27 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 01/08/2012, 00.00

    INDIA

    Risolto il blackout in India, ma ora è allarme infrastrutture



    Per due giorni, più di 600 milioni di indiani sono rimasti al buio. Colpiti 20 Stati su 28. È la più vasta interruzione di corrente degli ultimi anni. Secondo gli analisti, la colpa è di reti elettriche troppo obsolete e mancati investimenti nel settore.

    Mumbai (AsiaNews/Agenzie) - Torna la luce in India, dopo due giorni di blackout elettrico che ha lasciato al buio più di 600 milioni di persone. A collassare sono state le tre reti elettriche a nord, nordest ed est del Paese, colpendo 20 Stati su 28 del Paese. L'interruzione della corrente ha gettato piccole e grandi città nel caos più totale, provocando ingorghi stradali, incidenti, gravi disagi alla rete di trasporto ferroviario e metropolitano, oltre ai problemi quotidiani legati alla mancanza di luce nelle case. In West Bengal, più di 200 minatori sono rimasti intrappolati sottoterra, ma grazie ad impianti d'emergenza è stato possibile portarli tutti in salvo. Secondo Sushilkumar Shinde, ministro dell'Energia, il blackout è dipeso dall'approvvigionamento eccessivo di energia effettuato da alcuni Stati, che hanno superato i limiti consentiti.

    Interruzioni della corrente sono fenomeni comuni nelle città indiane, a causa di una generale carenza di energia e di reti elettriche obsolete. Tuttavia, il collasso di un sistema di collegamento così vasto è raro. Secondo gli analisti, un blackout simile è l'eredità di 60 anni di mancati investimenti nel settore, che hanno reso la terza economia dell'Asia uno dei Paesi più arretrati dal punto di vista di approvvigionamento e fornitura di energia elettrica.

    Michael Parker, analista della Sanford C. Bernstein & Co. a Hong Kong, spiega: "La causa immediata di un blackout del genere sembra quasi banale: il problema di base dell'India è che deve migliorare la qualità delle proprie infrastrutture. Per tenere accesa la luce, il Paese deve aumentare la sua capacità energetica; costruire sistemi di trasmissione e distribuzione robusti; garantire forniture e trasporto di carburante, e rivederne i costi. Per fare tutto questo, c'è bisogno di capitale".

    Manmohan Singh, primo ministro indiano, è consapevole della necessità di nuove e migliori infrastrutture, e all'inizio di giugno ha lanciato un piano da 1000 miliardi di dollari, che promette nuove strade, porti e autostrade entro i prossimi cinque anni. Eppure, allo stato attuale la situazione non promette scenari rosei. La Coal India Ltd, il più grande produttore di carbone al mondo, non riesce a rispondere al domanda del Paese, che dipende da tale risorsa per più della metà della sua produzione energetica. A rendere più acuta la carenza di carbone vi sono le piogge monsoniche: essendo più scarse, hanno colpito agricoltori e centrali idroelettriche.

    Il problema più grave resta quello dei prezzi. Secondo Parker infatti, il governo deve cercare di ridurre i costi di produzione e approvvigionamento dell'energia, visto che quasi 800 milioni di indiani - più della metà della popolazione totale - vivono con meno di 2 dollari al giorno. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/11/2009 INDONESIA
    Jakarta al buio, indonesiani in rivolta contro la compagnia elettrica
    Sotto accusa i dirigenti della PLN Electricity Company, che promettono risarcimenti. Disagi anche nell’East Java e nelle South Sulawesi. Nelle ultime settimane anche 10/12 ore al giorno senza energia elettrica. Perdite “monumentali” per 32 mila piccole e medie imprese della zona.

    15/07/2006 Cina
    Guangdong, manca l'elettricità: il governo taglia le utenze

    Per superare senza blackout l'ora di punta, il governo ha ordinato ai consumatori di tagliare del 50 % il consumo di energia, un problema sempre più sentito in tutto il Paese.



    13/06/2006 Cina
    Cina, il governo "taglia la corrente" ai funzionari statali

    Il Consiglio di Stato ha ordinato ai circa sette milioni di impiegati pubblici di non usare oggi autovetture, ascensori ed aria condizionata. Questi, ogni anno, consumano la stessa elettricità dei 780 milioni di contadini cinesi.



    25/04/2008 CINA
    La Cina prevede un’altra estate con frequenti black-out
    Secondo dati ufficiali, la mancanza di energia sarà di 10 gigawatt, pari a diversi milioni di utenze domestiche. Ma esperti ritengono che sarà maggiore. Il basso costo “politico” dell’elettricità costringe gli impianti a operare in perdita e con poche riserve, con rischio di rimanere al buio.

    16/06/2004 ASIA
    Un'estate all'insegna dei blackout

    Cina, Giappone, India,Thailandia, Vietnam, Filippine corrono ai ripari per garantirsi energia e sviluppo





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®