06 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  •    - Mongolia
  •    - Russia
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 13/06/2012, 00.00

    RUSSIA

    Pioggia e multe non spaventano Mosca, in migliaia in piazza contro Putin

    Nina Achmatova

    La seconda "marcia del milione" si è svolta senza alcuni dei leader dell'opposizione, sotto interrogatorio con l'accusa di aver fomentato le violenze della precedente manifestazione. Dal palco letto il manifesto della "Russia libera": dimissioni di Putin e nuova legge elettorale. Analisti: da oggi è possibile un nuovo futuro politico.

    Mosca (Asianews) - Nonostante la pioggia e le nuove draconiane misure anti-raduni varate in Russia, migliaia di persone hanno sfilato ieri al centro di Mosca nella seconda "marcia del milione", l'ultima manifestazione anti-Putin organizzata dall'opposizione. Oltre 120mila per gli organizzatori, 22mila per la polizia e più realisticamente 50mila per i media, si sono riuniti in piazza Pushkin per poi camminare in corteo fino a viale Sakharov, dove dal palco hanno parlato alcuni degli esponenti di spicco del movimento, orfani però di tre dei loro 'colleghi' più carismatici: Alexei Navalny, Ilya Yashin e Ksenia Sobchak. Tutti e tre erano sotto interrogatorio, convocati alla vigilia della dimostrazione dal Comitato investigativo russo, che indaga sulle violenze esplose nella precedente manifestazione del 6 maggio, quando furono ferite decine di persone e arrestate oltre 400 in scontri tra manifestanti e polizia.

    Stavolta non si sono verificati disordini e nonostante i toni duri usati negli slogan della piazza ("Putin dimettiti, Putin ladro, Questa Duma è la vergogna del Paese"), le forze dell'ordine, circa 12mila agenti, sono rimaste a guardare. Si è notata la minore presenza anche degli Omon, i famigerati agenti anti-sommossa, mentre tra la folla si intravedevano cartelli con la data "1937", l'inizio delle purghe staliniane.
    In un discorso tenuto in contemporanea con la protesta, in occasione del Giorno della Russia (si festeggiava la nascita della Federazione nel 1991), lo stesso Putin è sembrato conciliatorio quando ha sottolineato l'importanza di "ascoltare e rispettarsi l'un l'altro e cercare il compromesso". Salvo poi avvertire, però, che "è inammissibile qualsiasi decisione che possa portare a scossoni sociali ed economici". Un riferimento molto chiaro alle intenzioni dell'opposizione di piazza, sempre accusata di voler fomentare rivoluzioni.

    Il carismatico blogger e avvocato Navalny ha sperato fino all'ultimo di unirsi ai dimostranti, ma ha poi dovuto rinunciare. Dopo la perquisizione in casa sua e di altri otto 'dissidenti' l'11 giugno e l'interrogatorio, nella serata del 12 giugno è stato scortato fino al quartier generale di RosPil, la sua organizzazione anti-corruzione, per un'ulteriore perquisizione.
    La sua assenza, comunque, ha dimostrato che la piazza moscovita non ha bisogno di nessun leader in particolare per andare avanti. Dal palco è stato letto il "manifesto della Russia libera", testo in cui si raccolgono le richieste dell'opposizione. Non più semplicemente "elezioni oneste" come quest'inverno, ma in primo luogo le dimissioni di Putin, una nuova legge elettorale e limiti al mandato presidenziale. Se le richieste non verranno ascoltate, si continuerà con scioperi e azioni di disobbedienza civile.

    Secondo il quotidiano Vedomosti, "dalla seconda marcia del milione potrebbe nascere un nuovo futuro politico" per la Russia, con la società civile che si istituzionalizza e il governo che inizia a prendere seriamente in considerazione l'opposizione a-sistemica (come viene chiamata quella extraparlamentare) "sebbene ancora non riesca a trovare un modo per dialogare, se non quello degli interrogatori".

    "Mi pare che il potere - commenta Serghei Udaltsov, leader della sinistra e anche lui oggetto delle 'perquisizioni preventive' - stia entrando nel panico, non sa come comportarsi con un movimento cittadino che non smette di crescere. Sanno che è un fenomeno pericoloso e intervengono reprimendo. Se il potere crede di farci paura si sbaglia. Avrà come risposta sempre più gente nelle strade". E' dello stesso parere il politico Mikahil Kasaniov, anche lui intervenuto al comizio: le manifestazioni devono proseguire nonostante i tentativi "intimidatori" delle autorità. "A fine anno saremo davvero un milione di persone", pronostica. 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/12/2011 RUSSIA
    Criticava Putin, epurazioni alla rivista Kommersant-Vlast
    L’oligarca vicino al Cremlino e proprietario dell’autorevole magazine, licenzia il direttore e il manager dopo un servizio sui brogli alle legislative del 4 dicembre.

    29/02/2012 RUSSIA
    Manifestazione anti-Putin, l'opposizione minaccia accampamento sotto il Cremlino
    Le autorità negano al movimento di protesta la piazza Lubjanka per il 5 marzo. Gruppi di attivisti pronti ad accamparsi in piazza Rossa, come nel 2004 gli ucraini sul Majdan.

    07/06/2012 RUSSIA
    Giro di vite sulle manifestazioni, alla vigilia di nuovo corteo anti-Putin
    Dopo il sì della Duma, anche il Senato russo approva il ddl che inasprisce le sanzioni a chi partecipa a dimostrazioni non autorizzate. I cittadini rischiano di dover pagare fino a 7mila euro. Per diventare legge manca solo la firma del presidente.

    19/04/2012 RUSSIA
    Proteste e scioperi ad Astrakan: le autorità ammettono irregolarità di voto
    Nella città del sud della Russia, l'ex candidato sindaco continua lo sciopero della fame contro i presunti brogli che hanno portato alla vittoria il rivale, membro del partio putiniano Russia Unita. Smettere di mangiare invece che andare in piazza, diventa una forma di dissenso che inizia a far paura al Cremlino.

    18/07/2013 RUSSIA
    Processo Navalny, condannato il blogger oppositore
    Accusato di frode e appropriazione indebita a Kirov, per lui il pm ha chiesto sei anni di detenzione. Il verdetto di colpevolezza pronunciato questa mattina, attesa per la condanna: se sarà a 6 anni, come ha chiesto il pubblico ministero, farà deragliare la sua corsa alle elezioni municipali di Mosca, per l’8 settembre.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®