21 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/09/2017, 09.01

    MYANMAR

    Rakhine, il governo respinge il cessate il fuoco offerto dai militanti Rohingya



    Il portavoce della leader birmana Aung San Suu Kyi: “Non negoziamo con i terroristi”. L'Arakan Rohingya Salvation Army (Arsa) annuncia la tregua fino al 9 ottobre per fini umanitari. Esercito: uccisi finora quasi 400 militanti islamici. L'esodo di circa 300mila Rohingya verso il Bangladesh. Gli sfollati tra i gruppi etnici sono 30mila.

    Yangon (AsiaNews/Agenzie) – Il governo del Myanmar respinge il cessate il fuoco dichiarato dai militanti musulmani Rohingya per consentire la consegna di aiuti a migliaia di sfollati nello Stato di Rakhine, dichiarando di non voler negoziare con i terroristi.

    L'Arakan Rohingya Salvation Army (Arsa) ha annunciato la tregua sul suo account Twitter, in cui ha invitato gli operatori umanitari a riprendere l’assistenza a “tutte le vittime della crisi, a prescindere da etnia o religione”, durante il periodo fino al 9 ottobre. Il comunicato ha inoltre invitato le autorità ad “accettare questa pausa umanitaria” dei combattimenti.

    Il 25 agosto scorso, centinaia di militanti dell’Arsa, conosciuto dai locali come Harakah al-Yaqin (Movimento della Fede), hanno lanciato una serie attacchi coordinati a circa 30 postazioni di polizia e dell’esercito nel Rakhine del nord. La controffensiva dalle forze di sicurezza birmane ha provocato l'esodo di circa 300mila Rohingya verso il Bangladesh, mentre gli sfollati tra i gruppi etnici sono circa 30mila.

    I rifugiati Rohingya in Bangladesh affermano che durante la repressione le forze governative ed i buddhisti del Rakhine hanno ucciso gli abitanti dei loro villaggi senza distinzioni, mettendo fuoco a centinaia di case. I gruppi etnici, tuttavia, accusano i musulmani di atrocità contro il loro popolo, mentre il governo afferma che i Rohingya in fuga hanno dato fuoco alle proprie case per fomentare la paura e la collera anti-Stato.

    Le autorità e l’esercito del Myanmar non hanno risposto in via ufficiale alla dichiarazione della tregua da parte dell’Arsa. Tuttavia, il portavoce della leader birmana Aung San Suu Kyi ha dichiarato su Twitter: “Non negoziamo con i terroristi”.

    Il governo del Myanmar afferma che le sue forze di sicurezza stanno combattendo una legittima campagna contro i “terroristi bengali”, responsabili di una serie di attacchi contro polizia ed esercito dall'ottobre scorso. L'esercito rivela di aver ucciso finora quasi 400 militanti, mentre alcuni rifugiati Rohingya denunciano di  esser stati costretti a combattere tra le file dell’Arsa.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/09/2017 12:11:00 MYANMAR
    Rakhine, Yangon: ‘Mosca e Pechino per bloccare la risoluzione Onu’

    Negoziazioni in corso con i due membri permanenti del Consiglio di sicurezza. Il consulente per la sicurezza nazionale Thaung Tun: “La questione non andrà avanti”. Il governo respinge le accuse di pulizia etnica e denuncia “disinformazione”. I militanti Rohingya hanno dato alle fiamme 59 villaggi. Più di 26mila tribali in fuga dal Rakhine.



    06/09/2017 15:29:00 MYANMAR
    Rakhine, i gruppi etnici raccontano le violenze subite: ‘Impossibile la pace con i Rohingya’

    Nella regione i tribali (buddisti e indù) sono un decimo dei musulmani. In 25mila sono sfollati nei campi allestiti dall’esercito. Le ripetute violenze compromettono la coesistenza pacifica. Diffuso un sentimento di paura per possibili infiltrazioni islamiste nel Paese. Mizzima: “L’Isis dietro gli attacchi alle postazioni dell’esercito birmano”. Il tentativo di sabotare il processo di pace di Aung San Suu Kyi.



    14/09/2017 09:08:00 MYANMAR
    Aung San Suu Kyi annuncia un suo discorso sui Rohingya il 19 settembre

    La Signora “parlerà per la riconciliazione nazionale e la pace”. Sarà il suo primo intervento pubblico dall’inizio delle violenze. Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si è riunito ieri. La leader birmana criticata per carenza di leadership morale e compassione. L’esercito interessato al fallimento del processo democratico.



    13/09/2017 08:48:00 MYANMAR - ONU
    Yangon, Aung San Suu Kyi non andrà all'Assemblea generale dell’Onu

    Il vicepresidente del Myanmar Henry Van Thio prenderà il posto della Signora. L'annuncio arriva dopo le accuse dell’Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani. Al Consiglio di sicurezza il Myanmar spera in Russia e Cina. Le accuse alla leader birmana. I sospetti sul ruolo dell’esercito nelle tensioni etniche.



    15/09/2017 12:18:00 PAKISTAN-MYANMAR
    Lahore, una Ong cattolica parte per soccorrere i Rohingya in difficoltà

    La missione di 10 giorni prevede la distribuzione di beni per 100 famiglie. La necessità di aiutare i “fratelli musulmani”. I profughi sono “persone come tutte le altre, amanti della pace, che sono finite schiacciate fra gruppi rivali”.





    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®