11/05/2011, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Pogrom in Orissa, la polizia scagiona i cristiani per la morte dello swami indù

di Nirmala Carvalho
Sono stati i maoisti a uccidere Laxmanananda Saraswati nell’agosto 2008: questa è la conclusione dell’indagine, che ha portato all’incriminazione di 14 membri dell’ultra sinistra. L’assassinio, di cui i radicali indù hanno accusato ingiustamente i cristiani, ha scatenato grandi violenze. Almeno 100 i cristiani uccisi, decine di migliaia gli sfollati, centinaia di chiese distrutte o vandalizzate.

Mumbai (AsiaNews) – Maoisti di primo piano sono stati coinvolti nell’assassinio del maestro indù, Laxmanananda Saraswati, la cui uccisione ha fornito il pretesto per i pogrom anticristiani del 2008 nel distretto di Kandhamal (Orissa) e in altre parti dell'India. La notizia viene da fonti di polizia, che l’hanno resa ufficiale il 9 maggio.

La sezione criminale della polizia dell’Orissa, che ha compiuto ulteriori indagini sui fatti del 2008, ha registrato un’accusa nei confronti di almeno sette persone coinvolte nell’uccisione di Saraswati e di alcuni suoi seguaci all’ashram di Jaleshpata, nell’area di Tumudibandh nel distretto di Kandhamal. Il crimine ha avuto luogo nella tarda serata del 23 agosto 2008.

Secondo le fonti, l’indagine ha rivelato che i leader maoisti hanno formato un “gruppo di miliziani” per eseguire il piano, che prevedeva l’uccisione del leader storico del Vhp (Viswa Hindu Parishad, Consiglio mondiale indù). “Tutti i sette sono maoisti ufficiali”, ha confermato l’ispettore generale della sezione criminale, Abhay. L’indagine preliminare ha portato, nel 2009, all’incriminazione di altre sette persone. Tutti i 14 accusati di essere mandanti  autori dell’odioso crimine, sono “quadri” maoisti, incluso il leader maoista Sabyasachi Panda.

Un funzionario della sezione criminale in precedenza ha dichiarato che l’organizzazione maoista, fuori legge, si era assunta immediatamente la responsabilità dell’uccisione del visionario, perché il leader indù diffondeva odio nel popolo in nome della religione. In effetti dagli anni '60 lo swami si era contraddistinto per le sue campagne contro le conversioni dei Dalit e gli assalti contro chiese, scuole, lebbrosari, ospedali, centri sociali cristiani. 

Durga Prasad Kar, presidente del Vhp dell’Orissa, aveva registrato una petizione avanzando dubbi sul coinvolgimento dei maoisti nell’uccisione. Kar, un responsabile capo dell’ufficio tasse in pensione, aveva citato nella sua petizione otto tentativi di assassinio nei confronti di Saraswati, accaduti fra il 1969 e il dicembre 2007. E scriveva: “Dagli attacchi citati, non dovrebbe esserci uno iota di dubbio sul fatto che Laxmanananda Saraswati era un bersaglio dei cristiani convertiti, e il loro obiettivo è stato raggiunto il 23 agosto 2008 con la sua uccisione”. Secondo Kar, “tutti gli attacchi precedenti venivano da cristiani convertiti e non da maoisti”.

Sajan K. George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic) ha chiesto che il Vhp venga messo al bando. “Il Vhp dovrebbe offrire scuse incondizionate al popolo indiano, e alla comunità internazionale, per aver diffuso notizie false sui cristiani, e per aver insinuato un coinvolgimento delle Chiese nell’assassinio del leader indù Laxmanananda Saraswati. L’accusa stilata dalla polizia dimostra che i responsabili della pianificazione e dell’esecuzione del crimine sono il leader storico maoista Sabyasachi Panda, insieme ad altri sei. Lo Stato dell’Orissa e il governo centrale dovrebbero mettere sotto stretta sorveglianza il Vhp e altre organizzazioni radicali indù per impedire futuri attacchi contro la minoranza cristiana in India”.

Gli altri sei accusati sono Udaya alias Pulari Rama Rao, Jadu alias Somanath Dandasena, Azad alias Dona Keshava Rao, Dasru alias Dasanna, Lalu e Lakhmu alias Madan. Dei sette, solo due sono stati arrestati. L’uccisione è stata attribuita dal Vhp ai cristiani, e ha provocato un’ondata di violenza grandissima a Kandhamal. Oltre 100 cristiani sono stati uccisi, decine di migliaia hanno dovuto abbandonare le loro case, centinaia di chiese e altre istituzioni cristiane sono state distrutte e vandalizzate.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Orissa: arrestato Madhu Baba, leader indù anti-cristiano
21/10/2009
Ucciso un catechista in Orissa: i radicali indù giocano col terrore
16/12/2011
Un radicale indù uccide un cristiano: ha testimoniato nei pogrom di Kandhamal
29/07/2011
Orissa, fondamentalisti attaccano un indù troppo amico dei cristiani
19/04/2011
P. Thomas: Cristiani dell’Orissa, esempio di fede per la Chiesa universale
23/05/2009