08/10/2015, 00.00
ISRAELE - PALESTINA
Invia ad un amico

Quattro accoltellati a Tel Aviv, uno a Gerusalemme. Un “terrorista” ucciso, un altro ferito e arrestato

di Joshua Lapide
In pochi giorni, vi sono stati sette accoltellamenti. Israele ha risposto con un’accresciuta sicurezza, la distruzione delle case degli assalitori e l’uccisione di almeno quattro di loro. Netanyahu ha proibito ai parlamentari di recarsi in visita alla Spianata delle moschee. I deputati arabi vogliono sfidare il veto e domani si recheranno alla preghiera del venerdì ad Al-Aqsa.

Gerusalemme (AsiaNews) – Un uomo – un palestinese – ha accoltellato e ferito cinque persone a Tel Aviv ed è stato ucciso da un soldato presente alla scena.  Il “terrorista” - come è definito dalla polizia e dai media – ha usato un cacciavite per ferire una soldatessa e altre tre persone mentre fuggiva. Un altro soldato lo ha rincorso e l’ha ucciso. Il fatto è avvenuto oggi all’incrocio fra Menahem Begin Boulevard  e Moses Street, in una zona molto frequentata.

In precedenza, a Gerusalemme,  un giovane israeliano di 25 anni è stato accoltellato alla fermata del tram di Bar Lev Boulevard. L’assalitore è stato bloccato da poliziotti e ferito e consegnato alle forze di Shin Bet per un interrogatorio.

Si tratta di Subhi Ibrahim Mohammed Abu Khalifa, 19 anni, palestinese del campo profughi di Shoafat, vicino a Gerusalemme. La polizia ha detto che l’arrestato non ha precedenti penali.

Con quelli di oggi, almeno sette accoltellamenti sono avvenuti a Gerusalemme e in Israele, dallo scorso 3 ottobre, quando un palestinese ha ucciso due israeliani nella città vecchia. Israele ha risposto con un potenziamento della sicurezza e la distruzione delle case degli assalitori. Ciò ha accresciuto la tensione con scontri fra i giovani, che lanciano pietre e bottiglie incendiarie, e l’esercito israeliano che usa granate, proiettili di gomma e gas lacrimogeno.

Anche quest’oggi vi sono stati scontri al posto di blocco di Bet El, all’uscita di Ramallah.

Il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato che “i civili israeliani sono in prima linea nella guerra contro il terrorismo”. Alcuni sindaci, fra cui quello di Gerusalemme, ha incoraggiato i residenti a portare con sé armi da fuoco per difendersi.

Un video diffuso da France Presse ieri mostra anche lo stile con cui lavorano i militari israeliani: alcuni agenti d’Israele si sono infiltrati, mascherati con la keffiah, in un gruppo di palestinesi che lanciavano pietre. Ad un certo punto hanno tirato fuori le loro pistole e hanno ferito tre giovani, dei quali uno in modo grave.

Per calmare la tensione, Netanyahu ha proibito a tutti i parlamentari israeliani di visitare la Spianata delle moschee. Questa è da settimane fonte di scontri a causa della richiesta di coloni israeliani e dell’ultra-destra di poter visitare e pregare sulla spianata, che all’origine era la spianata del tempio ebraico. Il ministro dell’agricoltura Uri Ariel (del partito Focolare ebraico), si è recato varie volte sulla Spianata, insieme a membri nazionalisti religiosi e a eletti del Likud, il partito di Netanyahu. I musulmani temono che le continue visite di coloni e ebrei sulla spianata porti a un cambiamento dello status quo (che vieta la preghiera agli ebrei).

I parlamentari israeliani arabi hanno deciso di sfidare il veto di Netanyahu e domani vogliono partecipare alla preghiera del venerdì alla moschea di Al-Aqsa.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Uccisi due palestinesi infiltrati in un insediamento della West Bank. Ieri ucciso un altro palestinese
02/03/2016 08:32
Giovane palestinese ucciso dalla polizia: gli arabi israeliani si ribellano
10/11/2014
Gerusalemme: muore una seconda vittima dell'attacco con l'auto. Scontri ai funerali di Akkari
07/11/2014
In migliaia ai funerali del giovane palestinese. L'esercito controlla la spianata delle moschee
04/07/2014
Sparatoria a Gerusalemme: tre palestinesi morti e tre israeliani feriti
14/07/2017 09:15