18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/02/2018, 12.26

    BANGLADESH

    Rajshahi, inaugurata la nuova parrocchia di Khonjanpur: il Vangelo tra i tribali

    Sumon Corraya

    La cerimonia si è svolta il 31 gennaio alla presenza di mons. Gervas Rozario. Oltre alla chiesa, aperta una scuola e il centro per i giovani. Parroco: “La scuola è per tutti”. Catechista: “Tanti tribali desiderano essere battezzati”.

    Joypurhat (AsiaNews) – La diocesi di Rajshahi, nel nord-ovest del Bangladesh, ha una nuova parrocchia. Si tratta della chiesa di Khonjanpur, nella città di Joypurhat. Il nuovo parroco è p. Pawel, missionario polacco dei salesiani di don Bosco. Ad AsiaNews egli afferma che “lì dove c’era solo un grande spiazzo abbiamo costruito la nuova chiesa, l’edificio per la scuola e il centro giovanile. Migliaia di persone beneficeranno del nostro servizio”.

    La cerimonia d’inaugurazione si è svolta il 31 gennaio, alla presenza di centinaia di cattolici e di mons. Gervas Rozario, vescovo locale. Egli esprime “la gioia di avere una nuova parrocchia. Lo scorso mese nella diocesi ne abbiamo aperta un’altra. La nostra circoscrizione vescovile sta diventando sempre più grande e speriamo che in futuro possa nascerne un’altra”.

    Secondo il vescovo, “la nuova chiesa offre l’opportunità di predicare il messaggio di Dio. In futuro molti non cristiani potranno accogliere Gesù Cristo”. Il parroco riferisce che “l’area è abitata in maggioranza da tribali, dove si vuole diffondere gli insegnamenti cristiani. Ringraziamo il Signore per la nostra parrocchia”.

    P. Pawel informa che la scuola parrocchiale ha aperto i battenti dal primo gennaio. “La scuola è per tutti – dichiara – perché noi lavoriamo per tutte le religioni. Con il nostro buon lavoro mettiamo in pratica i valori di Gesù Cristo”.

    I cattolici locali hanno accolto con entusiasmo l’apertura della chiesa. Tra loro, Babu Ram, di origine tribale Santal che da quattro anni lavora nella zona come catechista. “Il 31 gennaio abbiamo ascoltato le parole del nostro vescovo e dei sacerdoti durante la messa. Ci siamo sentiti benedetti da Dio. Speriamo di ricevere una più profonda cura spirituale dai nostri sacerdoti”. Sul suo lavoro da catechista, aggiunge: “Trascorro il tempo nei villaggi con i cattolici e insegno loro religione. Andiamo anche in mezzo ai non cristiani e sappiamo che tanti di loro hanno espresso il desiderio di essere battezzati. Credo che in futuro avremo molti nuovi fedeli e aumenterà il numero dei cattolici nella parrocchia”.

    Il Bangladesh è un Paese a maggioranza islamica. I cristiani rappresentano meno dello 0,3% della popolazione [circa 600mila di cui 380mila cattolici, su quasi 163 milioni di abitanti, ndr]. Le comunità in cui si hanno più opportunità di predicare il Vangelo sono quelle tribali. In tutti il territorio coesistono più di 50 gruppi etnici. I missionari operano tra di essi per vincere il loro cuore per Cristo.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/09/2017 12:20:00 BANGLADESH
    La chiesa di Rohanpur festeggia i 100 anni di ‘semi del Vangelo’ piantati dal Pime (Foto)

    La parrocchia è stata fondata da mons. Giovanni Battista Anselmo nel 1922. Nell’area vivevano solo tribali santal e indù, che non avevano mai ascoltato la Parola di Dio. La chiesa ha generato altre tre parrocchie; gestisce una scuola primaria e un ostello per ragazzi e ragazze.



    02/10/2015 BANGLADESH
    Catechista bangladeshi: Da 46 anni porto Gesù nei villaggi tribali santal
    Lawrance Murmu, 67 anni, serve la diocesi di Rajshahi. Ha iniziato a predicare in luoghi remoti durante la guerra d’indipendenza dal Pakistan: “Non parlo mai subito di Gesù. Prima devo diventare amico delle persone”. In 50 anni, grazie ai catechisti il tasso di istruzione dei santal è cresciuto dal 3 al 75%: “L’80% di loro chiede il battesimo, ma poi la Chiesa non li deve abbandonare”.

    24/02/2010 BANGLADESH
    Testimoniare Cristo fra le popolazioni tribali del Bangladesh
    È l’opera di p. Paolo Ciceri, sacerdote del Pime di origini italiane, dal 1973 nel Paese asiatico. Oggi vive a contatto con gli orao, ripercorrendo l’esperienza missionaria iniziata con i tribali santal. L’annuncio di Dio diventa occasione per una crescita umana, culturale e spirituale.

    19/11/2013 BANGLADESH
    Bangladesh, la Chiesa festeggia la nuova parrocchia di Kodbir
    Il Nunzio apostolico George Kocherry, il vescovo Sebastian Tudu e il superiore regionale del Pime, p. Franco Cagnasso, hanno partecipato alla cerimonia. Grande gioia e festa tra i tribali Santal, l’etnia predominante nella comunità locale. L’invito a pregare per le vocazioni.

    11/11/2016 11:09:00 BANGLADESH
    Gaibandha, l’attacco ai cristiani Santal “era premeditato”

    Il 6 novembre scorso una disputa sui terreni ha scatenato la violenza della polizia e dei musulmani contro la minoranza tribale. Il bilancio è di due morti, alcuni feriti e dispersi. Le case dei Santal sono state saccheggiate. Vescovo di Dinajpur: “Atto che preoccupa. La nostra gente non esce più di casa per paura. Chiedo giustizia al governo”.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®