28 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 04/12/2008
ARABIA SAUDITA – ISLAM
Rischio attentati e problema alloggi per i fedeli diretti alla Mecca
Al tradizionale pellegrinaggio islamico parteciperanno oltre 2 milioni e mezzo di musulmani: 1 milione e 750 mila stranieri e 750 mila sauditi o immigrati nel regno. Livello di allerta massimo per il pericolo di attentati, ma le vere minacce sono traffico, occupazione abusiva di suolo pubblico e la ricerca di una stanza.

Mecca (AsiaNews/Agenzie) – Saranno oltre 2,5 milioni i musulmani di tutto il mondo che dal 6 dicembre si riuniranno alla Mecca per celebrare l’Hajj, il tradizionale pellegrinaggio islamico che costituisce il quinto dei pilastri dell’islam. Gli stranieri previsti si aggirano attorno al milione e 750mila, ai quali si uniranno altri 750mila cittadini sauditi o lavoratori immigrati nel regno.

Due i problemi che il governo saudita dovrà affrontare per garantire il regolare svolgimento del pellegrinaggio: il pericolo di attentati, anche se non vi sono al momento specifiche minacce, e il problema della logistica, che spazia dall’accoglienza dei pellegrini al traffico caotico della città, dall’occupazione abusiva di suolo pubblico al pagamento della tassa prevista per il pellegrino.

Il pellegrinaggio è stato sovente segnato dal sangue, per la folla immensa che preme per tutte le strade della città, oltre che nei luoghi più propriamente religiosi. Nel 2006 oltre 364 persone sono morte nel corso del rito della “lapidazione del diavolo” – che prevede il lancio di sassi contro immagini del demonio – e 76 per il crollo di un ostello. Morti sono stati causati anche da manifestazioni o attentati: il più grave è probabilmente quello del 1979, quando centinaia di persone – il numero esatto non si è mai saputo – perirono in seguito all’attacco di un gruppo di fondamentalisti che riuscirono ad impadronirsi della Grande moschea.

Sul fronte sicurezza il principe Naif, ministro saudita dell’interno, fa sapere che le forze dell’ordine sono pronte ad affrontare qualsiasi tipo di minaccia e sapranno garantire la sicurezza dei fedeli durante il pellegrinaggio. “Non abbiamo informazioni specifiche [di minacce] – afferma il ministro – ma abbiamo preso tutte le precauzioni del caso”. Egli si augura anche che venga “rispettata la santità dell’evento” e nessuno metta in pericolo la vita dei fedeli musulmani.

I maggiori problemi arrivano invece dal versante della logistica: a causa dell’impennata dei prezzi degli alloggi durante la stagione del pellegrinaggio, molti fedeli improvvisano soluzioni di fortuna. Circa 500 pellegrini siriani, imitati da un altro sparuto gruppetto, ha preso in affitto le aule di una scuola privata della città, senza il permesso ufficiale delle autorità.

I responsabili dell’ordine pubblico hanno fatto inoltre sapere che non sarà possibile piantare tende attorno ai luoghi sacri e per le vie della città, perché causano problemi al traffico e alla sicurezza dei cittadini. Saeed Al-Qahtani, direttore dei reparti speciali addetti all’ordine pubblico, sottolinea come “le tende usate dai pellegrini che bivaccano per le strade ostruiscono il traffico e causano grossi problemi agli altri fedeli”. Le tende impediscono il passaggio delle ambulanze e dei reparti del pronto intervento e ostacolano l’assistenza ai fedeli colti da malore durante il pellegrinaggio. L’occupazione abusiva di suolo pubblico, fra l’altro, è contraria alla Sunna e ai precetti di Maometto. Il direttore dei reparti di sicurezza lancia infine l’allarme incidenti: l’aumento delle auto in circolazione, aggravato dalla stanchezza, dalla spericolatezza e dall’incapacità dei conducenti è spesso causa di scontri con morti e feriti.

Infine una buona notizia per i pellegrini stranieri: da quest’anno è infatti possibile procedere al pagamento della tassa prevista per l’ingresso in Arabia Saudita e la partecipazione al pellegrinaggio direttamente via internet, evitando così le lunghe ore di attesa – spesso senza acqua né cibo – presso gli uffici del governo dislocati all’interno dell’aeroporto.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
09/12/2008 ARABIA SAUDITA – ISLAM
Mecca, lancio delle pietre contro il diavolo. Nessun incidente di rilievo
17/01/2005 ARABIA SAUDITA
Il governo avverte: il terrorismo può colpire durante l’Hajj
29/12/2006 ARABIA SAUDITA
Haj, milioni di pellegrini commemorano l’ultima predica di Maometto
06/08/2009 IRAN - ARABIA SAUDITA
Teheran proibisce il pellegrinaggio alla Mecca per paura dell’influenza suina
24/01/2005 ARABIA SAUDITA
Conclusi i riti del pellegrinaggio alla Mecca

In evidenza
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).
ASIA
Il Pime in Cina: uomini nuovi in strutture nuove
di Piero GheddoLa missione in Cina è possibile: deve puntare più alla formazione che alle strutture. L’esempio dei martiri antichi e nuovi. Una sintesi commentata della lettera che il Superiore generale del Pime ha mandato ai suoi confratelli, dopo un viaggio in Cina.
EUROPA - ISLAM
Imam di Nîmes: Lo Stato islamico uccide i cristiani, e rischia di eliminare anche l’islam dall’Europa
di Hocine Drouiche*L’islam politico sta diventando un “islam delinquente” che valorizza la menzogna, l’odio, l’inimicizia. I nemici sono i “cristiani” e tutto l’occidente. Ma l’islam ha avuto epoche in cui dialogo, ragione, incontro, assimilazione erano tenuti in grande stima. L’islam guerriero che tanto affascina molti giovani, è frutto di miti e manipolazioni e spinge all’islamofobia. E’ tempo di far nascere e crescere un islam europeo, garante della libertà di coscienza e capace di convivere con cristiani ed ebrei. Risolvere col dialogo il problema palestinese.

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate