24 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/05/2016, 12.22

    EGITTO

    Portavoce Chiesa cattolica: Regeni, vicenda oscura. Attacco politico e mediatico sull’Egitto



    Per p. Rafic Greiche l’omicidio del ricercatore italiano è un esempio delle difficoltà che attraversa il Cairo nei rapporti con media e comunità internazionale. Anche il consulente egiziano della famiglia Regeni arrestato di recente sembra “uscito dal nulla”. La linea dura del governo per rilanciare l’economia e lo sviluppo del Paese. 

    Il Cairo (AsiaNews) - La vicenda di Giulio Regeni è “un chiaro esempio” della difficoltà che attraversa il governo egiziano “nel relazionarsi con i media”, nel “presentare” le proprie azioni e nei “rapporti internazionali”. È quanto afferma ad AsiaNews p. Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica egiziana, commentando l’omicidio - tuttora irrisolto, avvolto nel mistero e condito di depistaggi - del ricercatore italiano avvenuto al Cairo a fine gennaio. Il ministero degli Interni, aggiunge il sacerdote, “non ha detto cosa è davvero successo” forse perché “nemmeno lo sa”, però avrebbe dovuto riconoscerlo “invece di complicare il quadro” e alimentare “i sospetti”. Del resto tutta la vicenda “appare molto strana”. 

    Il 28enne ricercatore italiano Giulio Regeni a settembre si era trasferito al Cairo per un dottorato di ricerca sui sindacati locali, per conto dell’università di Cambridge. Di lui si sono perse le tracce il 25 gennaio, in concomitanza con il quinto anniversario dell’inizio della rivolta studentesca di piazza Tahrir, che ha segnato una svolta nella storia recente del Paese. Il suo corpo, che per gli inquirenti italiani presentava segni di torture “disumane”, è stato ritrovato alcuni giorni più tardi (6 febbraio), sul ciglio di una strada nella periferia della capitale. 

    “Da egiziano - racconta p. Rafic Greiche - mi chiedo, come molti concittadini, perché la vicenda abbia assunto un così grande clamore, soprattutto dal punto di vista politico. Questo non riusciamo a capirlo, pur comprendendo la sofferenza per la morte violenza di un giovane. Ma di questi eventi ne sono successi in altre parti del mondo, sempre con protagonisti cittadini italiani”. Pur volendo evitare qualsiasi tipo di “speculazione”, aggiunge, “vorrei sapere perché questa attenzione per Regeni e non per altri. Non ho una risposta, ma mi sembra strano”. 

    Per il sacerdote egiziano il Paese e il suo governo “sono sotto attacco” a livello mediatico, e forse “anche l’Italia non ha detto tutta la verità” sul ragazzo. “Ci deve essere qualcosa - aggiunge - ma nessuno ne parla in modo chiaro, né l’Egitto né l’Italia”.

    A complicare il quadro anche l’arresto di un consulente egiziano della famiglia Regeni, Ahmed Abdallah, presidente della ong “Egyptian Commission for Rights and Freedoms”, che è stato arrestato il 25 aprile scorso per manifestazioni illegali. “Di lui e della sua associazione - spiega il portavoce della Chiesa egiziana - prima d’ora non si sapeva nulla. Il fermo non riguarda il caso Regeni, ma non posso escludere vi siano legami. Certo è che è uscito da nulla, e anche in questo caso si può affermare che ci siano elementi strani, poco chiari”. 

    La situazione nel Paese è complicata, vi sono casi di abusi e violazioni ai diritti umani, il governo e il presidente al Sisi hanno scelto la linea dura contro la protesta, per scongiurare il ritorno dell’ala estremista islamica e la deriva fondamentalista. Del resto per due anni l’Egitto è stato nelle mani dei Fratelli musulmani, cacciati da una imponente protesta di piazza. Ora i vertici politici e istituzionali hanno deciso di adottare la linea del rigore per ricostruire il tessuto economico e sociale. 

    Il governo egiziano e il presidente al Sisi “stanno promuovendo progetti interessanti in tema di agricoltura, nelle infrastrutture [vedi l’ampliamento del Canale di Suez], nell’industria” che andavano promossi “già molti anni fa”. Il governo, racconta p. Greiche, “vuole recuperare il terreno perduto” con Mubarak e la rivoluzione araba. In parallelo, esso ha “gravi problemi con i media nel presentare questi progetti, nell’illustrare la propria politica economica, le scelte fatte” e la protesta di piazza per le isole cedute ai sauditi “ne è un esempio”. 

    L’ultima controversia riguarda l’arresto di un gruppo satirico per un video sul presidente Sisi e gli attacchi contro i media e la stampa. “Anche per quanto concerne il fermo dei giornalisti - spiega p. Rafic - la polizia ha agito secondo diritto, perché non si sono presentati davanti ai giudici nonostante l’invito a comparire, preferendo rifugiarsi nella sede del sindacato dei giornalisti”. Certo, l’Egitto oggi “ha diversi problemi”, dal punto di vista economico, sociale, politico. Tuttavia, conclude il sacerdote, bisogna “aiutare i turisti a tornare, comprare i prodotti egiziani, e poi chiedere all’Europa un aiuto maggiore. Al contempo, il governo deve presentare meglio le decisioni prese, deve instaurare un rapporto migliore col popolo e chiudere con una violenza stupida e cieca”. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/04/2016 14:43:00 EGITTO
    Attivista egiziano: in piazza per economia e diritti. No al ritorno dei Fratelli musulmani

    Per Magdy Mina, portavoce del Maspero Youth Union, i cittadini chiedono “stabilità, crescita e occupazione”. Vi è risentimento per la cessione delle isole a Riyadh e preoccupazione per un legame troppo stretto con i sauditi. La maggioranza è contro il movimento estremista islamico, che ha animato la protesta di ieri. La vicenda di Giulio Regeni sfruttata per colpire il Paese. 



    05/01/2017 09:23:00 EGITTO
    Cairo, nuovo giro di vite sui media: cancellato il popolare programma tv di Ibrahim Issa

    Su Facebook il conduttore spiega: “Oneri e responsabilità”, una trasmissione che “ha aperto molte menti”, ma ha causato “un carico enorme di pressioni”. Il presidente del Parlamento lo ha accusato di “disinformazione criminale”. Da sempre critico verso l’establishment, egli ha ricevuto premi e onorificenze per la sua battaglia per la libera informazione.

     

     



    05/02/2016 13:37:00 EGITTO - ITALIA
    La Chiesa egiziana prega per Giulio Regeni: Giustizia per questo ragazzo

    Le autorità egiziane hanno avviato un’inchiesta sull’omicidio del giovane ricercatore. Sul corpo presenti i segni di violenze e torture. Si parla di delitto politico, ma non vi sono conferme al riguardo. Giovane attivista: “Polizia e intelligence non hanno interesse a colpire così uno straniero”. P. Rafic Greiche, portavoce della Chiesa egiziana: “Preghiamo per lui e la sua famiglia”. 



    08/04/2011 EGITTO
    Egitto verso le elezioni, fra divisioni politiche, estremismi religiosi e potere dell’esercito
    I giovani di piazza Tahrir tentano una coalizione dei movimenti in vista delle elezioni di settembre, ma hanno poco tempo. Le diatribe interne ai Fratelli musulmani rischiano di incrementare le fila del movimento estremista islamico dei salafiti. I militari, saldi al potere, mantengono la stabilità nel Paese bilanciando le differenze fra i partiti. In piazza Tahrir, centinaia di migliaia giovani chiedono il processo contro Mubarak. Fonti di AsiaNews: "Se cristiani e musulmani si impegnano a lavorare insieme, il Paese potrà fare dei passi avanti”.

    26/05/2014 EGITTO
    Egitto, al via le elezioni presidenziali: Al-Sisi verso la vittoria
    Le urne resteranno aperte per 48 ore, i risultati sono attesi per la fine di maggio. Analisti ed esperti danno per scontata la proclamazione dell'ex militare, capo delle Forze armate, che ha promesso di "sradicare" il terrorismo islamico dal Paese. Timori per una nuova virata autoritaria.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Lettera per i 100 anni della Maximum Illud sull’attività svolta dai missionari nel mondo



    Per l’ottobre 2019, papa Francesco lancia un Mese Missionario Straordinario per risvegliare l’impegno della missione ad gentes e per trasformare in modo missionario la pastorale ordinaria, sfuggendo alla stanchezza, al formalismo e all’autopreservazione. Il “compito imprescindibile della missione ad gentes da Benedetto XV al Concilio Vaticano II, a papa Giovanni Paolo II, fino all’Evangelii Gaudium.


    CINA-VATICANO
    Wang Zuoan: Papa Francesco è sincero, ma deve sottostare a due condizioni

    Li Yuan

    In un’intervista alla Commercial Radio, il direttore dell’Amministrazione statale per gli affari religiosi ribadisce l’urgenza di tagliare i rapporti con Taiwan e di non interferire negli affari interni della Cina, nemmeno quelli religiosi. Grandi elogi al discorso di Xi Jinping da parte dei due vescovi ospiti del Congresso del Partito, Fang Xinyao e Ma Yinglin. “Falsi pastori, ma reali schiavi”. I timori di un cattolico sotterraneo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®