24 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/03/2017, 13.12

    THAILANDIA

    Più di 500 statue di animali e divinità per onorare il defunto re Bhumibol



    Sono classificate in 16 categorie e la metà di esse, raffiguranti 26 personaggi fra divinità e sovrani delle epoche passate. Verranno create dagli artigiani dell’ufficio di arti tradizionali, mentre i rimanenti 11 personaggi – perlopiù animali e creature mitologiche – saranno scolpiti dagli artisti dell’accademia d’arte Ang Thong e Pohchang di Bangkok, a Ayutthaya.

    Bangkok (AsiaNews) – A decine di artisti del dipartimento d’arte tradizionale di Nakhon Pathom è stato commissionato di realizzare più di 500 statue per decorare il Phra Merumat, l’imponente struttura architettonica che ospiterà l’urna reale dopo la cremazione del re tailandese Bhumibol Adulyadej, defunto il 13 ottobre 2016. Le sculture da realizzare sono state classificate in 16 categorie e la metà di esse – raffiguranti 26 personaggi fra divinità e sovrani delle epoche passate – verranno create dagli artigiani dell’ufficio di arti tradizionali. I rimanenti 11 personaggi, perlopiù animali e creature mitologiche, saranno scolpiti dagli artisti dell’accademia d’arte Ang Thong e Pohchang di Bangkok, a Ayutthaya. Al presente, circa la metà delle statue sono state completate, il termine dei lavori è previsto per la fine di aprile.

    Il Phra Merumat è stato progettato da Korkiat Thongphud, del dipartimento di belle arti. L’idea della pira funeraria è di rappresentare il monte Meru, ovvero il luogo dove secondo alcune tradizionali credenze braminiche e buddiste lo spirito del re Bhumibol ritornerà. Al termine della costruzione, il Phra Merumat sarà alto 50,5 metri e avrà un tetto a sette falde e sarà strutturato su quattro piani. La costruzione verrà inoltre decorata con le centinaia di statue ora in costruzione. Su ognuno dei quattro angoli delle fondamenta del Phra Merumat verrà costruito uno stagno. L’angolo a nord verrà decorato con mandrie di elefanti mentre in quello sud verranno poste sculture dei sacri buoi. All’angolo est verranno poste statue di leoni, mentre a quello ovest verranno collocate sculture di cavalli.

    Secondo lo scultore Chaoren Hanchaoren, ogni statua ha un’anima in metallo. Durante la costruzione l’artigiano attacca centinaia di croci di legno che fungono da materiale di riempimento e infine ricopre la struttura con l’argilla. Prasopsuk Ratmai, capo del reparto scultura del dipartimento di arti tradizionale, afferma che “l’argilla dev’essere ben lavorata”. Per realizzare i calchi, viene usata l’argilla di Pathum Thani, perché non ha il colore grigio scuro della comune argilla, bensì ha un tono giallo-marrone, molto simile al beige. Questo colore riflette la luce e consente agli scultori di controllare meglio le dimensioni dei calchi mentre vengono costruiti. Una volta finito, ogni calco verrà trasportato presso un apposito spazio a Sanam Luang, dove verranno creati appositi stampi per poter replicare le statue in fibra di vetro, colorarle e poi posizionarle presso il Phra Merumat.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/03/2017 11:03:00 THAILANDIA
    Bangkok chiede un nuovo abate “non corrotto” per il grande tempio di Wat

    L’attuale abate è accusato di appropriazione indebita e abusivismo edilizio. Negli ultimi mesi le autorità hanno tentato più volte di arrestarlo, ma senza successo. L’ufficio nazionale buddista chiede di eleggere un monaco “esterno” al tempio come guida spirituale.



    14/09/2009 THAILANDIA
    La diocesi di Nakhon Sawan festeggia il suo nuovo vescovo
    Il 12 settembre oltre 5000 fedeli tra cui molti tribali della diocesi Nakhon Sawan hanno accolto mons. Joseph Phibun Visitnonthachai. Attraverso il motto “Dio è amore” egli ha ricordato loro l’esempio dell’amore di Cristo morto in croce per salvarci dai nostri peccati.

    08/02/2017 12:02:00 THAILANDIA
    Il re thai nomina il nuovo patriarca supremo del buddismo theravada

    La scelta è ricaduta su Somdej Phra Maha Muneewong, 89enne abate del tempio reale. Grande esperto del settore dell’istruzione e apprezzato studioso, egli è il 20mo patriarca supremo del buddismo theravada thai. La cerimonia, presieduta dal monarca, in programma nel pomeriggio del 12 febbraio. 

     



    17/06/2016 09:07:00 THAILANDIA
    Bangkok: fallisce il blitz nel tempio buddista di Dhammakaya, ancora in libertà l’abate “corrotto”

    L’operazione della polizia nelle strutture del Wat si è conclusa nel tardo pomeriggio di ieri. Phra Dhammachyao, accusato di appropriazione indebita per 40 milioni di dollari, non è stato trovato. Alcuni fedeli hanno impedito agli agenti di entrare in certe aree del compound. La polizia: “Sappiamo che l’abate è ancora all’interno. Il nostro lavoro non è finito”.

     



    17/12/2015 THAILANDIA
    Bangkok, migliaia in processione per la cremazione del patriarca buddista
    Somdet Phra Yannasangwon è stato il 19mo Patriarca Supremo del Paese, carica di nomina reale. Ribattezzato Charoen Suvaddhano – “colui che è divenuto grande” – era morto due anni fa. I suoi resti mortali, secondo la tradizione, hanno atteso 24 mesi per permettere ai fedeli di rendere l’estremo saluto. La pira accesa dal principe della corona Vajiralongkorn.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®