Skin ADV
13 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 05/07/2012, 00.00

    COREA DEL SUD

    S. Andrea Kim “è la luce che illumina la nostra fede quotidiana”

    Joseph Yun Li-sun

    Il vescovo di Daejeon ha celebrato questa mattina, anniversario della beatificazione del grande martire, una messa solenne sul luogo della sua morte: “Ho chiesto ai miei fedeli di fare un esame di coscienza per capire se vivono seguendo i giusti principi. E abbiamo pregato per il Papa, che ha bisogno di tutto il sostegno possibile”.

    Daejeon (AsiaNews) - I martiri coreani e sant'Andrea Kim "sono un esempio edificante per tutta la Chiesa coreana. Ogni tanto mi domando cosa pensino di noi, quando guardano ai nostri sforzi, e se siano contenti del nostro operato. L'ho detto ai miei fedeli: bisogna fare spesso un esame di coscienza per capire se viviamo al meglio le nostre vite". Lo dice ad AsiaNews mons. Lazzaro You Heung-sik, vescovo di Daejeon e presidente della Commissione episcopale per la cura dei migranti, in occasione dell'anniversario della beatificazione del grande martire coreano.

    Nella diocesi di mons. You si erge il santuario dedicato al santo, che venne ordinato a Shanghai e - tornato in patria - venne ucciso in odio alla fede insieme ai suoi compagni: "Il suo esempio è la luce più luminosa della nostra Chiesa. Alla messa di questa mattina ho detto ai miei fedeli che devono interrogarsi sull'esempio del grande santo e chiedersi cosa possa pensare lui, così come lo Spirito Santo, di noi. Sembra una cosa fuori dal tempo, ma è importante ricordarsi sempre che siamo figli di Dio e che è a lui che dobbiamo rendere conto del nostro operato".

    Ai circa mille fedeli presenti sul luogo del martirio di S. Andrea, il vescovo ha chiesto anche "di pregare per il Papa e per la Chiesa universale. Il Santo Padre ha bisogno di tutto il sostegno e di tutto l'amore possibile, e la Chiesa deve rinnovare ogni giorno il suo stimolo a migliorarsi. Nel nostro piccolo, cerchiamo di fare il possibile".

    Andrea Kim Taegon nacque nel 1821 da una nobile famiglia cristiana e crebbe in un ambiente decisamente ispirato ai principi cristiani: il padre in particolare aveva trasformato la sua casa in una 'chiesa domestica', dove affluivano i cristiani e i neofiti della nuova fede per ricevere il battesimo. Scoperto dalle autorità non volle rinunciare alla sua fede, morendo martire a 44 anni.

    La Chiesa coreana è stata fondata e sostenuta dai laici; la fede cristiana comparve in Corea agli inizi del 1600 tramite le delegazioni straniere che ogni anno visitavano Pechino. Tuttavia la nuova religione non incontrò il favore del governo locale, che per secoli ha portato avanti una feroce persecuzione nei suoi confronti. Oggi più del 10 % della popolazione totale è di fede cattolica, e questo numero aumenta di anno in anno.

    Nelle persecuzioni coreane perirono più di 10mila martiri: di questi 103 furono beatificati in due gruppi distinti nel 1925 e nel 1968 e poi canonizzati tutti insieme il 6 maggio 1984 a Seoul in Corea da papa Giovanni Paolo II; di questi solo 10 sono stranieri (3 vescovi e 7 sacerdoti) mentre tutti gli altri sono coreani, catechisti e fedeli. Secondo mons. You "questa ferocia ha spinto il nostro popolo a reagire con più forza. Abbiamo affrontato guerre e dittature alla luce di questa grazia straordinaria. Dobbiamo esserne degni".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/12/2007 COREA
    Vescovo di Daejeon pulisce le spiagge dal petrolio: per Natale, “concreta carità”
    Nel suo messaggio natalizio, mons. Lazzaro You Heung-sik - vescovo di Daejeon e presidente della Caritas coreana – ha chiesto ai fedeli di impegnarsi per pulire le coste, colpite dalla terribile fuoriuscita di petrolio avvenuta il 7 dicembre scorso.

    30/12/2014 COREA DEL SUD
    Daejeon, la "poltrona del Papa" finanzia una Casa per ragazze madri
    Nel viaggio apostolico in Corea del Sud, Francesco ha voluto spostarsi da Seoul a Daejeon su uno dei treni nazionali ad alta velocità. Sulla sua poltrona è stata affissa una targhetta, e una parte del biglietto di chi occupa quel posto è destinata alla diocesi locale. Oggi è arrivato il primo assegno: 11mila euro, che il vescovo destinerà alle giovani madri in difficoltà.

    13/08/2014 COREA - VATICANO - AYD
    Daejeon, migliaia in festa per l'apertura della Giornata asiatica della Gioventù
    Riuniti nel santuario di Solmoe, luogo di nascita del primo sacerdote coreano, essi provengono da 23 Paesi del continente. Il vescovo You: "Dovete fare della nostra Chiesa una realtà giovane e missionaria. Per questo, studiate la Evangelii Gaudium". Giovane indonesiano ad AsiaNews: "Non credevo che la Corea fosse così bella! Sono grato a Dio per questa esperienza di universalità".

    11/03/2014 COREA - VATICANO
    Vescovo di Daejeon: La visita del Papa, fonte di speranza e forza per i giovani dell'Asia
    Mons. Lazzaro You Heung-sik ospiterà la sesta Giornata asiatica della Gioventù alla presenza di papa Francesco. In una lettera ai fedeli e al clero diocesano, invita i cattolici a prendere spunto dalla visita del Papa per "andare oltre a una fede puerile, sempre intenta a chiedere qualcosa per noi. Sforziamoci di diventare adulti nella fede, attraverso il rendimento di grazie e la condivisione".

    20/08/2015 COREA
    Chiesa coreana: allo studio la beatificazione del vescovo di Pyongyang e compagni, martiri di Kim Il-sung
    La Conferenza episcopale ha annunciato che a fine novembre inizierà l’ispezione preliminare per determinare se mons. Francesco Borgia Hong Yong-ho e i suoi 80 compagni possano essere qualificati come martiri. Imprigionato nel 1949, mons. Hong è sparito da allora. Nel gruppo anche mons. Byrne, missionario Maryknoll costretto alla “marcia della morte” dai soldati del regime nordcoreano.



    In evidenza

    CUBA-VATICANO-ORTODOSSI
    L’incontro fra Francesco e Kirill a Cuba: Finalmente! Siamo fratelli, abbiamo tutto in comune



    Atmosfera distesa e fraterna nel primo incontro dopo secoli fra il papa e il patriarca di Mosca. Due ore di colloquio in privato, poi la firma della Dichiarazione comune. Un grazie a Raul Castro: “Se continua così Cuba sarà la capitale dell’unità”. Un impegno per difendere i cristiani nel mondo e sostenere “le fondamenta della morale, della famiglia e della persona”.


    VATICANO – CUBA – ORTODOSSI
    Francesco e Kirill: Ortodossi e cattolici uniti, per i cristiani perseguitati e l’Occidente secolarizzato



    Nella Dichiarazione comune firmata a l’Avana, il papa e il patriarca di Mosca sottolineano i “mali” del mondo e la necessità per i cristiani di dare testimonianza comune. Il matrimonio naturale, composto da uomo e donna; il diritto alla vita; la necessità del dialogo interreligioso; lo scandalo della divisione. Un appello per la fine della persecuzione religiosa, per la pace in Ucraina e per l’unità “fatta di gesti concreti”. Il testo completo della Dichiarazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®