17 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/11/2016, 12.40

    VATICANO

    Più di mille detenuti prenderanno parte al Giubileo dei carcerati



    Alla celebrazione saranno presenti “detenuti di tutte le categorie”. Le testimonianze di un detenuto che in carcere ha sperimentato l’esperienza della conversione, che parlerà insieme alla vittima con la quale si è riconciliato; del fratello di una persona uccisa che si è fatta strumento di misericordia, quindi di perdono; di un ragazzo minorenne che sta scontando la sua pena e di un agente della Polizia penitenziaria.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Più di mille detenuti e i loro famigliari prenderanno parte, sabato e domenica prossimi, 5 e 6 novembre, al Giubileo dei carcerati che per la prima volta vedrà persone che sono in prigione prendere parte alla messa celebrata da papa Francesco in san Pietro.

    All’evento, illustrato oggi da mons. Rino Fisichella, presidente del Pontificio consiglio per la promozione della Nuova evangelizzazione, sono iscritte, finora, oltre 4.000 persone, di cui più di mille saranno i detenuti, provenienti da 12 Paesi nel mondo: Inghilterra, Italia, Lettonia, Madagascar, Malesia, Messico, Olanda, Spagna, USA, Sudafrica, Svezia e Portogallo. “Da sottolineare, inoltre, la presenza di una delegazione luterana, proveniente dalla Svezia”.

    Alla celebrazione saranno presenti “detenuti di tutte le categorie”. “Ci saranno, quindi, minori, persone in alternativa al carcere sul territorio, persone in detenzione domiciliare e detenuti definitivi con condanne diverse... insomma, una presenza vera che segna un reale impegno per offrire un futuro e una speranza oltre la condanna e la durata della pena”. Mons. Fisichella ha ricordato che la collaborazione con il Ministero italiano di giustizia ha consentito che sei detenuti svolgessero il loro servizio come volontari del Giubileo. “Un’esperienza intensa vissuta da tutti con spirito di genuino impegno e responsabilità”.

    Quanto al  programma delle due giornate, esso “non si discosta dallo spirito con cui si è voluto vivere il Giubileo”. “Nella giornata di sabato, quindi, i partecipanti avranno la possibilità, nelle Chiese giubilari, di confessarsi e di compiere il pellegrinaggio verso la Porta Santa di San Pietro attraversando il percorso di via della Conciliazione, per prepararsi alla Celebrazione del giorno successivo. Dalle ore 7.30 sarà possibile entrare in Basilica, in attesa della celebrazione della Santa Eucaristia presieduta dal Santo Padre alle ore 10.00”.

    “Molto intenso, a partire dalle ore 9.00, sarà il momento delle testimonianze. Avremo, infatti, come preparazione alla celebrazione eucaristica la presentazione di 4 testimoni che abbracciano l’arco del mondo delle carceri. Un detenuto che in carcere ha sperimentato l’esperienza della conversione, che parlerà insieme alla vittima con la quale si è riconciliato; il fratello di una persona uccisa che si è fatta strumento di misericordia, quindi di perdono; un ragazzo minorenne che sta scontando la sua pena e, infine, un agente della Polizia Penitenziaria, che quotidianamente è a contatto con i detenuti. Ascolteremo la loro esperienza di vita, e comprenderemo quanto il tema della misericordia non sia affatto una parola teorica, ma una genuina azione quotidiana che rappresenta spesso una vera sfida esistenziale. Le testimonianze saranno intercalate da musiche e canti realizzate dal Coro Papageno, composto da volontari e detenuti della Casa Circondariale “Dozza” di Bologna. Alcune particolarità, inoltre, aiuteranno a dar maggior significato allo svolgimento di questa giornata. Innanzitutto, il servizio liturgico sarà svolto dai detenuti. Le ostie che saranno utilizzate per la santa Messa sono state prodotte da alcuni detenuti del carcere di Opera di Milano, nell’ambito del progetto ‘Il Senso del Pane’, pensato e organizzato proprio in occasione del Giubileo, e sviluppato in collaborazione con la ‘Fondazione Casa dello Spirito e delle Arti Onlus’”

    “Quanto verrà vissuto domenica prossima in san Pietro, troverà riscontro in tante diocesi del mondo che si uniranno al Santo Padre per celebrare in modo solenne questa giornata con i carcerati. Nei mesi scorsi abbiamo scritto a tutte le Conferenze Episcopali del mondo, invitando i Vescovi a vivere questa domenica visitando le carceri e celebrando il Giubileo con i detenuti. Molte sono state le risposte positive che sono giunte e possiamo realmente pensare che la celebrazione avrà una eco mondiale nella sua realizzazione”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/11/2016 12:13:00 VATICANO
    Papa: Nell’Anno santo della Misericordia, un atto di clemenza verso i carcerati

    Papa Francesco rivolge un appello alle autorità civili di tutto il mondo per un miglioramento delle condizioni carcerarie, una giustizia “non solo punitiva”, ma tesa al reinserimento del reo nella società. Senza il riferimento “al Paradiso e alla vita eterna, il cristianesimo si ridurrebbe a un’etica, a una filosofia di vita”. I 38 martiri del regime comunista ateo in Albania beatificati ieri. L’entrata in vigore dell’Accordo di Parigi sul clima “per porre l’economia al servizio delle persone e per costruire la pace e la giustizia”.



    01/09/2015 VATICANO
    Papa: Giubileo, la tenerezza di Dio per le donne che hanno abortito, i lefebvriani, i carcerati, i malati
    In una Lettera inviata a mons. Rino Fisichella, papa Francesco stabilisce nuove condizioni per ricevere l’indulgenza, oltre quelli tradizionali. Tutti i sacerdoti potranno perdonare il peccato di aborto, preparandosi con “una genuina accoglienza” dei peccatori. Vivere la prova della malattia e della solitudine “come esperienza di vicinanza al Signore”. Speranza in una grande amnistia. La porta della cella come la Porta Santa. Praticando le opere di misericordia si riceve l’indulgenza plenaria. Segni di riconciliazione con la Fraternità S. Pio X.

    13/12/2015 VATICANO
    Papa: Conversione e gioia, anche se “il mondo è assillato da tanti problemi”
    All’Angelus papa Francesco invita a “cambiare direzione di marcia”, prendendo “la strada della giustizia, della solidarietà, della sobrietà”. Conversione anche per i pubblicani (gli “esattori delle tasse”), invitati a “non fare tangenti”. Chi si converte e si avvicina al Signore sente la gioia”. La Conferenza di Parigi sul clima necessita di “impegno e generosità”. La Conferenza di Nairobi dell’Omc tenga conto “dei bisogni dei poveri e delle persone più vulnerabili”. Il saluto ai detenuti del carcere di Padova, dove si è aperta la “Porta della Misericordia”. A cristiani e musulmani amici dei Focolari: “Andate avanti con coraggio. Siamo tutti figli di Dio”.

    06/11/2016 11:15:00 VATICANO
    Papa: Cari detenuti, è il giorno del vostro Giubileo! Che oggi, dinanzi al Signore, la vostra speranza sia accesa

    Alla celebrazione del Giubileo dei carcerati, insieme a detenuti, familiari, personale penitenziario, associazioni di sostegno, cappellani delle carceri, papa Francesco esorta alla speranza di “rinascere a una vita nuova”.  “Dio spera! La sua misericordia non lo lascia tranquillo. È come quel Padre della parabola, che spera sempre nel ritorno del figlio che ha sbagliato”. Non vi è stato un appello per indulto o un’amnistia: “Il Giubileo, per sua stessa natura, porta con sé l’annuncio della liberazione. Non dipende da me poterla concedere”.  I prigionieri "chiusi nei propri pregiudizi". La Madre e il Bambino che ha in mano una catena spezzata, “la catena della schiavitù e della prigionia”.



    27/12/2016 12:56:00 SRI LANKA
    Natale in Sri Lanka: messa per i carcerati cattolici e amnistia per 572 detenuti

    Nel carcere di Colombo i prigionieri cattolici hanno potuto partecipare ad una messa. Poi sono stati offerti dei doni a tutti i detenuti. In seguito hanno incontrato i parenti e pranzato insieme a loro.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®