27 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 20/07/2012
NEPAL
Riscossa delle donne nepalesi: da schiave della cultura indù ad assi dell'aviazione
di Kalpit Parajuli
Fino a pochi decenni fa le donne venivano bruciate sulla pira del marito defunto come gesto di sottomissione. La loro emancipazione si deve alla proclamazione dello Stato laico e alla presenza di associazioni per i diritti delle donne sul territorio. La storia di Anusha Udas, ragazza di 22 anni diventata pilota grazia alla sua tenacia e all'aiuto dei suoi familiari.

Kathmandu (AsiaNews) - Per secoli relegate ai margini della società e considerate inferiori rispetto agli uomini, le donne nepalesi sonno riuscite in questi anni di democrazia laica ad emanciparsi. Alcune di loro occupano ora posizioni di rilievo un tempo impensabili e questo grazie alle graduali aperture del Paese a organizzazioni straniere e associazioni per i diritti delle donne.  

Anusha Udas, 22 anni, lavora come co-pilota alla Fishtail Air, piccola compagnia aerea nepalese. La ragazza è fra 28 piloti donne impiegati nei circa 400 aeroporti e piste diffuse nel Paese, dove l'areo è uno dei principali mezzi di trasporto.

La giovane racconta: "Appena ho visto un aereo decollare verso il cielo ad una velocità che non avevo mai visto prima, ho capito che ero destinata a volare. Il mio cuore ha iniziato battere forte e quello è stato per me un segno, così ho deciso di seguire il mio sogno". Per rendere reale il suo desiderio, Udas ha dovuto affrontare i rigidi dettami della società indù nepalese, dove fino a pochi decenni fa si praticava il Sati-pratha, supplizio destinato alle vedove che le vedeva bruciare sulla pira funeraria del marito.

A differenza di altre famiglie, i genitori della ragazza fanno parte di una generazione più aperta. Essi hanno vissuto il periodo della guerra civile fra monarchia e maoisti che ha portato nel 2007 alla caduta della regno indù e alla proclamazione dello Stato laico. Tuttavia, ad Udas sono serviti comunque anni di pressioni e soprattutto di grande determinazione per convincere il padre ad inviarla in Sud Africa per un corso da pilota. In Nepal non esistono scuole di aviazione, l'unica possibilità è andare all'estero, con costi che possono giungere fino 58mila dollari.

Terminato il corso, Udas ritorna in Nepal in cerca di lavoro, andando a bussare a tutte le compagnie aree del Paese, che ogni volta rifiutano la sua offerta sostenendo che questo lavoro non è fatto per le donne, volare è troppo faticoso. Dopo nove mesi di continue delusioni, la Fishtail Air, piccola compagnia per trasporto locale a corto di personale la assume e poco tempo la ragazza diventa co-pilota. "Ora il mio sogno è diventare capitano - afferma - il prossimo obiettivo è raggiungere le mille ore volo richieste dalle autorità dell'Aviazione civile nepalese.     

Nata negli anni '50, l'aviazione nepalese è stata sempre un luogo per soli uomini. La prima donna a iscriversi a un corso per piloti è stata Prabha Vaidya nel 1979. Il corso era organizzato dal governo canadese, che aveva offerto la possibilità di formare i piloti neapalesi. Vaidya si presentò insieme ad altri 24 candidati, ma la sua candidatura venne rifiutata a causa del genere. Ella non è mai diventata un pilota, ma è stata il primo controllore di volo donna nella storia del Nepal.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
09/06/2011 NEPAL
Donne nepalesi vittime di prostituzione e schiavitù nei Paesi arabi
di Kalpit Parajuli
10/08/2012 NEPAL
Nepal, il governo blocca l'emigrazione delle donne nei Paesi del Golfo
di Kalpit Parajuli
24/04/2012 NEPAL
Segregate senza cibo e luce durante il periodo mestruale: donne nepalesi si ribellano al Chhaupadi
di Kalpit Parajuli
23/01/2013 NEPAL
Giovane madre nepalese si autoimmola dopo il parto della terza figlia femmina
di Kalpit Parajuli
22/09/2011 NEPAL
Nepal, migliaia di bambine senza educazione per colpa della cultura indù
di Kalpit Parajuli

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate