04/10/2012, 00.00
TURCHIA - SIRIA
Invia ad un amico

Rappresaglie turche alla frontiera con la Siria. Si spinge la Nato ad intervenire

di Nat da Polis
I rappresentanti di Ankara hanno avvertito l'Onu, ma soprattutto la Nato per chiedere l'intervento militare dei Paesi membri. Ma c'è chi sospetta che le bombe sono lanciate dai ribelli anti-Assad per provocare alla guerra nella regione.

Istanbul (AsiaNews) - Le Forze armate turche hanno  bombardato, nel tardo pomeriggio di ieri, alcune  postazioni siriane a ridosso del confine turco-siriano. La rappresaglia è avvenuta in risposta all'uccisione di  5 persone di nazionalità turca, una madre con i propri 4 figli.  Un obice partito dal territorio siriano, ha colpito il loro casolare che si trovava  nella cittadella  Akcakale di Urfa, ad appena un chilometro dalla frontiera.

Di recente la cittadella di Akcakale  è stata colpita con frequenza  da obici e pallottole vaganti, nelle sparatorie scambiate tra le forze fedeli ad Assad e i ribelli anti Assad. Ma è la prima volta che si provocano delle vittime tra cittadini turchi.

Immediate le reazioni di Ankara, che  tramite il suo ministro degli Esteri Ahmet Davutoglu, ha informato il segretario dell' ONU Ban Ki-moon, il quale ha consigliato moderazione. Davutoglu ha poi informato il segretario della Nato, Anders Fogh Rasmussen ,chiedendo l'immediata convocazione del Consiglio dei membri Nato a Bruxelles , invocando l' articolo 4 dello statuto, per discutere il fatto avvenuto.

L' articolo 4 dello statuto Nato prende in considerazione il fatto che se un Paese  membro subisce  un attacco da un Paese terzo, con  il quale si mette in repentaglio la propria  integrità, può scattare il meccanismo di solidarietà tra i Paesi membri, i quali sono tenuti ad accorrere a suo sostegno politico militare .

Dura anche la presa di posizione del  vicepresidente Bulent Arinc, il quale ha dichiarato che la risposta di Ankara è  legittima e nel rispetto del diritto internazionale. Il vice primo ministro Besir  Atalay, ha detto che questo fatto ha lo scopo di trascinare e coinvolgere  la Turchia sul fronte siriano e che la Siria dovrà rendere conto dei propri atti davanti alla comunità internazionale  .

Ad   Ankara,  Erdogan ha convocato una riunione straordinaria del suo governo, per prendere in esame la situazione creatasi, mentre circolano voci di grossi spostamenti di truppe turche verso la frontiera siriana.

Varie le interpretazioni e i commenti che da ieri circolano nei vari ambienti diplomatici di Istanbul

Da una parte, si dice che Ankara ha la continua tentazione a coinvolgersi sempre di più  in quella zona strategica, molto importante per le sue aspirazioni geopolitiche nella regione. Allo stesso tempo, con questo incidente, essa cerca  di ottenere la copertura della Nato per queste sue mire, onde poter legittimare qualsiasi atto secondo le sue aspirazioni. Negli ambienti di Istanbul si commenta che è per questo che la Turchia cerca in tutti i modi ed insiste sempre ad attivare l'articolo 4 dello statuto  Nato, quando le congiunture  glielo permettono.

In effetti, su richiesta di Ankara,  ieri sera è stata convocata  a Bruxelles una  riunione  straordinaria dei propri membri permanenti, per studiare se esistono i presupposti per attivare l' articolo 4.

Dall'altra parte, in Turchia esistono alcuni settori che richiamano alla prudenza e  chiedono di esaminare attentamente la provenienza e la fabbricazione di questi oggetti vaganti (pallottole ed obici). In tal modo la Turchia è spinta a prendere le distanze dalle forze di liberazione della Siria. Ma questo porta Ankara a  fare l'ennesima voltagabbana ,cosa assai frequente nella storia turca, provocando  anche un certo disappunto tra le forze anti Assad.      

In ogni caso,  la frontiera turco-siriana diventa sempre più incandescente e i suoi sviluppi imprevedibili. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Ribelli siriani addestrati nei campi profughi sul confine turco
06/09/2012
Dottore sunnita e decine di fedeli uccisi in un attacco suicida alla moschea di Damasco
22/03/2013
Commissione Onu: Centinaia di jihadisti in territorio siriano
17/10/2012
I ribelli rivendicano e poi smentiscono le responsabilità per gli attentati di Aleppo
11/02/2012
Missili turchi e minacce Usa contro le armi chimiche siriane
04/12/2012