19 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/03/2005, 00.00

    IRAQ

    Rappresentante curdo: "Si prepara un nuovo Iraq per tutti"



    Saywan Barzani è ottimista anche dopo gli attriti tra blocco curdo e alleanza sciita sulla formazione del nuovo Governo. Tra le questioni in sospeso: il ritorno a Kirkuk dei deportati curdi.

    Parigi (AsiaNews) – Discussioni e trattative politiche tra sciiti e curdi sono un segno positivo di dialogo, per assicurare a tutte le comunità irakene un posto nel nuovo governo. È questo il commento ottimista di Saywan Barzani, capo del governo del Kurdistan in Europa, di stanza a Parigi, alla notizia del disaccordo tra blocco curdo e alleanza sciita sulla formazione del prossimo governo irakeno. "Trovare un compromesso tra le parti sarà difficile – ha detto – ma sono sicuro che la Costituente preparerà un nuovo Iraq per tutti, senza distinzioni".

    Ieri sera, fonti autorevoli dei due schieramenti vincitori delle elezioni del 30 gennaio, hanno annunciato di non aver per ora raggiunto accordi in vista della prima seduta del parlamento irakeno, mercoledì prossimo. Curdi e sciiti hanno i due terzi della maggioranza nella nuova Assembela nazionale.

    Barzani, nipote di Massoud Barzani, capo del Kurdistan Democratic Party, ha spiegato che gli attriti si concentrano su Kirkuk: "Noi chiediamo un impegno immediato del governo per il rientro a Kirkuk della popolazione deportata (100mila persone) sotto il regime di Saddam e il ritorno nel sud e centro Iraq dei coloni arabi". "I rappresentanti sciiti invece, dichiara Barzani, vogliono aspettare la stesura della Costituzione".

    Il 16 marzo si riunirà per la prima volta il nuovo parlamento irakeno. Barzani ricorda che per il popolo curdo questa è una data particolarmente sentita in quanto ricorre il 17° anniversario della strage di Hallabija, quando Saddam Hussein uccise con armi chimiche 4-5 mila curdi.

    I curdi, 3 milioni su una popolazione di 27 milioni di abitanti, chiedono: la presidenza del paese per il loro leader Jalal Talabani, i ministeri di Finanze, Interni e Difesa e l'annessione di Kirkuk nella regione federale del Kurdistan. Kirkuk è considerata dai curdi la loro vera capitale e ha nel suo territorio i più antichi pozzi di petrolio del paese.

    Primo ministro potrebbe essere Ibrahim al-Jaafari, leader del partito conservatore islamico, Dawa, della maggioranza sciita.

    Barzani si è detto convinto che tutti gli schieramenti si trovano d'accordo su un punto fondamentale: "La natura federale e democratica" del futuro Iraq. "I lavori per la nuova Costituzione – ha aggiunto - non saranno influenzati dalle pressioni fondamentaliste per l'introduzione della legge islamica".

    Secondo il rappresentante curdo, discussioni e contrasti a questo punto del processo politico non devono essere interpretate in senso negativo. "Queste - ha detto - sono la prova che c'è una volontà comune che tutti partecipino al nuovo governo, sciiti, assiri, curdi, caldei, sunniti, turcomanni". "Non sarà facile, ma non può esserci un nuovo Iraq se questo non comprenderà tutti, anche le minoranze".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/03/2005 IRAQ
    Iraq: fervono i negoziati per il nuovo governo

    Sciiti e curdi incontrano oggi rappresentati sunniti e della lista di Allawi. Rappresentante del Supreme Council of Islamic Revolution: "I sunniti saranno parte del governo anche con membri esterni all'Assemblea nazionale".



    04/05/2005 IRAQ
    Kamikaze contro partito curdo a Erbil: si temono 60 morti

    Rappresentante curdo presso l'UE: "Messaggio al nuovo governo, gli estremisti vogliono destabilizzare una delle poche aree sicure dell'Iraq". Patriarca di Baghdad: "Non perdere la speranza, anche il papa ci è vicino".



    17/03/2005 iraq
    Sondaggio: gli iracheni non vogliono la sharia nella Costituzione
    Protezione dei diritti umani e libertà religiosa e d'espressione i valoro più richiesti nella nuova Carta.

    08/05/2006 IRAQ
    Leader politici vicini ad un accordo, raffica di autobomba in Iraq

    Tra ieri ed oggi una delle più sanguinose giornate delle ultime settimane: 33 morti tra Baghdad e Kerbala. Nuovo incontro tra i rappresentanti politici. Al Maliki promette: "presto" i nomi dei ministri.



    13/02/2006 IRAQ
    Iraq, strada in salita per la formazione del governo Jaafari

    Preoccupazione e disappunto di sciiti moderati, sunniti, curdi e laici per la decisione dell'Alleanza Unita irachena di confermare l'uscente premier a capo del nuovo governo.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®