29 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 10/08/2009, 00.00

    IRAN - TURKMENISTAN

    Più gas turkmeno all'Iran, per toglierlo all’Europa



    Ashgabat progetta di vendere a Teheran 14 miliardi di metri cubi di gas annui. L’Iran disposto a pagare il prezzo di mercato. I due Paesi hanno mostrato di recente unità di intenti, per esempio sulla disputa per i giacimenti sotto il Mar Caspio.

    Ashgabat (AsiaNews/Agenzie) – Il Turkmenistan progetta di aumentare l’esportazione di gas in Iran dagli attuali 8 miliardi a 14 miliardi di metri cubi (mmc) l’anno. L’Iran, anche se ha immensi giacimenti di petrolio e gas naturale, ha difficoltà a sfruttarli e preferisce intanto acquistarlo.

    Entro il 2009 si prevede sia completato il gasdotto da Devletabat (Turkmenistan orientale) all’Iran, capace di portare 12,5 mmc annui. L’Iran ha già raggiunto un accordo di massima per acquistare fino a 20 mmc di gas turkmeno. Secondo fonti di stampa, sarà pagato il prezzo corrente internazionale: Teheran appare disposta a spendere molto, pur di evitare che l’Europa acceda al gas turkmeno.

    Analisti commentano che gli ottimi rapporti attuali tra i due Paesi sono anche dietro la recente polemica tra Turkmenistan e Azerbaigian: Ashgabat ha accusato Baku di non voler trovare un accordo per la divisione dei giacimenti sotto il Mar Caspio e ha minacciato di rivolgersi alla Corte internazionale di arbitrato di Parigi e all’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

    Questi accordi inducono sempre gli esperti a interrogarsi sull’effettiva capacità dei giacimenti turkmeni, che il Paese definisce "ricchissimi", ma per i quali non sono mai stati possibili accertamenti approfonditi di soggetti esteri.

    Ashgabat ha accordi con la Cina per esportare 30 mmc di gas entro la fine dell’anno e ha anche promesso di vendere almeno 10 mmc attraverso il gasdotto Nabucco, che comunque è ancora alla fase di progettazione.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/04/2011 AZERBAIGIAN
    Progetto Nabucco: forse il via definitivo avverrà entro il 2011
    Dopo l’intesa preliminare di gennaio tra Barroso e l’Azerbaigian, ora occorre potenziare lo sfruttamento dei giacimenti azeri. Il presidente Aliyev riceve il presidente rumeno e fa capire che l’accordo dovrà essere non solo economico, ma comprendere più completi rapporti politici.

    02/07/2008 KAZAKISTAN
    La ricerca di un passaggio nel Caucaso per portar greggio in Europa
    L’80% del greggio kazako passa per la Russia, ma Mosca non vuole potenziarne il trasporto e mira a mantenere il controllo del mercato. Astana cerca altre vie verso l’Europa. I problemi con Baku e le offerte di Pechino e Teheran.

    08/01/2010 RUSSIA - CINA - IRAN
    Russia-Iran-Cina: nel 2010 potrebbe nascere il nuovo asse energetico
    Inaugurato il 6 gennaio un gasdotto tra Iran e Turkmenistan, già in funzione o previsti altri impianti che collegano Russia, Iran e Cina attraverso l’Asia centrale. L’Europa rischia di perdere la corsa per l’energia di Mar Caspio e Asia centrale e diventare dipendente da Mosca.

    05/07/2008 RUSSIA - ASIA CENTRALE
    Medvedev in Asia centrale per il monopolio dell’energia
    Il presidente russo visita Azerbaigian, Turkmenistan e Kazakistan per convincerli a far passare il loro gas per la Russia e a rifiutare i gasdotti proposti dall’Europa. Decisiva la posizione di Baku, per cui già passano condotti fino in Turchia.

    14/02/2008 TURKMENISTAN
    Il "nuovo corso" turkmeno: gas in gioco tra Russia, Europa e Cina
    Nel suo primo anno, il presidente Berdymukhamedov mostra un dinamismo spregiudicato: è alleato con la Russia ma tratta con tutti e cerca accordi e oleodotti alternativi a Mosca.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®