25 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 31/12/2016, 09.18

    PAKISTAN

    Punjab, salgono a 49 le vittime intossicate a Natale dall’alcol illegale

    Shafique Khokhar

    Il liquido tossico proveniva da una stazione di polizia locale. Molti feriti sono ancora ricoverati in gravi condizioni. Circa 30 persone sono state sepolte. I familiari dei defunti pregano per le strade.

    Toba Tek Singh (AsiaNews) – È salito a 49 morti il bilancio delle persone morte, in maggioranza cristiani, dopo aver ingerito alcol tossico a Natale in una città del Punjab pakistano. P. Bonnie Mendes, noto attivista, ha visitato i feriti (circa 100) ancora ricoverati in gravi condizioni nell’ospedale di Toba Tek Singh, dove è avvenuto l’incidente. Ad AsiaNews riporta le ultime notizie, secondo cui l’alcol avvelenato da metanolo proveniva dalla stazione di polizia della località cristiana di Mubarakabad. “Questo fatto – sostiene – pone molti quesiti: perché la polizia aveva gli alcolici? E chi li ha portati nel villaggio cristiano?”.

    Il sacerdote ricorda che mons. Joseph Arshad, visitando alcuni feriti trasportati nell’ospedale della sua diocesi di Faisalabad, ha chiesto che venga fatta subito chiarezza e sia avviata un’inchiesta.

    La maggior parte delle vittime è di fede cristiana, ma tra di loro ci sono anche alcuni musulmani. A questi ultimi in Pakistan è proibito il consumo di alcolici. Gli unici esenti dal divieto sono le minoranze e i turisti, che possono acquistare liquori, vino e birra solo in negozi autorizzati e con un permesso.

    Data l’estrema povertà della popolazione e i controlli serrati, spesso le bevande vengono prodotte in casa in maniera artigianale e possono contenere sostanze nocive come il metanolo.

    P. Mendes riferisce di aver portato conforto ai parenti delle vittime. Molte di loro, circa una trentina, sono state già sepolte e le bare sono state fornite dal governo pakistano. Diversi familiari, sconvolti dalla sciagura, sono ancora ammassati per le strade e pregano per le anime dei defunti.

    “Possa Gesù Bambino – dice in conclusione – benedire tutti noi e farci superare questa tragedia”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/06/2015 INDIA
    Arrestato l'uomo che ha avvelenato col metanolo più di 100 persone a Mumbai
    La polizia lo ha stanato a New Delhi, dove si nascondeva a casa di un amico. L’uomo avrebbe importato il liquore dal Gujarat, unico Stato dell’India dove è proibita la vendita di alcol. Per Mumbai è il peggior avvelenamento da alcol tossico dal 2004.

    28/10/2016 10:45:00 IRAQ - ISLAM
    Bassora, prima vittima della legge anti-alcol: Uomini armati uccidono un negoziante cristiano

    Uomini armati, in moto e a volto coperto, hanno aperto il fuoco contro Nazar Elias, uccidendolo a sangue freddo. Egli era fuggito due anni fa da Qaraqosh in seguito all’avanzata dello Stato islamico. Nel sud aveva aperto un negozio di alimentari che vendeva anche alcolici. A Baghdad esplode un negozio di alcolici. Patriarcato caldeo: norma liberticida che fa male “all’unità nazionale”. 

     



    25/10/2016 09:51:00 IRAQ - ISLAM
    Parlamentare cristiano: la legge anti-alcol “islamizza” l’Iraq

    Una mozione della fazione filo-estremista in Parlamento mette al bando vendita, importazione e produzione di alcolici in Iraq. Una norma elaborata per compiacere la fazione radicale. Il Kurdistan irakeno non applicherà la legge. Leader cristiano: viola i diritti delle minoranze ed è contraria alla Costituzione. 

     



    12/09/2015 PAKISTAN
    Pakistan: il successo di una donna cristiana, “piccola imprenditrice” agricola
    Razia Irshad, ha 46 anni e sette figli. Il marito era l’unico a lavorare e non potevano mandare i bambini a scuola. Ha ottenuto un piccolo prestito dalla Association for Women’s Awareness and Rural Development del Pakistan. Ora gestisce un terreno privato e mira a ingrandirsi. La comunità la rispetta e la considera una “donna coraggiosa”.

    02/05/2012 PAKISTAN
    Primo maggio in Pakistan: cristiani e musulmani, uniti, a difesa del lavoro
    Decine di iniziative ed eventi in tutto il Paese per celebrare la giornata internazionale dedicate al lavoro. A Faisalabad una manifestazione interconfessionale ha invaso le vie della città. Più diritti e tutele, lotta sindacale e miglioramento della condizione femminile gli obiettivi della lotta. Attivista cristiano: i diritti dei lavoratori “all’ultimo posto” fra le priorità del governo.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®