23 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/02/2017, 13.06

    CINA-VATICANO

    Sacerdote cinese: La vita dei fedeli è la stessa con o senza accordi Cina-Santa Sede

    Shan Ren Shen Fu

    La maggioranza dei fedeli cinesi non ha alcun interesse verso i dialoghi Cina-Vaticano. Essi non sono influenzati dall’Associazione patriottica. Questa è un puro strumento della politica del governo.

    Hong Kong (AsiaNews) – “La vita dei fedeli è la stessa prima e durante i negoziati Cina-Vaticano”: è l’opinione di un sacerdote blogger molto noto a proposito dell’articolo pubblicato la scorsa settimana dal card. John Tong su “Il futuro del dialogo Sino-Vaticano dal punto di vista ecclesiologico”. Il blogger, il cui nome di battaglia è “Shanren Shenfu” (il prete di montagna), fa notare che i fedeli in Cina sono piuttosto indifferenti sull’andamento dei dialoghi. E mostra pure che la fede dei cattolici cinesi non è influenzata dall’Associazione patriottica, che non ha alcun potere su di loro. Tale Associazione, egli dice “è un puro e fedele esecutore degli ordini del governo”.

    L’accordo Sino-Vaticano sembra giungere a conclusione. Il card. Tong della diocesi di Hong Kong ha scritto due articoli nell’agosto 2016 e nel febbraio 2017 su questo dialogo: Se l’accordo fra Cina e Santa Sede viene reso pubblico, lo accettereste?

    Sebbene molti esperti della Chiesa in Cina pensano che l’accordo non ci sia ancora, esso è comunque sulla via di conclusione.

    Ad ogni modo, il card. Tong ha scritto due articoli come se volesse preparare all’annuncio della pubblicazione dell’accordo. Egli vuole consolare la comunità sotterranea: Non c’è bisogno di essere in netta opposizione; la politica diplomatica flessibile e pragmatica di papa Francesco porterà senz’altro una vera libertà per la Chiesa in Cina; dovremmo dare credito alla saggezza di papa Francesco.

    A quanto pare, ogni volta che personalità ecclesiastiche parlano sui “dialoghi sino-vaticani”, ci sono tante voci critiche. Ma queste critiche non sono comuni nella Chiesa cinese; ossia: la vasta maggioranza dei fedeli non dà molta attenzione alle relazioni Cina-Vaticano. La loro fede è la stessa prima e durante i negoziati sino-vaticani.

    La fede in Gesù e la tradizione della Chiesa cattolica non hanno subito cambiamenti nel cuore dei fedeli. L’Associazione patriottica non ha alcuna influenza su di loro. L’Associazione patriottica sembra essere influente solo quando il governo lo decide. Ogni volta che vi è una auto-elezione; ogni volta che vi è un’auto-ordinazione illecita di vescovo; o quando il vescovo di Shanghai è obbligato a ritirarsi e a dimettersi dal suo posto: allora l’Associazione patriottica diviene utile.

    Secondo la mia esperienza, l’Associazione patriottica è un puro e fedele esecutore degli ordini del governo; l’Associazione patriottica deve essere in condizione da sottostare alle leggi della Chiesa.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/02/2017 11:39:00 CINA-VATICANO
    Cattolico cinese: il potere di nominare i vescovi appartiene solo alla Chiesa

    Critica alla proposta del card. Tong di lasciare che il governo cinese abbia in qualche modo una funzione nella nomina dei vescovi. Nel possibile accordo fra Cina e Santa Sede, quest’ultima avrebbe solo un potere di veto – non risolutivo – sui candidati proposti.



    29/08/2016 12:10:00 CINA – VATICANO
    Ripensare agli accordi fra Cina e Vaticano (anche con un po' di ironia)

    Le diverse discrepanze nelle discussioni sui rapporti fra Cina e Santa Sede. Pur non essendovi ancora alcun accordo pubblico, molti commentatori ne parlano a più non posso, come un elemento di pettegolezzo. I vescovi troppo spesso ridotti a burattini; la mancanza di fiducia reciproca fra le due parti; la questione di Taiwan: questi alcuni dei problemi delineati dal sagace autore che si firma “il prete eremita del Nord”, un sacerdote blogger molto famoso in Cina.



    07/11/2016 10:45:00 VATICANO-CINA
    “Disperazione”: il sentimento della Chiesa sotterranea davanti ai dialoghi Cina-Vaticano

    I fedeli della Chiesa sotterranea sono frustrati dalla “dimenticanza” della Santa Sede verso di loro. Da circa 20 anni, non si fanno vescovi sotterranei, ma solo amministratori apostolici. Agli occhi dei fedeli questa decisione rappresenta una specie di condanna a morte delle loro comunità. “Carezze”, incontri e foto-ricordo col papa per gli ufficiali; nessun incontro, né benedizione per sacerdoti e vescovi sotterranei. La questione dell’iscrizione all’Associazione patriottica. Un vescovo ufficiale: “Siamo tutti delle marionette. Facciamo solo quello che ci dicono di fare”. Una doppia sconfitta: per il Vaticano e per la Cina.



    09/02/2017 11:50:00 VATICANO-CINA-HONG KONG
    L’articolo del card. Tong sul dialogo Cina-Santa Sede fra gioia e sgomento

    L’ottimismo del vescovo di Hong Kong sul cambiamento del metodo delle nomine episcopali e sulla funzione dell’Associazione patriottica. Ma non è chiaro se è un cambiamento nei fatti o solo nominalistico, nelle parole. I vescovi sotterranei sono patriottici e amano il loro Paese, ma il Partito li sospetta. Libertà “essenziale” nelle nomine episcopali, ma i vescovi non sono liberi di svolgere il loro ministero. Vescovi patriottici controllati nelle loro visite con membri della Chiesa universale. Le “cimici” (microfoni nascosti) negli uffici episcopali.



    09/02/2017 07:26:00 HONG KONG-CINA-VATICANO
    Card. Tong: Il futuro del dialogo Sino-Vaticano dal punto di vista ecclesiologico

    Il cardinale di Hong Kong spiega i passi in cui si desidera far muovere il dialogo fra Cina e Santa Sede. A tema la funzione del papa nelle nomine dei vescovi; il cambiamento di visione nell’Associazione patriottica; la possibile integrazione dei vescovi sotterranei nella conferenza episcopale.  Il nuovo articolo a firma  del card. John Tong, dopo quello di alcuni mesi fa su “Comunione della Chiesa in Cina con la Chiesa universale”.





    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®