26 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/03/2017, 08.55

    ISRAELE - PALESTINA - ONU

    Rapporto Onu attacca “il regime di apartheid” di Israele nei Territori. Guterres si smarca



    Un documento della Cesao, Escwa denuncia la “discriminazione razziale” per “dominare” il popolo palestinese. Protesta lo Stato ebraico, che parla di tentativo di “falsificare” la sola “vera democrazia”. Washington “scandalizzata”. Portavoce Nazioni Unite: Non riflette la visione del segretario generale. 

     

    Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) - Israele ha stabilito un “regime di apartheid” basato sulla “discriminazione razziale” per “dominare” il popolo palestinese “nel suo insieme”. È quanto emerge da un nuovo rapporto pubblicato dagli esperti Onu, pubblicato ieri a Beirut (Libano) dalla Commissione economica e sociale delle Nazioni Unite per l’Asia occidentale (Cesao, Escwa). Un documento che ha provocato le proteste dello Stato ebraico e degli Stati Uniti e dal quale si è smarcato lo stesso segretario generale Onu Antonio Guterres. 

    Secondo quanto affermano i ricercatori delle Nazioni Unite Richard Falk e Virginia Tilley, la politica di occupazione oltre a originare una “discriminazione sociale” ha finito anche per spazzare via le residue speranze di una soluzione a due Stati. Il documento ha sollevato molto scalpore e proteste; tuttavia, gli estensori riferiscono che esso è stato realizzato sulla base di una “inchiesta scientifica e prove schiaccianti”. 

    Al suo interno si parla in modo esplicito di una campagna di boicottaggio, di disinvestimenti e di sanzioni attuate dai palestinesi in risposta alle politiche israeliane; l’obiettivo è quello di mettere fine “all’apartheid” e alla promozione di una “giusta pace”. 

    Il sostegno al boicottaggio, alle sanzioni economiche e alle altre iniziative arriva in un momento in cui Israele tenta di spezzare il sostegno internazionale ai diritti dei palestinesi. 

    Rima Khalaf, segretario esecutivo del Cesao, sottolinea che si tratta del “primo rapporto nel suo genere” da parte di un organo delle Nazioni Unite. Esso sancisce “in modo chiaro e netto che Israele è uno Stato razzista, che ha stabilito un sistema di apartheid che perseguita il popolo palestinese”. 

    Durissima la risposta al rapporto da parte del rappresentante permanente degli Stati Uniti all’Onu, Nikki Haley, secondo cui Washington è “scandalizzata”. Stéphane Dujarric, portavoce Onu, si smarca dal documento affermando che “il rapporto e le sue posizioni non riflettono la visione del segretario generale” delle Nazioni Unite Antonio Guterres.
    Il governo israeliano parla di un tentativo di “falsificare” la sola “vera democrazia” del Medio oriente, creando una “falsa analogia” e costituisce una “sfacciata bugia”. I leader dello Stato ebraico si appellano al segretario generale perché si dissoci dal contenuto di un rapporto “parziale, distorto e fuorviante”.

    Richard Falk, professore ordinario di diritto internazionale all’Università di Princeton, già in passato si era scagliato contro la politica coloniale promossa da Israele. Nel 2014 egli ha affermato che nei territori palestinesi occupati “la politica israeliana ha assunto dei connotati inaccettabili di colonialismo, apartheid e di pulizia etnica”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/09/2015 ISRAELE - PALESTINA
    Gerusalemme, ancora tensione alla Spianata delle Moschee. Giro di vite contro il lancio di pietre
    Dopo la morte di un proprio cittadino, il governo israeliano annuncia l’inasprimento delle sanzioni per quanti lanciano pietre e sassi. Arrestati due giovani palestinesi per gli scontri ad al-Aqsa. La mezzaluna rossa denuncia il ferimento di 26 persone. Ue e Onu lanciano appelli alla calma. Il fallimento del piano di pace ha generato sfiducia e malcontento.

    14/09/2015 ISRAELE - PALESTINA
    Gerusalemme: feriti e arresti dopo gli scontri sulla Spianata delle Moschee
    L’Anp ha condannato il raid delle forze di sicurezza israeliane ad al-Aqsa, in concomitanza col capodanno ebraico. Israele aveva imposto chiusure e restrizioni all’area per garantire l’ingresso dei coloni in vista della festa. Giovani palestinesi avevano trascorso la notte nella moschea per impedire l’ingresso ai visitatori.

    07/07/2014 ISRAELE - PALESTINA
    "Nazionalismo ebraico" dietro la morte del giovane palestinese
    Tre giovani ebrei - su sei fermati ieri - hanno confessato oggi il delitto. L'autopsia su Mohammed Abu Khdair mostra che il giovane è stato bruciato vivo. Il video del pestaggio di un ragazzo di 15 anni da parte della polizia israeliana. Uccidere i palestinesi per "redimere la terra d'Israele" e affrettare la venuta del Messia. In Israele cresce un ambiente razzista, anche attraverso il sistema scolastico.

    31/12/2015 ISLAM
    Studioso musulmano: interessi politici ed economici dietro le violenze in nome di Dio
    Mohmmad Nokkari è un professore di diritto, già direttore di Dar El Fatwa. Egli spiega che “dietro il discorso fanatico” vi sono “interessi” superiori. E condanna i “manipolatori” che “trasformano” il Dio clemente e misericordioso “in un Dio misterioso”. Le radici dell’islam e i movimenti estremisti, dai Kharigiti allo Stato islamico.

    09/01/2017 08:58:00 ISRAELE - PALESTINA
    Il giovane palestinese che ha ucciso quattro soldati “simpatizzante” dello Stato islamico

    Secondo il premier israeliano Netanyahu “tutti gli elementi” mostrano che il 28enne Fadi Qunbar era un sostenitore del movimento jihadista. Ma non fornisce le prove a sostegno della sua tesi. Ieri a bordo di un camion ha investito un gruppo di militari israeliani; morti quattro soldati, altri 17 sono rimasti feriti.

     





    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®