24 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/02/2018, 12.49

    HONG KONG - CINA

    Rilasciati con ‘monito’ i leader di Occupy Central



    La sentenza di oggi ribalta quella di agosto, ma anticipa pene più severe per i “futuri trasgressori”. Wong: non c’è niente da festeggiare, è una caso grave indorato.

    Hong Kong (AsiaNews/Agenzie) – L’Alta corte di Hong Kong ha rilasciato i tre attivisti pro-democrazia che lo scorso anno erano stati condannati a diversi mesi di carcere a causa del loro ruolo nelle manifestazioni del 2014. Tuttavia, per Joshua Wong non c’è motivo di festeggiare il verdetto che, mettendo in guarda “futuri trasgressori”, predispone una preoccupante limitazione a future proteste pacifiche.

    In base alla sentenza dell’agosto del 2016, i tre avrebbero dovuto scontare giorni nei servizi sociali, ma il governo di Hong Kong, forse incalzato da Pechino, ha impugnato la sentenza e chiesto una revisione del processo, facendo condannare Wong, Nathan Law e Alex Chow rispettivamente a sei, otto e sette mesi di prigione. Oggi l’Alta corte ribalta la sentenza di agosto e respinge la pena detentiva, affermando che le corti d’appello avrebbero dovuto “considerare altre opzioni” per la punizione del reato.

    Tuttavia, il verdetto aggiunge che “futuri trasgressori” coinvolti in “assemblee su larga scala illegali che facciano uso di violenza” saranno sottoposti alle linee guida tracciate dalla Corte d’appello, che aveva condannato i tre a svariati mesi di prigione.

    Per Wong non “c’è niente da festeggiare” e definisce la sentenza un “caso grave indorato”. L’attivista ribadisce che i manifestanti pro-democrazia non hanno mai avuto intenzione di ferire nessuno e che hanno sempre insistito per la non-violenza. Secondo lui, la definizione di “violenza” che potrebbe applicare il governo scoraggerà le persone dal prendere parte a future manifestazioni pacifiche: “Le nostre libertà si restringeranno”.

    I tre leader del movimento Occupy Central sono stati di recente nominati per il premio Nobel per la pace.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/08/2017 11:31:00 HONG KONG
    Pene più severe per Joshua Wong e due attivisti pro-democrazia

    L’anno scorso la corte aveva condannato Joshua Wong, Nathan Law e Alex Chow ai lavori sociali, ma la pena era stata considerata troppo lieve dal governo di Hong Kong. La condanna a diversi mesi di prigione comporta l’estromissione dalle elezioni per cinque anni. Per gli attivisti dei diritti umani è una mossa politica per escludere i giovani e scoraggiare nuove proteste.



    02/02/2018 09:03:00 HONG KONG-CINA
    I leader di Occupy Central nominati per il Nobel della pace

    Si tratta di Joshua Wong, Nathan Law e Alex Chow. Sono le prime personalità di Hong Kong ad essere nominate per il premio e fra i più giovani. Elogiato il loro impegno nonviolento e pacifico per i diritti umani nel territorio. La potenza di Pechino contro il premio.



    21/08/2017 11:45:00 HONG KONG
    Decine di migliaia protestano per la condanna degli studenti attivisti

    Non si registrava una simile partecipazione dal 2014. Attivisti per la democrazia e politici stranieri criticano la decisione della corte, spinta dal governo di Hong Kong. Il segretario generale respinge l’accusa: l’indipendenza giuridica è fondamento del successo della città.



    02/10/2017 08:45:00 HONG KONG - CINA
    Hong Kong, migliaia marciano per la democrazia nel giorno della festa nazionale cinese

    Una giornata non di celebrazione, ma di “tristezza nazionale” per la “situazione dello stato di diritto ad Hong Kong”. Il ricordo dei tre giovani di Occupy Central condannati a mesi di prigione per volere del governo della città. “Persecuzione politica” anche per i co-fondatori del movimento degli ombrelli. I dimostranti chiedono le dimissioni di Rimsky Yuen Kwok-keung, segretario per la giustizia, bollato come un “burattino” di Pechino.



    08/11/2017 10:46:00 HONG KONG - CINA
    Anche Alex Chow rilasciato su cauzione. Il grazie al card. Zen per la visita in prigione

    Chow, insieme a Joshua Wong e Nathan Law potranno appellarsi contro la loro condanna alla prigione. Il “grazie” al segretario per la giustizia Rimsky Yuan per “il viaggio” nella prigione, che ha insegnato a Chow il modo (doppio) in cui la giustizia viene attuata ad Hong Kong. Ricucire il movimento democratico. Il card. Zen visita la prigione di Pik Uk due volte al mese. Ogni anno raccoglie fondi per regalare ai prigionieri I “dolci della luna”, simbolo dell’unità familiar.





    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®