01/03/2014, 00.00
SIRIA
Invia ad un amico

Raqqa, in fuga i guerriglieri jihadisti dell'Isil

Nei giorni scorsi il gruppo aveva imposto ai cristiani locali delle "regole di sottomissione" all'islam. La ritirata è stata ordinata dal Fronte Nusra, che ha minacciato di cacciare i rivali "dalla Siria e persino dall'Iraq". La popolazione in festa.

Damasco (AsiaNews/Agenzie) - I guerriglieri islamici dello "Stato islamico dell'Iraq e del Levante" (Isil) sono in ritirata dalla città di Raqqa, dove nei giorni scorsi hanno imposto ai cristiani le "regole di sottomissione" all'islam. Il gruppo - che ha radici in al Qaeda dell'Iraq e che vuole costruire un unico califfato che abbraccia tutto il Medio oriente, l'Africa settentrionale, l'Andalusia e l'Italia meridionale, antichi possedimenti arabi e islamici - avrebbe ceduto all'ultimatum imposto dal Fronte Nusra, altro gruppo islamista dell'opposizione al governo di Assad.

Negli ultimi due mesi, lo scontro fra gruppi rivali nell'ambito dei ribelli ha prodotto circa 3mila vittime. Il confronto principale è proprio fra i membri dell'Isil e gli altri gruppi militanti. Abu Mohammed al-Julani, del Fronte Nusra, aveva avvertito nei giorni scorsi i rivali: "Se non lasciate Raqqa verrete buttati fuori dalla Siria e persino dall'Iraq". La popolazione locale ha accolto la notizia "con grandi festeggiamenti". Raqqa, città del nord della Siria, aveva 300mila abitanti prima dell'inizio della guerra civile nel marzo 2011. Fra questi, l'1% era cristiano.

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Siria, almeno 700 morti fra miliziani e civili nella lotta intestina fra i ribelli anti-Assad
13/01/2014
Intere famiglie kazake viaggiano in Siria per combattere il jihad islamico
18/10/2013
Assad sfrutta la lotta intestina fra i ribelli e tenta la riconquista di Homs
10/01/2014
Maaloula, cristiani in fuga dal villaggio dove si parla la lingua di Gesù
06/09/2013
L’Isis lancia un'offensiva mediatica per reclutare cittadini russi
15/07/2015