22 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/09/2017, 09.01

    MYANMAR

    Rakhine, il governo respinge il cessate il fuoco offerto dai militanti Rohingya



    Il portavoce della leader birmana Aung San Suu Kyi: “Non negoziamo con i terroristi”. L'Arakan Rohingya Salvation Army (Arsa) annuncia la tregua fino al 9 ottobre per fini umanitari. Esercito: uccisi finora quasi 400 militanti islamici. L'esodo di circa 300mila Rohingya verso il Bangladesh. Gli sfollati tra i gruppi etnici sono 30mila.

    Yangon (AsiaNews/Agenzie) – Il governo del Myanmar respinge il cessate il fuoco dichiarato dai militanti musulmani Rohingya per consentire la consegna di aiuti a migliaia di sfollati nello Stato di Rakhine, dichiarando di non voler negoziare con i terroristi.

    L'Arakan Rohingya Salvation Army (Arsa) ha annunciato la tregua sul suo account Twitter, in cui ha invitato gli operatori umanitari a riprendere l’assistenza a “tutte le vittime della crisi, a prescindere da etnia o religione”, durante il periodo fino al 9 ottobre. Il comunicato ha inoltre invitato le autorità ad “accettare questa pausa umanitaria” dei combattimenti.

    Il 25 agosto scorso, centinaia di militanti dell’Arsa, conosciuto dai locali come Harakah al-Yaqin (Movimento della Fede), hanno lanciato una serie attacchi coordinati a circa 30 postazioni di polizia e dell’esercito nel Rakhine del nord. La controffensiva dalle forze di sicurezza birmane ha provocato l'esodo di circa 300mila Rohingya verso il Bangladesh, mentre gli sfollati tra i gruppi etnici sono circa 30mila.

    I rifugiati Rohingya in Bangladesh affermano che durante la repressione le forze governative ed i buddhisti del Rakhine hanno ucciso gli abitanti dei loro villaggi senza distinzioni, mettendo fuoco a centinaia di case. I gruppi etnici, tuttavia, accusano i musulmani di atrocità contro il loro popolo, mentre il governo afferma che i Rohingya in fuga hanno dato fuoco alle proprie case per fomentare la paura e la collera anti-Stato.

    Le autorità e l’esercito del Myanmar non hanno risposto in via ufficiale alla dichiarazione della tregua da parte dell’Arsa. Tuttavia, il portavoce della leader birmana Aung San Suu Kyi ha dichiarato su Twitter: “Non negoziamo con i terroristi”.

    Il governo del Myanmar afferma che le sue forze di sicurezza stanno combattendo una legittima campagna contro i “terroristi bengali”, responsabili di una serie di attacchi contro polizia ed esercito dall'ottobre scorso. L'esercito rivela di aver ucciso finora quasi 400 militanti, mentre alcuni rifugiati Rohingya denunciano di  esser stati costretti a combattere tra le file dell’Arsa.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/09/2017 12:51:00 MYANMAR
    Rakhine, i militanti Rohingya negano i massacri degli indù: ‘Noi colpevolizzati’

    L’Arsa smentisce “ omicidi, violenze sessuali o reclutamenti forzati”. Gli abitanti del villaggio indù di Ye Baw Kya raccontano che le vittime sono oltre 100, i dispersi 48. Donne forzate alla conversione e al matrimonio. Oltre 400 villaggi Rohingya dati alle fiamme, il governo del Myanmar sovrintenderà la ricostruzione. Rilasciati ai rappresentanti delle agenzie dell’Onu i permessi per visitare il Rakhine.



    07/09/2017 12:11:00 MYANMAR
    Rakhine, Yangon: ‘Mosca e Pechino per bloccare la risoluzione Onu’

    Negoziazioni in corso con i due membri permanenti del Consiglio di sicurezza. Il consulente per la sicurezza nazionale Thaung Tun: “La questione non andrà avanti”. Il governo respinge le accuse di pulizia etnica e denuncia “disinformazione”. I militanti Rohingya hanno dato alle fiamme 59 villaggi. Più di 26mila tribali in fuga dal Rakhine.



    06/09/2017 15:29:00 MYANMAR
    Rakhine, i gruppi etnici raccontano le violenze subite: ‘Impossibile la pace con i Rohingya’

    Nella regione i tribali (buddisti e indù) sono un decimo dei musulmani. In 25mila sono sfollati nei campi allestiti dall’esercito. Le ripetute violenze compromettono la coesistenza pacifica. Diffuso un sentimento di paura per possibili infiltrazioni islamiste nel Paese. Mizzima: “L’Isis dietro gli attacchi alle postazioni dell’esercito birmano”. Il tentativo di sabotare il processo di pace di Aung San Suu Kyi.



    25/09/2017 15:56:00 MYANMAR
    Rakhine, scoperta fossa comune con i corpi di 28 indù. L’esercito accusa i Rohingya

    Rinvenuti i corpi di 20 donne e otto uomini, tra cui sei bambini sotto i 10 anni. Le Forze armate: “Uccisi con crudeltà e violenza dai terroristi bengali”. Circa 30 mila indù e buddisti sfollati nei campi profughi. Accusano le Nazioni Unite e le organizzazioni straniere di aiutare solo i musulmani Rohingya. Rallenta l’esodo dei profughi in Bangladesh. Migliaia sono ancora bloccati in Myanmar.



    26/09/2017 08:56:00 ONU - MYANMAR
    Il Myanmar all’Assemblea dell’Onu: ‘Nessuna pulizia etnica o genocidio in Rakhine’

    L’ambasciatore birmano: “La questione è estremamente complessa”. Stati membri e comunità internazionale esortati ad un’analisi “oggettiva ed imparziale”. Il “fattore paura” e “la tattica della terra bruciata” adottata dai terroristi sono le ragioni per l’esodo Rohingya. La priorità del governo è la risoluzione dell’emergenza umanitaria. Avviati programmi di assistenza agli sfollati in collaborazione con la Croce Rossa.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®