29 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 15/01/2016, 00.00

    PALESTINA - ARABIA SAUDITA

    Ramallah: intellettuali in piazza per Ashraf Fayadh, condannato a morte da Riyadh



    Il poeta 35enne è nel braccio della morte con l’accusa di apostasia e rischia di essere decapitato. La prossima settimana previsto il processo di appello. In 42 nazioni al mondo si sono svolte letture delle sue opere e lanciati appelli per la liberazione. Da tempo artisti e intellettuali si battono per la sua causa.

    Ramallah (AsiaNews/Agenzie) - Intellettuali, scrittori, artisti palestinesi si sono riuniti ieri sera a Ramallah, in Cisgiordania, nel contesto di una campagna internazionale contro la condanna a morte di Ashraf Fayadh, nel braccio della morte in Arabia Saudita in attesa di essere giustiziato. Il poeta Mahmoud Abu Hashhash, fra i partecipanti, ha ricordato che nessun poeta “va punito per le sue creazioni” ma ricompensato per la propria arte. A lanciare l’iniziativa il Festival internazionale della letteratura di Berlino, che ha coinvolto attivisti e personalità della cultura di 42 nazioni al mondo, che hanno letto poemi e lanciato appelli a favore del suo rilascio.

    La famiglia del 35enne poeta è di origini palestinesi (nativa di Gaza); tuttavia, egli è nato in Arabia Saudita e ha lavorato e vissuto nella città sud-occidentale di Abha.

    Attivisti e organizzazioni internazionali pro diritti umani affermano che Fayadh è stato condannato a morte con l’accusa di blasfemia, diffusione dell’ateismo e relazione illecita con alcune donne, in base ad alcuni scatti trovati sul suo telefono. Egli dovrebbe essere giustiziato per decapitazione; secondo alcune fonti la prossima settimana una giuria sarà chiamata a giudicare in appello la sentenza di primo grado. 

    Per le autorità saudite egli è colpevole di “apostasia”, per aver rinunciato alla fede musulmana. Nel corso del processo egli non ha potuto godere della difesa di un legale, in violazione al diritto internazionale e alle stesse leggi saudite. 

    In realtà dietro il suo arresto vi sarebbero dissapori personali con un altro artista, che sono poi sfociati in accuse di apostasia e blasfemia che hanno coinvolto pure la polizia religiosa saudita. 

    Già nel febbraio 2014 un centinaio di intellettuali arabi si è battuto per il suo rilascio dal carcere. Il Pen American Center si è appellato - invano - al presidente Barack Obama perché esercitasse pressioni diplomatiche sulla leadership saudita. 

    Lo scorso anno l’Arabia saudita ha eseguito più di 150 condanne a morte. Ad inizio 2016 Riyadh ha giustiziato 47 persone accusate di “terrorismo”; fra questi vi era pure il dignitario sciita Sheikh Nimr al-Nimr, figura importante di contestazione contro il regime saudita. L’uccisione ha originato uno scontro - non solo diplomatico - fra Arabia Saudita (sunnita) e Iran (sciita), che rischia di infiammare ancor più il già complicato quadro mediorientale.

    Da anni le principali associazioni per i diritti umani e molti governi occidentali si battono per imporre al regno saudita (sunnita wahabita) processi più equi ed esecuzioni meno crudeli. L’Arabia Saudita – in cui vige una stretta osservanza della sharia, la legge islamica - è l'unico Paese al mondo dove la condanna a morte può essere eseguita con la decapitazione in pubblica piazza.

    La pena capitale nel regno è prevista per i colpevoli di omicidio, rapina a mano armata, stupro e traffico di droga, ma anche per stregoneria e sodomia. Non meno crudeli sono le condanne per crimini minori, come il furto e il reato di opinione, che oltre al carcere, prevedono il taglio della mano o del piede e la fustigazione in piazza.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/02/2016 08:56:00 ARABIA SAUDITA - PALESTINA
    Ashraf Fayadh, poeta palestinese, evita il patibolo di Riyadh. Dovrà scontare otto anni, più 800 frustrate

    Un tribunale saudita aveva disposto la pena capitale per apostasia per l'intellettuale di origini palestinesi. Nelle scorse settimane una mobilitazione internazionale aveva chiesto la sua assoluzione. Egli ha sempre negato le accuse, rivendicando la propria innocenza. Intanto non si ferma il boia: ieri giustiziate due persone. Sono 58 dall’inizio dell’anno. 



    26/11/2009 ARABIA SAUDITA
    Riyadh, condannato alla decapitazione per stregoneria
    Lo denuncia Human Rights Watch, che chiede l’annullamento della sentenza. Ogni anno nel regno saudita vengono comminate dozzine di condanne per atti contrari alla shariah.

    07/05/2009 IRAN
    Iran: il boia torna a colpire, 15 esecuzioni in una settimana
    Nel carcere di Evin impiccata una donna colpevole di omicidio e tre uomini. Sabato scorso a Taybad giustiziati sei trafficanti di droga. Teheran: la pena di morte “mezzo efficace” per garantire la sicurezza.

    20/07/2016 11:12:00 ARABIA SAUDITA
    Finito il Ramadan, il boia saudita torna a colpire: quasi 100 condanne a morte nel 2016

    Le autorità hanno giustiziato due persone, portando a quota 98 il totale per quest’anno. Eseguita la sentenza a carico di un saudita condannato per omicidio e di un immigrato pakistano per traffico di droga. Attivisti internazionali: nel 2016 più esecuzioni rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.



    17/04/2015 INDONESIA - ARABIA SAUDITA
    Arabia Saudita, decapitata un'altra indonesiana. "Shock e dolore" a Jakarta
    È il secondo caso in meno di una settimana. Karni binti Medi Tarsim era stata condannata a morte per aver ucciso il figlio di quattro anni della padrona. Anche in questo caso le autorità indonesiane avvertite a fatto compiuto. Attivisti e gruppi pro diritti umani si appellano al presidente Jokowi, per la tutela dei lavoratori migranti.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®