27/02/2004, 00.00
giappone
Invia ad un amico

Premio Niwano per la pace a un'organizzazione ugandese

Tokyo (AsiaNews) – La Niwano Peace Foundation ha deciso di conferire il 21º premio per la pace all'Acholi Religious Leaders' Peace Iniziative (ARLPI), un'organizzazione ugandese impegnata a promuovere la fine dei conflitti e il dialogo interreligioso.

Durante la cerimonia, che si terrà a Tokyo il prossimo 11 maggio, l'ARLPI riceverà, oltre alla certificazione del premio, anche una medaglia e 20 milioni di yen (circa 145 mila euro).

L'ARLPI è la prima organizzazione africana a ricevere il premio. È stata fondata nel 1998 ed è composta da membri appartenenti a diverse confessioni religiose, tra cui islam e cristianesimo (cattolici, ortodossi e anglicani). Lavora per porre fine ai conflitti armati in maniera non violenta, sensibilizzare in favore della pace, assistere le vittime delle guerre grazie all'aiuto di volontari, leader religiosi, sostenitori. Durante la guerra civile, l'organizzazione ha tentato di promuovere il dialogo tra le autorità dell'Uganda e il Lord's Resistance Army, un gruppo guerrigliero che ha commesso gravi violazioni dei diritti umani contro la popolazione civile.

La Niwano Peace Foundation è stata fondata nel 1978 per contribuire alla costruzione di un mondo di pace in campi quali religione, filosofia, cultura, scienza. Grazie a donazioni di 3,8 miliardi di yen (circa 28 milioni di euro), la fondazione organizza attività culturali e scambi internazionali e conferisce ogni anno il Niwano Peace Prize a persone e associazioni che promuovono la pace e il dialogo interreligioso. Per la scelta del candidato, il cui prestigio deve essere riconosciuto in tutto il mondo, la fondazione delega circa 1000 persone di diverse religioni provenienti da 125 paesi e un comitato composto da 10 leader religiosi impegnati a favore della pace e della cooperazione interreligiosa.

Tra le personalità che hanno ricevuto il premio figurano Helder P. Camara, arcivescovo di Recife (Brasile); il Congresso Mondiale Musulmano; Etai Yamada, capo della corrente buddista Tendai; Maha Ghosananda, bonzo cambogiano; la comunità di Sant' Egidio; Kang Won Yong, leader presbiteriano sud-coreano; Abuna Elias Chacour, prete cattolico palestinese.

La Niwano Peace Foundation è legata all'opera di Nikkyo Niwano, figura di rilievo della spiritualità giapponese, che nel 1938 ha fondato l'organizzazione buddista laica Rissho Kosei Kai. Il movimento mira a un rinnovamento dell'insegnamento del buddismo amida e unisce profonda spiritualità, impegno sociale, promozione della pace, dialogo tra le religioni. L'organizzazione, che oggi è guidata dai figli di Nikkyo Niwano - Nichiko e Kinjiro – ha continui rapporti con personalità ecclesiali di tutte le confessioni, in particolare con Chiara Lubich, fondatrice del Movimento dei Focolari. (MR)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Maria Voce, del Movimento dei Focolari, in visita in Estremo oriente
20/01/2010
Messaggio del Vaticano per la festa del Buddha (Vesakh): insieme sulla via della non violenza
22/04/2017 12:44
Leader religiosi chiedono al G8 libertà di religione per Tibet e Myanmar
05/07/2008
Vaticano all'Islam: "continuiamo sulla via del dialogo"
14/10/2005
Ascetismo zen, giovani giapponesi in fuga dal caos quotidiano
11/11/2017 09:41