21/05/2009, 00.00
COREA
Invia ad un amico

Pyongyang condanna a morte il fautore dell’apertura con Seoul

di Theresa Kim Hwa-young
Choe Sung-chul è stato giustiziato per gli esiti “fallimentari” del dialogo con il Sud. La notizia non viene confermata a livello ufficiale dal governo sud-coreano. Analisti parlano di “montatura” del Sud in risposta alla minaccia di Pyongyang di chiudere il complesso di Kaesong.
Seoul (AsiaNews) –  Il regime comunista del Nord ha giustiziato Choe Sung-chul, vice-presidente del Comitato nord-coreano di pace dell’Asia-Pacifico e figura di primo piano nei negoziati fra le due Coree del recente passato. L’agenzia sud-coreana Yonhap riferisce che l’esecuzione risalirebbe al 2008, anche se la notizia è circolata solo nei giorni scorsi.
 
Choe Sung-chul è scomparso dalla scena pubblica all’inizio del 2008, tra voci mai confermate che parlavano di un allontanamento dai vertici del partito. Secondo la versione ufficiale egli è stato giustiziato con l’accusa di “corruzione”, ma esperti di politica nord-coreana spiegano che ha pagato con la vita il “sostegno alla politica del ‘sole splendente’ verso il Sud”.
 
La Sunshine policy è il lento cammino verso una normalizzazione dei rapporti fra le due Coree – ancora in guerra a livello formale – promosso dal Sud nel 1998 dall’ex presidente Kim Dae Jung. Essa ha favorito gli storici vertici del 2000 e del 2007 fra Seoul e Pyongyang, in seguito ai quali sono stati avviati rapporti economici e commerciali tra cui il complesso industriale di Kaesong. Tale politica ha subito una battuta d’arresto nel 2008 con l’elezione a capo di Stato di Lee Myung-bak, il quale ha sempre condizionato aiuti e colloqui bilaterali alla fine del programma nucleare del Nord.  
 
Fonti non ufficiali affermano che a “pagare” per l’inasprimento dei rapporti fra Seoul e Pyongyang sarebbe stato proprio Choe Sung-chul, divenuto il “capro espiatorio” della situazione. Egli avrebbe valutato “in maniera errata” le conseguenze della politica del dialogo, che non ha garantito i frutti sperati dal Nord, e le politiche promosse dall’attuale presidente conservatore sud-coreano una volta salito al potere. La notizia non viene però confermata a livello ufficiale dalla Corea del Sud; durante un incontro con i giornalisti, il Ministro sud-coreano dell’unificazione afferma di non avere elementi certi per ritenerla valida.
 
Analisti ricordano però la vicenda di Soe Gwan-hee, Segretario all’agricoltura del Partito comunista, giustiziato nel 1997 perché ritenuto responsabile della carestia che ha colpito milioni di nord-coreani negli anni ’90. Un analogo trattamento sarebbe stato riservato a Choe, punito per la “fallimentare” politica di dialogo con il Sud. Un funzionario sud-coreano, in condizioni di anonimato, aggiunge che la storia potrebbe essere una “montatura” in risposta alla minaccia di Pyongyang di chiudere il complesso industriale di Kaesong.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Cristiano condannato a morte, politici Usa scrivono all’Onu
14/07/2007
Diritti violati in Nordcorea : condanne a morte,aborti forzati, morte per fame
09/08/2005
Storico vertice tra le due Coree a fine agosto
08/08/2007
La disputa sui confini marini affonda i colloqui
26/07/2007
La Corea del Nord ritorna al tavolo del disarmo nucleare
11/07/2005