26 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 13/04/2010
VIETNAM
Punta sulla formazione degli operatori la Caritas di Ho Chi Minh City
Un corso con la partecipazione di 185 responsabili ha permesso di fornire conoscenze e esperienze di lavoro sociale per migliorare il lavoro dei partecipanti all’interno e all’esterno delle 150 parrocchie.

Ho Chi Minh City (AsiaNews) – Lavorare insieme e discutere insieme delle difficoltà che si presentano nello svolgimento del lavoro sociale e dell’attività caritativa, che testimoni l’amore di Gesù. Anche nella cooperazione con altri gruppi che svolgono lavori sociali.
 
Sono le finalità della Caritas emerse nei due giorni di incontri svoltisi a Ho Chi Minh City l’11 e 12 aprile e che hanno visto la partecipazione di 185 responsabili di 150 parrocchie dell’arcidiocesi di Saigon. Che, attraverso la formazione, spera che continuino a svilupparsi in modo sempre migliore le attività sociali e caritative.
 
L’obiettivo del corso era fornire conoscenze e esperienze di lavoro sociale per migliorare il lavoro dei partecipanti all’interno e all’esterno delle parrocchie, secondo il modello dei Fondamenti del lavoro sociale, preparati dal dr. Vu Nhi Cong.
 
Thanh, della Caritas della parrocchia di Binh An Ha, spiega ad AsiaNews che “attraverso il metodo partecipativo nella metodologia dell’insegnamento, abbiamo unità, mostrando le esperienze d lavoro ed esponendo numerose opinioni utili per l’attività della Caritas”.
 
Anche un’altra paartecipante, Thuy, pensa che “in occasione dell’incontro, tutti I responsabili nelle 150 parrocchie hanno avuto l’opportunità di scambiarsi esperienze preziose. Noi, infatti, lavoriamo da parecchi anni nelle attività sociali e caritatice”.
 
Ogni parrocchia, in effetti, ha esposto attivià sociali e caritative ricche e diverse, che aiutano le persone, che facciano parte o meno della parrocchia, senza discriminazioni tra cattolici e non. Perchè naturalmente il ruolo della Caritas non è semplicemnte quello di svolgere attività sociali, ma anche di compiere un’opera di carità, in quanto figli di Gesù.
 
“Dopo il corso di formazione - dice Thi, della parrocchia di Tan Dinh – voglio tentare di applicare uno dei progetti pratici alla mia parroccia. Voglio far lavorare il mio gruppo basandoci sullo spirito della comunione dei cristiani”.
 
 

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/02/2008 VIETNAM
Bambini e analfabeti imparano a leggere con la Bibbia in cambogiano
16/01/2008 VIETNAM
Mons. Van Nhon, Chiesa e società hanno bisogno dei laici cattolici
di JB. VU
02/07/2010 VIETNAM
A Hai Phong il primo corso di formazione per operatori della Caritas
di J.B. Vu
23/02/2008 VIETNAM
Ho Chi Minh City, cattolici al lavoro contro Aids e prostituzione
di JB Vu
11/04/2008 VIETNAM - FILIPPINE
Con l'azione educativa, la Chiesa vietnamita promuove un pieno sviluppo umano
di JB. VU

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate