24 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/03/2017, 09.48

    A. SAUDITA - PAKISTAN - YEMEN

    Riyadh chiede aiuto a Islamabad per presidiare il confine meridionale con lo Yemen



    Pronta una brigata per “puntellare” la fragile frontiera a sud. L’esercito pakistano fra i pochi del mondo musulmano a non avere una connotazione confessionale. Il suo ruolo di garante e mediatore nel delicato contesto mediorientale. Crescono le tensioni fra Arabia Saudita ed Emirati sul sostegno a presidente yemenita Hadi. Sullo sfondo le relazioni commerciali fra Teheran e Islamabad.

     

    Riyadh (AsiaNews) - L’esercito pakistano, su richiesta di Riyadh, è pronto a inviare una brigata da combattimento nel sud dell’Arabia Saudita, per “puntellare” la fragile frontiera meridionale, che corre lungo il confine con lo Yemen. Un battaglione chiamato ad operare solo all’interno del regno e non avrà, di contro, compiti offensivi nel Paese vicino, teatro da ormai due anni di una sanguinosa guerra civile. Nello Yemen i sauditi sono alla guida di una coalizione regionale che si contrappone alle milizie ribelli Houthi; un fronte che, nelle ultime settimane, sembra vacillare dilaniato da divisioni interne.

    Dal gennaio 2015 la nazione del Golfo è teatro di un sanguinoso conflitto che vede opposte la leadership sunnita dell’ex presidente Abd Rabbuh Hadi, sostenuta da Riyadh, e i ribelli sciiti Houthi, vicini all’Iran. Nel marzo 2015 una coalizione araba a guida saudita ha promosso raid contro i ribelli, finiti nel mirino dell’Onu per le vittime che hanno provocato, anche bambini.

    Ad oggi sono morte oltre 10mila persone, più di 40mila i feriti e tre milioni gli sfollati.

    Per l’Arabia Saudita gli Houthi, alleati alle forze fedeli all’ex presidente Ali Abdullah Saleh, sono sostenuti sul piano militare dall’Iran; un’accusa che Teheran respinge. Nel Paese sono inoltre attivi gruppi estremisti legati ad al Qaeda e milizie jihadiste legate allo Stato islamico, che hanno contribuito ad aumentare la spirale di violenza e terrore.

    Nazioni Unite e gruppi internazionali pro diritti umani hanno accusato sia la coalizione a guida saudita che gli Houthi di crimini di guerra e violenze contro i civili, intrappolati nella carneficina. In passato i missili lanciati dalle milizie sciite avrebbero colpito postazioni e obiettivi oltreconfine, in territorio saudita, provocando decine di morti e feriti. Da qui la decisione presa da Riyadh di rafforzare le frontiere.

    Analisti ed esperti ricordano che l’esercito pakistano è uno dei pochi del mondo musulmano a non essere connotato da una appartenenza confessionale. Esso è composto da sunniti, sciiti, hazara e cristiani non solo fra le truppe, ma anche nelle alte sfere degli ufficiali ed è in grado di mediare fra Teheran e Riyadh. Inoltre, dopo la caduta di Saddam Hussein e la dispersione dell’esercito irakeno, unito alla crescente influenza dell’Iran nel contesto mediorientale, sauditi e monarchie sunnite del Golfo hanno guardato al Pakistan come garante ultimo della sicurezza e della stabilità nella regione.

    Lo stanziamento di truppe in territorio saudita segue la visita di un alto ufficiale dell’esercito di Islamabad, il generale Qamar Javed Bajwa, capo delle Forze armate pakistane (Coas), a Riyadh lo scorso dicembre. Nella tre giorni trascorsa nella capitale saudita l’alto militare ha incontrato omologhi e personalità di governo. I vertici dell’esercito pakistano - potenza militare che dispone della bomba atomica e la più “influente” nella regione mediorientale - inquadrano la missione negli impegni assunti dal “Coas “alla protezione e alla sicurezza dei luoghi santi dell’islam e alla integrità territoriale del regno”.

    La richiesta di aiuti al Pakistan giunge in un momento di tensione all’interno della coalizione araba a guida saudita attiva in Yemen. In particolare si fanno sempre più aspre le divisioni fra Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, i quali chiedono a Riyadh di sospendere il loro sostegno al presidente Hadi. In caso contrario, gli Emirati sono pronti a ritirare le loro truppe. Al contempo sono fallite le sortite diplomatiche finalizzate a ricucire lo strappo fra l’amministrazione Hadi e la leadership di Abu Dhabi. A questo si aggiungono le accuse rivolte agli Emirati di voler occupare il sud dello Yemen e lanciare una politica “unilaterale” nell’area.

    La decisione di stanziare truppe pakistane in Arabia Saudita è stata al centro di un aspro dibattito parlamentare a Islamabad; già due anni fa Riyadh aveva invitato il Pakistan a unirsi alla coalizione “sunnita” operativa in Yemen. Una richiesta rispedita al mittente dall’Assemblea (scatenando le ire dei sauditi), dopo una discussione fiume di quattro giorni. Fra le ragioni che spinsero Islamabad a declinare l’invito, la volontà di scongiurare nuove tensioni confessionali in un Paese in cui circa il 20% della popolazione è sciita.

    L’attuale premier Nawaz Sharif deve la propria vita ai sauditi, i quali nel 1999 hanno impedito che venisse giustiziato all’indomani del golpe militare che ha portato al potere Pervez Musharraf. Oggi il Primo Ministro ha trovato il modo per sdebitarsi, pur tenendo conto dei delicati equilibri internazionali e dello sforzo promosso dal Parlamento per rilanciare i rapporti diplomatici e commerciali con l’Iran. A maggio una delegazione di deputati pakistani farà visita a Teheran, dove discuterà con i vertici della Repubblica islamica di riapertura dei mercati, turismo e la costruzione di un nuovo gasdotto.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/03/2017 08:57:00 YEMEN
    Aden, decine di migliaia di persone in piazza per chiedere la fine della guerra

    La manifestazione promossa dagli Houthi, che occupano la capitale e ampie zone del nord del Paese. Presente anche l’ex presidente Saleh. Egli ha invitato la folla alla resistenza. Un dimostrante: “In piazza contro l’aggressione saudita”. Un tribunale penale vicino al movimento ribelle sciita condanna a morte in absentia Hadi. 

     



    17/02/2017 10:34:00 YEMEN - GOLFO
    Yemen, la lotta all’egemonia fra Arabia Saudita ed Emirati fonte di morte e distruzione

    Dalla provincia di Aden a quella meridionale di Taez si intensificano i combattimenti fra fazioni saudite e rivali sostenute dagli Emirati. Alleati sulla carta contro i ribelli sciiti Houthi, in realtà stanno consumando una lotta sanguinosa sulla pelle dei civili. Il desiderio di indipendenza della popolazione, pronta a lottare contro ogni invasore.

     



    05/04/2016 08:58:00 LIBANO - EAU - A. SAUDITA
    Emirati, condannati tre libanesi: hanno creato un gruppo affiliato a Hezbollah

    Il trio dovrà scontare una pena a sei mesi di carcere. Scaduti i termini di custodia verranno espulsi. Essi avrebbero anche svolto attività commerciali, economiche e politiche, “senza i permessi necessari”. Una vignetta satirica e un cartello offensivo inaspriscono ancor più i rapporti fra Beirut e Riyadh. 



    14/04/2016 15:13:00 LIBANO - GOLFO
    Espulsioni ed Hezbollah, il card. Rai guida la mediazione con i diplomatici del Golfo

    Il patriarca maronita ha ricevuto a Bkerké gli ambasciatori del Consiglio di cooperazione del Golfo. Per il presule è essenziale trovare “soluzioni politiche” alle controversie e mettere fine alle guerre. Per i diplomatici le espulsioni dei cittadini libanesi "hanno basi giuridiche fondate". Ma la crisi nei rapporti resta. 



    13/04/2016 13:32:00 LIBANO - GOLFO
    Il patriarca Rai incontra i diplomatici del Golfo per discutere dei migranti libanesi espulsi

    Il vertice giunge in un momento di “grande tensione” fra il Libano e i governi della regione. Per la Chiesa locale è un incontro “molto importante” per capire “la sorte” dei lavoratori. Essi vanno “protetti” perché “nulla hanno a che vedere con le tensioni politiche”. Almeno 50mila libanesi vivono e lavorano nei Paesi del Golfo. 





    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®