25 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 24/04/2005, 00.00

    cina - vaticano

    Sacerdote cinese: "Auguri, Santo Padre, ti assicuriamo la nostra fedeltà"



    Parte della messa d'inaugurazione trasmessa in diretta via satellite, con una decisione all'ultimo momento. Silenzio sui siti ufficiali.

    Pechino (AsiaNews)  - Per la prima volta i cattolici cinesi hanno potuto seguire in diretta una funzione ecclesiale con il resto del mondo. Il canale satellitare Phoenix Tv ha infatti trasmesso - in chiaro anche in Cina  –  45 minuti della cerimonia solenne per l'inaugurazione del pontificato di Benedetto XVI. La decisione di trasmetterla è stata comunicata all'ultimo momento, mentre i siti ufficiali del Quotidiano del Popolo e China Daily non riportavano alcuna notizia dell'evento. Nonostante la trasmissione sia iniziata solo dopo l'omelia, un sacerdote cinese dice: "Siamo contenti lo stesso. Anzi, emozionati! Finalmente abbiamo visto il nostro papa". Il prete continua: "Quei capelli bianchi suscitano tenerezza ed affetto. Quel gesto di saluto a mani giunte, quasi cinese [che indica l'essere uniti, zuo yi - ndr], scioglie ogni distanza fra noi ed il pontefice". "Auguri, Santo Padre! Ti assicuriamo la nostra fedeltà, il nostro sostegno e le nostre preghiere. Il nostro piccolo gregge in Cina conta su di te". Il prete spiega che la sua comunità non sapeva della messa in piazza san Pietro trasmessa via satellite. "Stamattina, durante la nostra messa, abbiamo pregato per Benedetto XVI e abbiamo ricordato Giovanni Paolo II. Non sapevamo che la celebrazione sarebbe stata trasmessa, così ho chiesto ai fedeli di seguire spiritualmente la cerimonia. Poi ho ricevuto un SMS [che confermava la trasmissione – ndr]: che gioia! Tanti fedeli hanno diffuso fra loro la notizia, e tutti si sono incollati davanti al televisore. Vogliamo inviare il nostro saluto, l'augurio, la devozione e l'affetto filiale a papa Benedetto. Ci auguriamo che presto ci restituisca il nostro posto nella Chiesa universale. Noi siamo sempre uniti al papa ed alla Chiesa universale". Molti giovani hanno seguito la cerimonia via internet. Finita la trasmissione, tutti i fedeli continuano a parlare e comunicarsi le emozioni provate.

    Alla messa di inaugurazione del pontificato di Benedetto XVI vi erano rappresentanti di oltre 150 stati. Era presente la delegazione di Taiwan, ma nessuno  - almeno ufficialmente – della Cina Popolare. Giorni fa il premier Wen Jiabao ha ripetuto che per migliorare i rapporti fra Cina e Santa Sede, il Vaticano deve rompere le relazioni con Taiwane  non intromettersi negli affari interni della Cina, compresi quelli religiosi, legati alla nomina dei vescovi. La dichiarazione di Wen ha scoraggiato molti fedeli e sacerdoti dal chiedere il visto per andare in Italia a Roma.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/04/2005 Cina – Taiwan – Vaticano
    In arrivo la delegazione taiwanese alla messa di Benedetto XVI


    24/04/2005 Filippine - Vaticano
    Benedetto XVI, umile, darà la vita per l unità della Chiesa
    Le prime reazioni di studenti asiatici a Manila alla messa di inaugurazione del nuovo pontificato.

    24/04/2005 india - vaticano
    India: Né conservatore, né progressista, questo papa è centrato sulla fede in Cristo


    20/04/2005 Vaticano
    Benedetto XVI: Attuare il Concilio nella società globalizzata


    23/03/2013 VATICANO
    Castel Gandolfo: Papa Francesco visita Benedetto XVI. L'incontro fra i due papi
    È la prima volta nella storia. Dal giorno della sua elezione, papa Francesco non perde occasione di ricordare ogni giorno il suo "venerato predecessore". Profonda sintonia fra i due. Ma i media li mettono in opposizione.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®