20 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/09/2016, 09.04

    BANGLADESH

    Rajshahi, la Chiesa si interroga sulla “gioia dell’amore nella famiglia cristiana”

    Sumon Corraya

    L’incontro sul tema è stato organizzato dalla diocesi e si è svolto dal 12 al 14 settembre. Hanno partecipato 203 cattolici, provenienti da 21 parrocchie. A Rajshahi vivono in tutto 60mila fedeli. Le sfide maggiori nelle famiglie: mancanza di dialogo tra marito e moglie, convivenze sempre più frequenti al di fuori del matrimonio, alcolismo, droghe. Consigli pratici su come superare le difficoltà.

    ​Rajshahi (AsiaNews) – Un incontro pastorale di tre giorni sul tema della “gioia dell’amore nella famiglia cristiana misericordiosa”, per interrogarsi sul sacramento del matrimonio e dare risposte alla crisi della famiglia. Lo ha organizzato la diocesi di Rajshahi, in Bangladesh. Vescovi, sacerdoti e relatori hanno messo in luce le principali sfide per i cattolici della diocesi, composta da oltre 60mila fedeli.

    Nel discorso inaugurale mons. Gervas Rozario, il vescovo locale, ha ricordato un brano del Vangelo di Matteo (19:6): “Così che non sono più due, ma una carne sola. Quello dunque che Dio ha congiunto, l’uomo non lo separi”. Perciò, ha continuato, “solo l’amore rende viva la famiglia e gioiosa la vita familiare”.

    Il programma si è svolto dal 12 al 14 settembre. In tutto hanno partecipato 203 cattolici, provenienti da 21 parrocchie della diocesi. Ogni parrocchia ha presentato un rapporto sulla situazione dei cattolici e sui problemi riscontrati nelle famiglie. Mons. Rozario afferma: “Abbiamo compreso i problemi e i partecipanti hanno imparato come possono affrontarli grazie all’amore. Dio non è rimasto soddisfatto solo nel creare l’uomo e la donna, ma egli vuole che l’uomo e la donna si amino a vicenda. Essi possono rendere piena di gioia la vita della loro famiglia con l’amore ma anche con il sacrificio”.

    P. Dilif S Costa ha aggiunto che “la famiglia è il luogo fondamentale dove le persone imparano ad amare e ad essere gentili. L’amore è il motto della famiglia. I suoi componenti percepiscono la gentilezza. Cristo con la sua vita ci ha insegnato ad essere misericordiosi, e noi possiamo portare felicità in famiglia se seguiamo i suoi insegnamenti”.

    P. Gomes individua le maggiori sfide: “La mancanza di fiducia tra marito e moglie, la mancanza di valori religiosi e sociali, il fatto che i giovani convivano [al di fuori del matrimonio] in maniera sempre più frequente, l’apatia nelle attività religiose, il consumo di alcol e la dipendenza dalle droghe”. Il sacerdote ha suggerito delle modalità per superare gli ostacoli: rinnovare la relazione tra i coniugi, condividere in famiglia la preghiera della sera, mangiare insieme, frequentare la messa della domenica, dare consigli ai familiari dipendenti dalle droghe.

    P. Gomes inoltre ha evidenziato che esistono tante famiglie che vivono lontane dalla Chiesa cattolica e ha invitato i leader cristiani a facilitare un percorso di avvicinamento alla Chiesa tramite l’amore.

    Durante gli incontri, i partecipanti hanno messo in scena delle rappresentazioni culturali. Le migliori sono state premiate dal vescovo. Alla fine dell’assemblea un cattolico ha detto: “Qui ho imparato che devo essere misericordioso con i miei familiari e i vicini. Se amo la mia famiglia in modo adeguato, non abbandonerò mai la mia fede cristiana”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/07/2006 india
    Card. Toppo: "La famiglia, scuola di fede al primo posto nella nostra agenda"

    Il primo porporato tribale indiano, di ritorno dal 5° Incontro mondiale delle famiglie, invita i fedeli ad una maggiore condivisione del tempo in famiglia e spera in un più ricco contributo asiatico al prossimo raduno.



    20/10/2014 BANGLADESH
    Sylhet, assemblea diocesana: Il Vangelo, forza e motore a sostegno delle famiglie
    Oltre un centinaio fra sacerdoti, suore e fedeli, guidati dal vescovo, hanno animato gli incontri diocesani dal 15 al 18 ottobre. Mons. D’Cruze sottolinea che la parola di Dio è “forza misteriosa” capace di “risolvere” le sfide familiari. La famiglia va “protetta” da pericoli e minacce. Progetti di micro-credito per i nuclei in difficoltà.

    12/10/2011 BANGLADESH
    Educazione, sanità e pastorale porta a porta, tra i tribali della nuova diocesi di Sylhet
    Intervista a mons. Bijoy Nicephorus D’Cruze, Oblato di Maria Immacolata, vescovo della settima diocesi del Bangladesh. I cattolici della regione sono 17mila e lavorano nei “giardini da tè” di cui è ricca la regione. La diocesi non ha nulla: cattedrale, episcopio, seminario, ospedali e scuole sono tutti da fare.

    04/06/2016 11:26:00 BANGLADESH
    Rajshahi, “on air” la prima radio cattolica del Bangladesh

    Si chiama Radio Jyoti (Luce) ed è stata inaugurata ieri. È una radio online e può essere ascoltata anche sugli smartphone. La diocesi di Rajshahi ha formato 25 giovani speaker. Per ora trasmetterà un’ora di programmi al giorno.



    05/04/2016 11:17:00 BANGLADESH
    Rajshahi, cristiani e musulmani: lavorare per il rispetto reciproco

    L’incontro è avvenuto ieri presso la Fondazione islamica del Bangladesh. È stato organizzato dalla stessa Fondazione e dalla Commissione diocesana per l’Ecumenismo e il Dialogo interreligioso. I leader hanno firmato una dichiarazione comune in cui “giurano” rispetto reciproco e amicizia tra persone di religione diversa.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I nuovi regolamenti religiosi: annientare le comunità sotterranee, soffocare le comunità ufficiali

    Bernardo Cervellera

    Pochi articoli aggiunti rispetto alle bozze. Le religioni viste non come “l’oppio”, ma “la peste” dei popoli. Controllo spasmodico di tutti i livelli del potere politico verso le religioni ufficiali. Multe elevatissime per i membri delle comunità non ufficiali. Sequestro e incameramento dei “siti illegali” da parte dello Stato. Espulsione dalle scuole per attività di “proselitismo”.


    CINA-VATICANO
    Mons. Pietro Shao Zhumin sotto controllo in un ospedale di Pechino

    Bernardo Cervellera

    È stato sottoposto a un’operazione a un orecchio. Gli è stato vietato di partecipare ai funerali di un anziano testimone della fede, p. Giovanni Wang, che ha subito 12 anni di lager. Anche il segretario dl vescovo è stato sequestrato per impedirgli di partecipare ai funerali di p. Wang.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®