23 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/06/2008, 00.00

    UZBEKISTAN

    Rilasciata un’attivista per i diritti, molti altri ancora in carcere



    La Tadjibaeva rilasciata dopo 2 anni e mezzo per le gravi condizioni di salute, ma anche grazie alle pressioni internazionali. Aveva accusato il governo del massacro di Andijan. Human Rights Watch: la comunità mondiale deve insistere su Tashkent per il rilascio dei detenuti politici.

    Tashkent (AsiaNews/Agenzie) – E’ stata rilasciata il 2 giugno l’attivista Mutahar Tadjibaeva, arrestata il 7 ottobre 2005 per avere accusato il governo di avere sparato contro dimostranti disarmati ad Andijan nel 2005.

    La Tadjibaeva, che ha anche aiutato molta gente a chiedere giustizia, è stata condannata il 6 marzo 2006 a 8 anni per vari reati quali estorsione, inquinamento ambientale, evasione fiscale e partecipazione a organizzazione illegale, in un processo che Human Rights Watch (Hrw) afferma violare ogni diritto di difesa: non ha nemmeno potuto preparare una adeguata difesa, né controinterrogare molti testi chiave. E’ stata ora rilasciata “sulla parola” per ragioni mediche: le è stato diagnosticato un tumore e il 18 marzo è stata sottoposta a un intervento chirurgico nell’Ospedale Oncologico di Tashkent.

    Dopo il rilascio ha definito le carceri uzbeke come “isole di tortura” e denunciato maltrattamenti. Ha detto che il rilascio dipende dalla pressione internazionale: di fatto coincide con la visita del sottosegretario di Stato Usa Richard Boucher, che si è incontrato con il presidente Islam Karimov per riprendere rapporti più stretti, dopo anni di gelo per il massacro di Andijan.

    Nel maggio 2005 l’esercito ha stroncato pacifiche proteste di piazza sparando sulla folla e uccidendo centinaia di persone. Il numero preciso è ignoto, anche perché Tashkent ha sempre rifiutato un’indagine internazionale. Da allora le autorità hanno perseguitato ogni voce critica per la vicenda e persino arrestato e minacciato molti testimoni oculari.

    Dal gennaio 2008 il governo ha rilasciato 7 attivisti per i diritti, alcuni dopo avere sottoscritto un impegno a cessare simile attività.

    Ma Holly Cartner, direttrice di Hrw per Europa e Asia centrale, denuncia che in Uzbekistan sono in prigione per ragioni politiche almeno altri 11 attivisti e che “è orribile il trattamento nelle carceri degli attivisti per i diritti umani. La comunità internazionale deve insistere per il rilascio di tutti i difensori dei diritti e perché possano operare con libertà”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/03/2008 UZBEKISTAN
    I soldati Usa tornano nelle basi uzbeke
    Riprendono i rapporti con Stati Uniti e Unione europea. L’Occidente ha interesse per l’energia e la posizione strategica dello Stato. Appare sempre più lontano e dimenticato il massacro di Andijan.

    16/04/2008 UZBEKISTAN
    Ai lavori forzati il poeta Yusuf Juma, una delle poche voci libere del Paese
    Condannato a 5 anni per “resistenza all’arresto e aggressione contro la polizia”. Ma molti ritengono che sia stato “punito” per le critiche al presidente Karimov. Condannato anche un figlio, che sarebbe stato torturato in carcere per farlo confessare.

    02/05/2007 UZBEKISTAN
    Attivista per i diritti umani condannata a 7 anni
    La giornalista Niazova ha raccontato il massacro di Andijan. Pochi giorni fa è stata condannata a 6 anni un’altra testimone dei fatti. Il governo aumenta anche il controllo sui siti internet, per impedire qualsiasi voce critica.

    30/12/2005 KIRGHIZISTAN - UZBEKISTAN
    Kirghizistan sotto pressione per rimandare rifugiati in Uzbekistan

    Lettera aperta Human Rights Watch al presidente Bakiev. C'è il timore che  i rimpatriati vengano torturati, per estorcere false ammissioni.



    21/03/2011 UZBEKISTAN
    L’Uzbekistan espelle Human Rights Watch
    Hrw denuncia un “peggioramento” nella già grave situazione dei diritti umani nel Paese. Sistematiche violenze e arresti contro oppositori e difensori dei diritti umani, frequenti le torture in carcere. L’Occidente appare interessato al gas uzbeko più che al rispetto dei diritti.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®