24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/03/2017, 08.49

    SIRIA

    Raqqa, lo Stato islamico impone vestiti “in stile afgano” per confondere civili e combattenti



    Attivisti locali riferiscono che il provvedimento è entrato in vigore da oltre due settimane. Per chi non rispetta la norma previste multe e carcere. Dietro la decisione la rapida avanzata della coalizione arabo-curda, sostenuta dai raid aerei Usa. Migliaia di civili e famiglie jihadiste in fuga dalla provincia di Aleppo. 

     

    Damasco (AsiaNews/Agenzie) - Le milizie dello Stato islamico (SI) a Raqqa, roccaforte jihadista in Siria, hanno imposto agli uomini uno stile di abbigliamento simile quello “afgano”. È quanto affermano attivisti e abitanti della città, secondo cui dietro il provvedimento vi è il tentativo di mescolare i combattenti alla folla e proteggerli in caso di raid aerei. 

    Abu Mohamed del movimento dissidente “Raqqa is Being Slaughtered Silently (Raqqa è assassinata nel silenzio)”, attivo in rete e sui social nel denunciare le violenze jihadiste in città, riferisce che “da oltre due settimane” Daesh [acronimo arabo per lo SI] ha imposto “vestiti in stile afgano”. 

    “Per quanti non rispettano la norma - ha aggiunto l’attivista - sono previsti una multa e il carcere”. 

    Le nuove restrizioni imposte dai vertici del gruppo estremista giungono mentre l’alleanza arabo-curda prosegue la marcia di avvicinamento a Raqqa, sostenuta dai raid aerei della coalizione a guida statunitense impegnata a colpire obiettivi dello SI. La legge, prosegue Abu Mohamed, “è un tentativo per rendere più difficile ai caccia e alle forze curde… di distinguere fra civili e membri di Daesh”. 

    Secondo il leader di “Raqqa is Being Slaughtered Silently”, nella città vige uno “stato di allerta” massimo; ogni giorno, spiega, spuntano nuovi punti di controllo e i jihadisti arrestano chiunque descrive la situazione come disastrosa. “I prezzi sono schizzati alle stelle - conclude - e mancano sia l’elettricità che l’acqua potabile”. 

    Rami Abdel Rahman, direttore dell’Osservatorio siriano per i diritti umani, aggiunge che in questi ultimi giorni diversi civili e familiari dei miliziani dello SI stanno cercando di fuggire dalla provincia di Aleppo, dove è in corso un’offensiva contro i jihadisti. L’obiettivo è trovare rifugio e riparo nella provincia di Raqqa. “Sono migliaia di famiglie” sottolinea l’attivista, insieme a “circa 120 famiglie di combattenti e comandanti” di Daesh. 

    Dopo gli ultimi progressi compiuti sul campo di battaglia, la coalizione arabo-curda si trova a soli otto chilometri da Raqqa, in direzione nord-est. Lo SI starebbe bloccando l’ingresso dei civili, ma consente il passaggio dei parenti dei propri miliziani. Il trasporto avviene via acqua perché “il passaggio via terra è impossibile a causa della distruzione dei ponti sul fiume Eufrate”. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/10/2015 SIRIA
    Siria: Raid aerei colpiscono convoglio dello Stato islamico, almeno 40 terroristi morti
    L’attacco è avvenuto nella notte fra il 17 e il 18 ottobre. Il convoglio jihadista era partito da Raqqa e viaggiava nella parte orientale della provincia di Hama. Testimoni locali riferiscono che il raid è opera di caccia siriani o russi. Esclusa la partecipazione di Stati Uniti o aerei della coalizione.

    10/10/2017 08:55:00 SIRIA
    Raqqa, l’alleanza arabo-curda apre la 'settimana finale' contro l’Isis

    La capitale del Califfato in Siria è sull’orlo del collasso. I miliziani usano i civili come scudi umani e un ospedale come base militare. La coalizione ha strappato circa il 90% della città allo SI. Decine di migliaia di abitanti hanno abbandonato l’area; molti altri restano ancora intrappolati dai combattimenti.

     



    07/12/2015 SIRIA
    La coalizione guidata dagli Usa bombarda un campo dell’esercito siriano: 4 morti
    Il campo si trova a due km a ovest di Deir ez-Zor, nelle mani dello Stato islamico. Nei giorni scorsi Francia, Gran Bretagna, Stati Uniti avevano suggerito un’alleanza con l’esercito siriano per sconfiggere i miliziani del Califfato.

    27/04/2016 08:56:00 IRAQ - SIRIA
    I raid aerei colpiscono le casse, in fumo 800 milioni di dollari dello Stato islamico

    Secondo il maggiore generale degli Stati Uniti Peter Gersten, negli attacchi sono stati distrutti fra i 500 e gli 800 milioni in contanti. Picco nelle defezioni (fino al 90%) e calo nei nuovo arrivi, soprattutto fra combattenti stranieri. In una abitazione a Mosul erano conservati 150 milioni di dollari. 



    18/11/2015 EGITTO – SIRIA
    Patriarca Younan: L’Isis non si sconfigge con i raid, l’Occidente ha tradito i cristiani
    Il capo della Chiesa siro-cattolica, Mar Ignace Youssif III Younan, accusa i governi dell’Ovest di mantenere un “conflitto infinito in Siria” per una volontà egemonica. I terroristi che usano l’islam come pretesto per la violenza “sono già infiltrati in Europa, sostenuti dai soldi di Arabia Saudita e Paesi del Golfo sotto la supervisione dei governi occidentali”. Papa Francesco “vero difensore della giustizia, è pieno di dolore per quanto sta accadendo in Siria e Iraq”.



    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®