh, nel timore di essere rimpatriati. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/07/2004 cambogia - vietnam
    Salvati 31 Montagnard nascosti nella giungla cambogiana

    Le Nazioni Unite offrono cure mediche e asilo



    03/03/2015 CAMBOGIA - VIETNAM
    Phnom Penh deporta 36 montagnard vietnamiti, in fuga dalle persecuzioni
    Il gruppo è stato fermato nel tragitto che separa le foreste del nord-est dalla capitale. Arrestato anche un cambogiano di etnia Charai, alla guida del gruppo. Coinvolti nel blitz agenti di polizia cambogiani e vietnamiti. Condotti al confine, i profughi sono stati consegnati alle autorità di Hanoi.

    27/02/2015 CAMBOGIA - VIETNAM
    Continua la fuga dei montagnards cristiani in Cambogia, ma scarseggiano scorte e viveri

    Altre otto persone, sette uomini e una donna fra i 20 e i 40 anni, da cinque giorni vivono nascosti fra gli alberi. Nei villaggi di confine è allerta perché mancano le risorse. Un abitante afferma: “Non abbiamo più cibo per tutti”. Intanto Phnom Penh continua la politica dei rimpatri, in violazione dei trattati internazionali.

    08/07/2004 cambogia - vietnam
    Hun Sen pronto ad inviare truppe contro i rifugiati Montagnard


    26/07/2005 CAMBOGIA - VIETNAM
    Cambogia: scosse elettriche ai montagnard che si oppongono al rimpatrio

    Human Rights Watch denuncia le violenze della polizia cambogiana durante i rimpatri forzati della popolazione degli Altopiani centrali del Vietnam; prove anche di abusi compiuti dalle forze dell'ordine vietnamite contro montagnard già tornati in patria.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®