06/09/2012, 00.00
SIRIA - TURCHIA
Invia ad un amico

Ribelli siriani addestrati nei campi profughi sul confine turco

di Ayça Söylemez
Per Ankara il campo di Apaydin nella provincia di Hatay ospita ex militari siriani e loro famiglie fuggite dal regime degli Assad. Ma in parlamento non si è mai discusso riguardo alla creazione di questo luogo. Le autorità vietano a tutti l'ingresso per preservare la sicurezza dei rifugiati considerati "speciali". In realtà l'accampamento è una base militare dove i ribelli dell'Free Syrian Army vengono addestrati e da cui ogni giorno partono per combattere contro Assad.

Ankara (AsiaNews/ Bianet) - I combattenti del Free Syrian Army (Fsa) lasciano il campo di Apaydin nella provincia meridionale di Hatay all'alba per attraversare il confine siriano e combattere il regime di Bashar al-Assad. Essi fanno ritorno solo verso sera. È quanto afferma al giornale online turco Bianet, Abu Hussein, comandante di un'unità dell'Fsa. "Siamo molto grati al governo turco e al Primo ministro Recep Tayyip Erdogan per averci ricevuto a braccia aperte", afferma Hussein, che comanda circa 50 uomini.

Le autorità turche hanno annunciato che nel campo di Apaydin sono ospitati ufficiali dell'esercito siriano disertori del regime degli Assad e hanno proibito l'ingresso nella zona per ragioni di sicurezza. Tuttavia, il  governo non ha ancora spiegato su quali basi legali, locali o internazionali,  è stato fondato il campo.  

 In diversi comunicati ufficiali si legge che i residenti di Apaydin sono disertori dell'esercito siriano, per questa ragione la loro identità è segreta.

Sotto inchiesta non è tanto l'identità di questi ex militari, ma i loro movimenti dentro e fuori il confine. Ci si chiede qual'è l'esatta differenza fra i rifugiati ad Apayadin e i profughi degli altri campi. Un'altra domanda che ha bisogno di una risposta è se gli ospiti del campo sono tutti di nazionalità siriana, oppure vi sono fra loro persone provenienti da altri Paesi come Tunisia, Yemen, Cecenia e Afghanistan.

Il pubblico continua a meravigliarsi di come questi individui riescano ad entrare in Siria attraverso i posti di blocco sul confine e si domanda quanti siriani entrano in Turchia chiedendo lo status di rifugiati e di come molti di loro attraversano così spesso la frontiera. Cosa ha da dire il governo a chi sostiene che queste truppe vanno a combattere in Siria di giorno e fanno ritorno nell'accampamento in Turchia di notte?  

A tutt'oggi, in parlamento è mai stato messa a tema la costruzione del campo e su quali basi legali esso esista?  Per questo motivo, tutta l'attenzione della popolazione  è concentrata sull' "Apaydin Accomodation Facilities".

Una conferma dell'attività militare

 Il 27 agosto  scorso, dopo che era stato negato l'accesso al campo a una delegazione del partito di opposizione People Republican Party (Chp),  Ahmet Davutoglu , ministro degli Esteri turco ha  affermato:  "I rifugiati civili e militari hanno status differenti. Il riconoscimento come profughi è richiesto anche per entrare negli accampamenti militari. È normale che i profughi che appartengono alle forze di sicurezza abbiano un trattamento speciale". Anche Bulent Arinc, vice-Primo ministro, ha sottolineato che nel campo vi sono disertori dell'esercito siriano con le loro famiglie ed è per proteggere le loro vite che è stato negato l'accesso ai politici, ma anche a generali e colonnelli. Gli fa eco anche Celalettin Lekesiz, governatore di Hatay, secondo il quale i soldati siriani e le loro famiglie sono fuggiti dal regime di Bashar al-Assad e hanno trovato  rifugio ad Apaydin.  "Gli articoli che parlano di ribelli addestrati all'interno del campo e di come esso sia sotto il loro controllo, sono prive di fondamento", ha sottolineato in una nota la presidenza del ministero per la gestione dei disastri e delle emergenze (Afad).

Sopravvivere attraversando il confine con la Turchia

Abu Hussein conferma però che "nel campo vi è un addestramento militare, ma il governo turco non ci consente di andare in giro armati". "Ogni giorno - continua - usciamo ed entriamo dalla Turchia. Abbiamo piazzato la nostra tenda proprio vicino al confine. Alla mattina usciamo per combattere e ritorniamo verso sera. Attraversiamo la frontiera senza nessuna difficoltà".  "I turchi - spiega Hussein - ci danno sostegno logistico. Il governo provvede ai nostri bisogni rifornendoci di acqua, cibo e medicinali. Riceviamo aiuti anche da altri Paesi. Il nostro attuale obiettivo è formare una zona cuscinetto a Idlib, che è una zona molto vicino al confine". "Qualche giorno fa - aggiunge - siamo stati assediati dall'esercito di Assad in territorio siriano, ma siamo sopravvissuti varcando la frontiera con la Turchia". "Se cadrà il regime - conclude il miliziano dell'Fsa - costruiremo un Paese libero e utilizzeremo un sistema simile a quello turco".      

 

 *Per gentile concessione del sito turco Bia News Center (http://bianet.org/english)  

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Rappresaglie turche alla frontiera con la Siria. Si spinge la Nato ad intervenire
04/10/2012
La guerra entra nel Kurdistan siriano. Ankara ipotizza un attacco militare
01/10/2012
Cristiani di Maaloula: Falso il ritiro annunciato dai ribelli islamici
11/09/2013
Siria, attentato suicida nel centro di Damasco, 53 morti
21/02/2013
Al- Nousra, la brigata jihadista che fa paura ai ribelli siriani
18/01/2013