03/10/2016, 08.35
FRANCIA-ISLAM
Invia ad un amico

Riapre la chiesa di p. Jacques Hamel. In via eccezionale, si apre il suo processo di beatificazione

Era stata chiusa dal giorno dell’assassinio del sacerdote ad opera di due giovani jihadisti. Una cerimonia riparatrice guidata dall’arcivescovo di Rouen, seguita dalla messa.  Papa Francesco ha acconsentito alla richiesta dei fedeli di accelerare il processo di beatificazione. Alla cerimonia erano presenti anche membri della comunità musulmana locale.

Rouen (AsiaNews/Agenzie) -  Per la prima volta dal 26 luglio, ieri pomeriggio i sono riaperte le porte della chiesa di St Etienne du Rouvray, vicino a Rouen, dove il p. Jacques Hamel, è stato assassinato da due giovani jihadisti. Al termine della messa, mons. Dominic Lebrun, arcivescovo di Rouen, ha annunciato che papa Francesco ha dato il suo accordo per iniziare un’inchiesta ufficiale in vista della beatificazione del sacerdote. Di solito i processi di beatificazione non possono iniziare prima di cinque anni dalla morte del candidato. Ai giornalisti, mons. Lebrun ha spiegato: “È eccezionale. È un gesto di consolazione e di impegno di fronte ai parrocchiani che avevano espresso la domanda al papa durante un’udienza il 14 agosto scorso a Roma”.

Prima della messa seguita da un migliaio di persone all’interno e all’esterno dell’edificio, l’arcivescovo ha compiuto un rito di purificazione per “lavare ciò che è stato macchiato” dalla violenza. Il prelato ha asperso i muri, il pavimento della chiesa, il luogo dove è stato assassinato p. Hamel, l’altare – che i due giovani uccisori hanno colpito col coltello diverse volte -, il cero pasquale, un rosario dalla statua della Vergine. Mons. Lebrun ha anche spiegato che la cerimonia di riparazione è importante per domandare il perdono “per tutti i peccati del mondo, per i propri peccati e per tutti gli altri… I cristiani non possono domandare perdono per gli altri se non domandano perdono per se stessi”.

Suor Danielle, 72 anni, una delle tre religiose sfuggite alla violenza degli assassini, come pure Guy Coponet, 86 anni, gravemente ferito alla gola, hanno letto dei testi di penitenza e perdono dai luoghi dove erano stati aggrediti.

Alla cerimonia hanno assistito anche alcune autorità e fedeli musulmani della vicina moschea. La tomba di p. Hamel, sulle colline di Rouen è diventata già un luogo di pellegrinaggio per cristiani e musulmani. Molti fedeli islamici si sono stretti ai cristiani nel dolore e nella condanna della violenza in nome di Dio.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Ancora terrore a Parigi: lo Stato islamico rivendica l’attentato agli Champs Elisées
21/04/2017 08:40
Identificato il secondo terrorista che ha ucciso p. Jacques Hamel: un giovane di 19 anni
28/07/2016 11:59
Il Grande Imam di Al Azhar condanna l’uccisione di p. Jacques Hamel in Francia
27/07/2016 17:15
Cristiani e musulmani insieme in memoria del martirio di p. Jacques Hamel
26/07/2017 15:58
Cristiani e musulmani in preghiera. Il futuro dell’islam di fronte alla deriva jihadista
03/08/2016 08:47