19 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/07/2012, 00.00

    TIBET – CINA

    Picchiata e arrestata 17enne: chiedeva il ritorno del Dalai Lama in Tibet



    La polizia cinese ha fermato Jigme Dolma perché distribuiva volantini in un mercato di Kardze (provincia del Sichuan), il 24 giugno scorso. Nel pestaggio, la giovane è rimasta ferita a mani, gambe e schiena ed è stata ricoverata in ospedale. La zia della ragazza è una monaca che ha scontato due anni di prigione per le proteste anticinesi del 2008.

    Kardze (AsiaNews) - La polizia cinese ha picchiato e arrestato una ragazza tibetana di 17 anni, perché chiedeva il ritorno del Dalai Lama in Tibet, l'indipendenza del Tibet e il rilascio del Panchen Lama e di tutti i prigionieri politici tibetani. Secondo fonti del Tibetan Centre for Human Rights and Democracy (Tchrd), i fatti sono avvenuti il 24 giugno scorso nella contea di Kardze (provincia del Sichuan). Per le ferite riportate durante il pestaggio, Jigme Dolma, questo il nome della giovane, è stata trasferita in un ospedale locale, sorvegliata a vista dalle forze dell'ordine.

    La mattina del 24 giugno, Jigme avrebbe iniziato a distribuire volantini nel mercato principale di Kardze, intonando slogan per il ritorno del Dalai Lama e l'indipendenza del Tibet. Dopo appena quattro minuti, gli agenti sono intervenuti e l'hanno portata via. In seguito all'arresto, il padre ha chiesto di poter vedere la figlia, ma la polizia ha respinto la richiesta. Il 28 giugno, l'uomo ha scoperto che la figlia era stata trasferita in ospedale per le lesioni subite durante il pestaggio. Dopo un giorno di attesa, la polizia gli ha permesso di vedere Jigme, che aveva riportato ferite alle mani, alle gambe e alla schiena.

    Una delle zie di Jigme Dolma è Traga, una monaca tibetana arrestata durante le proteste anticinesi del marzo 2008, represse nel sangue dall'esercito di Pechino, che sparò sulla folla disarmata. Il bilancio fu di almeno 13 morti nella zona e oltre 200 nell'intero Tibet. Da allora, la regione è sotto occupazione militare. Per aver partecipato alle manifestazioni, la monaca ha scontato una condanna di due anni di prigione. Circa un anno dopo il suo rilascio, Traga si è ammalata ed è stata ricoverata all'ospedale di Chengdu, capitale della provincia del Sichuan. Secondo i medici, la salute della donna era già grave quando era in carcere, ma le condizioni sarebbero peggiorate in assenza di alcun tipo trattamento.

    Secondo il Tchrd, la giovane potrebbe trovarsi nel Centro detentivo di Kardze. La famiglia è molto preoccupata per le sue condizioni di salute. Jigme è la più grande di tre sorelle. (NC) 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/01/2010 CINA – TIBET
    Dure condanne di Pechino a monaci e lama tibetani
    Una manifestazione a Delhi chiede il rilascio di Tenzin Delek, del Panchen Lama e di tutti i leader religiosi e politici del Tibet. Pechino, in risposta, manda i soldati nella contea di Nyagchuka e condanna un abate buddista a otto anni di galera. Il Dalai Lama, per la Cina, è un “monaco politico”.

    03/02/2011 INDIA – TIBET
    Il Karmapa Lama: La verità verrà a galla, l’inchiesta non ci preoccupa
    Migliaia di persone marciano a sostegno della terza carica spirituale del buddismo tibetano, che secondo alcuni “è una spia di Pechino”. Il deciso sostegno della popolazione e del governo in esilio dopo il raid che ha trovato dei soldi cinesi nel monastero dove vive.

    23/09/2005 ONU – TIBET – CINA
    Commissione Onu chiede di visitare il Panchen Lama sequestrato da Pechino

    Le autorità cinesi rispondono che Gedhun Choekyi Nyima, ora di 16 anni, sta bene e non vuole ricevere visite di estranei "per non essere disturbato".



    16/08/2004 cina - tibet
    Il Panchen Lama di Pechino visita Lhasa durante una festa tibetana


    26/11/2003 tibet - cina
    L'11mo Panchen Lama, il più giovane prigioniero di coscienza

     





    In evidenza

    VATICANO-CINA-HONG KONG
    L’articolo del card. Tong sul dialogo Cina-Santa Sede fra gioia e sgomento

    Bernardo Cervellera

    L’ottimismo del vescovo di Hong Kong sul cambiamento del metodo delle nomine episcopali e sulla funzione dell’Associazione patriottica. Ma non è chiaro se è un cambiamento nei fatti o solo nominalistico, nelle parole. I vescovi sotterranei sono patriottici e amano il loro Paese, ma il Partito li sospetta. Libertà “essenziale” nelle nomine episcopali, ma i vescovi non sono liberi di svolgere il loro ministero. Vescovi patriottici controllati nelle loro visite con membri della Chiesa universale. Le “cimici” (microfoni nascosti) negli uffici episcopali.


    HONG KONG-CINA-VATICANO
    Card. Tong: Il futuro del dialogo Sino-Vaticano dal punto di vista ecclesiologico

    Card. John Tong

    Il cardinale di Hong Kong spiega i passi in cui si desidera far muovere il dialogo fra Cina e Santa Sede. A tema la funzione del papa nelle nomine dei vescovi; il cambiamento di visione nell’Associazione patriottica; la possibile integrazione dei vescovi sotterranei nella conferenza episcopale.  Il nuovo articolo a firma  del card. John Tong, dopo quello di alcuni mesi fa su “Comunione della Chiesa in Cina con la Chiesa universale”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®