13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/08/2011, 00.00

    CINA

    Rebiya Kadeer: “Triste per le violenze nel Xinjiang. Ma la colpa è di Pechino”



    La leader dell’etnia uighura commenta ad AsiaNews i recenti fatti di violenza che si sono verificati nella provincia settentrionale: “La Cina censura i media indipendenti, non sappiamo cosa stia succedendo. E se è terrorismo, va condannato. Ma il governo cinese ha imposto una repressione sulla mia gente che li ha spinti alla disperazione: è colpa sua”.
    Pechino (AsiaNews) - “Io non sostengo la violenza. Sono molto triste per la morte dei cinesi di etnia han e degli uighuri coinvolti negli scontri dei giorni scorsi. Ma allo stesso tempo non posso biasimare coloro che hanno condotto gli attacchi: sono stati spinti a farlo, disperati per le politiche cinesi”. Lo dice ad AsiaNews Rebiya Kadeer, leader dell’etnia uighura, a commento dei recenti scontri e violenze che hanno sconvolto la provincia settentrionale del Xinjiang.

    L’ultimo episodio in ordine di tempo si è verificato ieri sera, quando la polizia cinese ha sparato a sangue freddo contro due uighuri sospettati di essere coinvolti nell’attacco che il 31 luglio ha provocato la morte di 6 persone in un bar di Kashgar. I due – Memtieli Tiliwaldi (29 anni) e Turson Hasan (34) – sono stati uccisi in un campo di granturco e lasciati lì. Il governo di Kashgar aveva messo una taglia di 100mila yuan (circa 10mila euro) per la loro cattura.

    Prima di quest’ultimo episodio si sono verificati fatti di sangue nella città di Hotan e nella capitale provinciale, Urumqi. L’etnia uighura – turcofona e di religione islamica – è dal 1949 sotto il tallone del governo cinese che le ha imposto una serie di estreme limitazioni religiose e culturali. La provincia rivendica invece la sua indipendenza e chiede la restaurazione del Turkestan orientale, il governo legittimo prima dell’invasione dell’armata maoista.

    La Kadeer, che guida il Congresso mondiale degli uighuri, commenta: “Senza fonti indipendenti di informazione, non possiamo sapere se queste cose sono vere. Non sappiamo con certezza chi ha condotto degli attacchi e di che natura questi siano. Se fosse terrorismo andrebbe condannato, ma Pechino ha imposto sul Xinjiang una cortina di fumo che rende impossibile verificare qualunque cosa”.

    In ogni caso, aggiunge, “io condanno il governo cinese per quanto sta avvenendo. Pechino ha creato in maniera deliberata una atmosfera di disperazione, ha convinto gli uighuri che per loro non c’è più futuro nella loro stessa terra. È Pechino che si deve assumere la responsabilità di quanto sta avvenendo, perché è con la sua discriminazione folle che scatena la violenza”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/05/2010 CINA
    Guangzhou, arrestato un pastore protestante
    La polizia ha portato via Wang Dao, già protagonista dei moti di piazza Tiananmen. Gli agenti caricano i fedeli del pastore, che si erano riuniti in un parco per pregare. La sua chiesa nel mirino delle autorità: dietro ci sono interessi commerciali.Sembra aumentare la repressione contro i cristiani.

    26/08/2011 CINA
    Heze, 2 anni di lavori forzati per p. Wang: non vuole iscriversi all’Ap
    Il sacerdote è amministratore diocesano della comunità, non ufficiale. Al processo non sono stati ammessi parenti o amici, ma una fonte cattolica dice ad AsiaNews: “Condannato per la sua fermezza nel rifiutare l’iscrizione all’Associazione patriottica”. La comunità chiede alla Chiesa universale e alla Santa Sede di pregare per lui e fare di tutto per ottenerne il rilascio. Intanto, è stato liberato il gruppo di 30 fedeli di Tianshui.

    10/06/2017 09:09:00 CINA
    Xinjiang: Funzionari pubblici nelle case uiguri per impedire preghiera e digiuno

    Vivono insieme alle famiglie, interrogandoli sulle loro posizioni ideologiche e seguendoli nelle attività giornaliere. Ristoranti costretti a rimanere aperti. Ai funzionari uiguri è imposto di firmare una lettera in cui promettono di non digiunare e pregare, e di controllare familiari e vicini. Pechino sostiene che sono misure per la stabilità, ma per gli analisti sono la causa della violenza nella regione a maggioranza musulmana. Per gentile concessione di Radio Free Asia. Traduzione dall’inglese di AsiaNews.

     



    12/08/2011 CINA – PAKISTAN
    Islamabad, estradati in Cina 5 uighuri: fra questi una donna e 2 bambini
    Ammanettati e incappucciati, i cinque – che erano fuggiti dalla provincia settentrionale cinese del Xinjiang – sono stati messi su un aereo per tornare in Cina. Qui, denunciano i dissidenti uighuri, “li aspetta la tortura e la galera. Pechino continua nella sua repressione feroce contro di noi”.

    06/07/2009 CINA - ITALIA
    Uiguri, tibetani, cattolici, protestanti: la polveriera cinese
    La repressione degli uiguri non è un caso isolato. Protestanti in carcere e vescovi scomparsi. L'oppressione ai diritti umani in Cina è endemica e ha creato le basi per rivolte e scontri che possono provocare inquietudini e guerre ovunque. Benedetto XVI e Giovanni Paolo II: I diritti umani sono la base della pace.



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®