2 Giugno 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 10/08/2009
IRAN - TURKMENISTAN
Più gas turkmeno all'Iran, per toglierlo all’Europa
Ashgabat progetta di vendere a Teheran 14 miliardi di metri cubi di gas annui. L’Iran disposto a pagare il prezzo di mercato. I due Paesi hanno mostrato di recente unità di intenti, per esempio sulla disputa per i giacimenti sotto il Mar Caspio.

Ashgabat (AsiaNews/Agenzie) – Il Turkmenistan progetta di aumentare l’esportazione di gas in Iran dagli attuali 8 miliardi a 14 miliardi di metri cubi (mmc) l’anno. L’Iran, anche se ha immensi giacimenti di petrolio e gas naturale, ha difficoltà a sfruttarli e preferisce intanto acquistarlo.

Entro il 2009 si prevede sia completato il gasdotto da Devletabat (Turkmenistan orientale) all’Iran, capace di portare 12,5 mmc annui. L’Iran ha già raggiunto un accordo di massima per acquistare fino a 20 mmc di gas turkmeno. Secondo fonti di stampa, sarà pagato il prezzo corrente internazionale: Teheran appare disposta a spendere molto, pur di evitare che l’Europa acceda al gas turkmeno.

Analisti commentano che gli ottimi rapporti attuali tra i due Paesi sono anche dietro la recente polemica tra Turkmenistan e Azerbaigian: Ashgabat ha accusato Baku di non voler trovare un accordo per la divisione dei giacimenti sotto il Mar Caspio e ha minacciato di rivolgersi alla Corte internazionale di arbitrato di Parigi e all’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

Questi accordi inducono sempre gli esperti a interrogarsi sull’effettiva capacità dei giacimenti turkmeni, che il Paese definisce "ricchissimi", ma per i quali non sono mai stati possibili accertamenti approfonditi di soggetti esteri.

Ashgabat ha accordi con la Cina per esportare 30 mmc di gas entro la fine dell’anno e ha anche promesso di vendere almeno 10 mmc attraverso il gasdotto Nabucco, che comunque è ancora alla fase di progettazione.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
20/04/2011 AZERBAIGIAN
Progetto Nabucco: forse il via definitivo avverrà entro il 2011
02/07/2008 KAZAKISTAN
La ricerca di un passaggio nel Caucaso per portar greggio in Europa
08/01/2010 RUSSIA - CINA - IRAN
Russia-Iran-Cina: nel 2010 potrebbe nascere il nuovo asse energetico
05/07/2008 RUSSIA - ASIA CENTRALE
Medvedev in Asia centrale per il monopolio dell’energia
14/02/2008 TURKMENISTAN
Il "nuovo corso" turkmeno: gas in gioco tra Russia, Europa e Cina

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate