09 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 14/01/2016, 00.00

    ISRAELE - PALESTINA

    Quattro israeliani incriminati per il linciaggio del migrante eritreo scambiato per terrorista



    Il 29enne Habtom Zerhom è morto nell’ottobre scorso, colpito da proiettili e poi linciato dalla folla. Una guardia carceraria, un soldato e due civili alla sbarra con l’accusa di aggressione aggravata. Essi avrebbero infierito sul corpo del giovane, disteso a terra sanguinante e impossibilitato a difendersi.

    Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) - Le autorità israeliane hanno rinviato a giudizio quattro concittadini, accusati del pestaggio che ha portato alla morte di un lavoratore migrante eritreo nell’ottobre scorso a Beersheba, alla stazione dei bus. Il 29enne Habtom Zerhom era stato colpito da una guardia di sicurezza, che lo aveva scambiato per un armato pronto a commettere un attentato; in un secondo momento la folla ha infierito sul suo corpo, investendolo di botte e calci.

    L’autopsia compiuta sul cadavere nei giorni successivi all’attacco ha mostrato che il giovane non sarebbe morto in seguito al pestaggio, ma per le ferite inferte dai proiettili sparati dalla guardia. Il corpo era crivellato da otto proiettili, due dei quali sarebbero risultato fatali. 

    Fonti ufficiali israeliane riferiscono che i quattro alla sbarra sarebbero Ronen Cohen, guardia carceraria; Yaakov Shimb, soldato e due civili (David Moyal e Evyatar Dimri), i quali avrebbero partecipato a vario titolo al linciaggio del migrante eritreo. Su di loro pende l’accusa di aggressione aggravata, per aver colpito il giovane in stato di incoscienza e impossibilitato a difendersi. 

    Le immagini riprese dalle telecamere di sicurezza, risalenti al 18 ottobre scorso, mostrano una folla inferocita che circonda Zerhom, mentre è disteso a terra ferito dai proiettili e bloccato da una sedia che una guardia della sicurezza gli teneva premuta sul tronco. Il giovane (nella foto, una commemorazione della comunità eritrea nei giorni successivi alla morte) è stato investito da una raffica di colpi alla testa e preso poi a calci dalla folla.  

    All’indomani dell’incidente era intervenuto anche il premier Benjamin Netanyahu con una nota ufficiale in cui chiedeva ai cittadini di non farsi giustizia da sé.

    In contemporanea al linciaggio, sempre a Bersheeba, si era verificato anche un attacco all’arma bianca da parte di un cittadino arabo israeliano, nel contesto dell’intifada dei coltelli che, da alcuni mesi, sta insanguinando le vie e le piazze di Israele e dei Territori. Nell’attentato era deceduto un soldato israeliano - oltre all’attentatore stesso, “neutralizzato” , cioè ucciso, dalle forze di sicurezza - e altre 10 persone erano rimaste ferite. 

    Secondo i dati ufficiali la terza intifada dei coltelli ha causato 22 vittime fra i cittadini israeliani e 149 morti sul versante palestinese. Di questi ultimi, la metà erano attentatori e gli altri sono deceduti nel corso di scontri con le forze di sicurezza israeliane. Alcuni palestinesi sono stati uccisi solo perchè sospettati di essere possibili attentatori.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/04/2016 08:56:00 ISRAELE - PALESTINA
    Intifada dei coltelli: Israele raddoppia il numero di arresti fra i minorenni palestinesi

    Il numero di giovani palestinesi nelle carceri israeliane per reati legati alla sicurezza è passato dai 170 a settembre 2015 ai 438 di febbraio. Almeno cinque i detenuti con meno di 14 anni. Più della metà resterà in prigione sino alla fine del processo. Nel 75% dei casi i giovani sono sottoposti a violenze fisiche; quasi la totalità è interrogata senza l’assistenza di un legale o genitore. 



    13/10/2015 ISRAELE - PALESTINA
    Gerusalemme, tre morti e oltre 20 feriti: continua la terza “intifada dei coltelli”
    Continua l’escalation di violenza e tensione. Dal 3 ottobre scorso si sono verificati almeno 21 episodi di accoltellamento. Nella zona est della città due assalitori hanno sparato e accoltellato i passeggeri, prima di essere fermati dalla polizia. Nelle violenze coinvolti anche minorenni. La scia di sangue “destinata a continuare”.

    29/11/2016 08:55:00 ISRAELE - PALESTINA
    Tel Aviv, assalitore palestinese condannato all’ergastolo per l’omicidio di due israeliani

    Rayed Khalil dovrà scontare il carcere a vita per ciascuna delle due vittime. I giudici hanno inflitto anche una pena aggiuntiva a 20 anni per tentato omicidio. Il tribunale ha riconosciuto “circostanze aggravanti” di “eccezionale gravità”, che escludono sconti di pena in futuro.

     



    18/11/2016 13:17:00 ISRAELE - PALESTINA
    Israele, appello di coloni e rabbini per la restituzione del corpo di un giovane palestinese

    Gli abitanti di Gush Etzion scrivono al ministro della Difesa Avigdor Lieberman perché disponga la restituzione del cadavere di Khaled Bahar. Il 15enne è stato ucciso da un proiettile durante scontri fra esercito israeliano e palestinesi. Dalle indagini egli era risultato estraneo alle violenze. Attivista palestinese: Israele ha inventato l’arresto post mortem, non esiste altrove al mondo. 

     



    08/11/2016 08:49:00 ISRAELE - PALESTINA
    Intifada dei coltelli: 14enne palestinese condannato a 12 anni di carcere

    Il tribunale ha giudicato colpevole Ahmed Manasra di tentato omicidio di due fratelli di 20 e 12 anni. Egli dovrà anche versare un risarcimento in denaro alle vittime. Il giovane si è proclamato innocente e sta affrontando un percorso di riabilitazione. La sentenza criticata da attivisti e Autorità palestinese. Condanne a 11 anni anche per altri due palestinesi minorenni. 

     





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®