21 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/05/2009, 00.00

    TURCHIA

    Primo Maggio a Istanbul, fra fiori e qualche scontro con la polizia

    Geries Othman

    Per la prima volta dopo 30 anni si fa la Festa del lavoro. Piazza Taksim blindata dalla polizia. Un gruppo di sindacalisti ha messo ghirlande di fiori a ricordo delle vittime del 1977. Ma alcuni manifestanti hanno attaccato la polizia e rotto vetrine di banche e supermercati.

    Istanbul (AsiaNews) – In Turchia si è tornati a fasteggiare dopo 30 anni il Primo Maggio, ma vi sono stati scontri fra giovani ultrà e polizia.

    Deserta e blindata fin alla prime ore del mattino, la piazza di Taksim, la grande piazza di İstanbul, dove 32 anni fa durante la Festa del Primo Maggio 36 lavoratori persero la vita negli scontri tra polizia e manifestanti. Da allora è proibito farvi manifestazioni. In ogni caso, per la prima volta dopo tre decenni anche in Turchia il primo maggio è stata dichiarata Festa dei lavoratori. É stato un giorno di vacanza, ma anche di sfilate e manifestazioni pubbliche in ogni città turca. Secondo gli ordini del Prefetto di Istanbul, nessuno doveva occupare la piazza di Taksim: solo i dirigenti dei sindacati ed esponenti politici con previa autorizzazione.

    Migliaia i poliziotti stanziati a proteggere e bloccare l’accesso a questo “spazio conteso”, durante la cerimonia organizzata per la prima volta, a ricordo delle vittime del 1977.

    Sotto gli occhi vigili della polizia i manifestanti hanno sfilato per le strade del Bosforo con le bandiere della confederazioni sindacali Disk e Kesk, dei partiti di sinistra e della formazione filocurda Dtp, scandendo slogan quali: "mano nella mano contro il fascismo"; "la repressione non ci fermerà";"lunga vita al primo maggio"; "lunga vita alla rivoluzione e al socialismo". Intanto, solo un gruppo di sindacalisti ha posto ghirlande di garofani bianchi e rossi ai piedi del monumento a memoria del “primo maggio di sangue”, e due poliziotti incaricati dalla prefettura hanno distribuito fiori a tutti i partecipanti.

    Nelle strade laterali, giovani con il viso coperto da mascherine o bandane hanno lanciato pietre con fionde e molotov contro la polizia e hanno rotto le vetrine di banche e supermercati. Gli agenti in tenuta anti-sommossa hanno disperso questi manifestanti incattiviti con idranti e gas lacrimogeni. Alcuni dei manifestanti sono stati arrestati.

    "Questi non sono lavoratori e non hanno niente a che fare con i lavoratori. Sono gruppi radicali e separatisti che provocano la polizia", ha subito precisato il governatore di Istanbul Muammer Guler, che, a manifestazione conclusa, e dispersa ormai la folla, ha commentato a caldo la mattinata ritenendosi, nonostante tutto, soddisfatto. “Rispetto agli anni scorsi – ha detto - posso dire che tutto si è svolto in tranquillità”. Grandi sfilate di lavoratori si sono svolte pure ad Ankara, Smirne e altre città della Turchia. Si aspettano ora i commenti dei sindacati  e del governo.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/05/2017 09:49:00 TURCHIA
    Ankara, due milioni di giovani vittime del lavoro minorile. Anche profughi siriani

    Il 78% viene impiegato in modo “clandestino”, senza diritti né tutela sanitaria, risarcimenti per infortunio. Almeno 56 i minori morti lo scorso anno in incidenti sul lavoro, ma sono stime al ribasso. L’aumento del numero di bambini sfruttati legato alla “crescita significativa” della povertà minorile. Profughi minori siriani utilizzati in modo illegale nelle industrie del tessile.



    01/05/2013 NEPAL
    Primo Maggio a Kathmandu: I partiti politici distruggono il lavoro
    Conflitti politici, manifestazioni e scioperi costringono fabbriche a chiudere lasciando la gente disoccupata. Alcuni non possono provvedere né cibo, né scuola per i figli. Una critica al governo maoista.

    01/05/2013 VATICANO
    Papa: il mese di maggio contro il “lavoro schiavo” e per la solidarietà
    All’udienza generale nel giorno di san Giuseppe lavoratore, e Festa dei lavoratori, Francesco invita il mondo a prendere “un’azione decisa” contro la tratta degli esseri umani e contro il lavoro che non dà dignità, ma reprime l’uomo. L’invito a “mantenere la speranza, soprattutto per i giovani, perché alla fine del tunnel c’è sempre una luce”. L'invito a tutte le famiglie a pregare il Rosario durante il mese di maggio.

    02/05/2014 TURCHIA
    Istanbul, un primo maggio di violenze per piazza Taksim
    I sindacati non allineati al governo hanno cercato di raggiungere la piazza, protagonista un anno fa di proteste contro il governo Erdogan, per onorare le vittime del massacro del 1977. Il premier ha prima "invitato" i cittadini a non manifestare, e poi ha schierato 40mila poliziotti per fermarli. Circa 150 arresti e un centinaio di feriti.

    02/05/2012 PAKISTAN
    Primo maggio in Pakistan: cristiani e musulmani, uniti, a difesa del lavoro
    Decine di iniziative ed eventi in tutto il Paese per celebrare la giornata internazionale dedicate al lavoro. A Faisalabad una manifestazione interconfessionale ha invaso le vie della città. Più diritti e tutele, lotta sindacale e miglioramento della condizione femminile gli obiettivi della lotta. Attivista cristiano: i diritti dei lavoratori “all’ultimo posto” fra le priorità del governo.



    In evidenza

    CINA
    Liu Xiaobo: una fiaccola che illumina la civiltà umana



    La testimonianza del grande dissidente non violento, lasciato morire di cancro, è il più alto contributo all’umanità negli ultimi (sterili) 500 anni di storia cinese. Il ricordo di Liu (e di sua moglie) da parte di un sacerdote del nord della Cina.


    INDIA
    Goa: croci distrutte, cimitero dissacrato. Mons. Neri Ferrao: colpa dell’odio religioso



    Le croci sono state lasciate infrante ai margini della strada. Nel cimitero di Guardian Angel Church danneggiate 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce all’ingresso. Sajan K George: “Durante un raduno di indù, un fondamentalista ha detto che tutti quelli che mangiano la vacca devono essere impiccati”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®