21 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 13/03/2009
INDIA – MYANMAR
Sacerdote indiano: il popolo birmano sacrificato sull’altare degli interessi economici
di Nirmala Carvalho
Il “silenzio” della comunità internazionale e dell’India, che liquida “i diritti umani” come una “questione interna” e fa affari con la dittatura. Oggi in Myanmar si celebra la giornata per i diritti umani, ma la democrazia resta ancora “un obiettivo di lungo periodo”.

New Delhi (AsiaNews) – Il silenzio della comunità internazionale sul dramma che si consuma ogni giorno in Myanmar è “vergognoso”. Anche l’India mostra interesse “solo per le risorse economiche e commerciali” e non fa alcun accenno “ai diritti umani”, che liquida come “una questione interna”. Il risultato è che la dittatura militare “si gode tutti i privilegi” e la popolazione “continua a soffrire”. È la denuncia di p. A Cyril, sacerdote gesuita della provincia di Madurai, nel sud dell’India, nato e vissuto per oltre 10 anni in Myanmar.   

La denuncia del religioso coincide con la giornata per i diritti umani nella ex-Birmania, che si celebra oggi: attivisti hanno lanciato una campagna di raccolta firme per chiedere la liberazione di Aung San Suu Kyi e degli oltre 2100 prigionieri politici richiusi nelle carceri del Paese. P. Cyril spiega che la campagna “è un buon segno” e può essere utile per “risvegliare le coscienze nella comunità internazionale”, ma “non sortirà alcun effetto in Myanmar: il governo vigila e chiunque firmerà andrà incontro ad arresti, torture, persecuzioni”.

“In Myanmar – denuncia il sacerdote – vi è una violazione totale dei diritti umani. La giunta militare non garantisce una buona educazione e non crea opportunità di lavoro per i cittadini. Non vi sono libertà; anche la libertà religiosa subisce pesanti restrizioni. Non c’è libertà di spostamento, le persone sono sorvegliate, messe in prigione se sospettate di attività anti-governative e torturate in maniera disumana”. Egli spiega che non vi è la possibilità di un vero “sviluppo sociale ed economico” e la giunta non ha alcun interesse ad avviare “riforme in senso democratico”.

P. Cyril ha visitato il Myanmar nei mesi successivi alla tragedia di Nargis, lavorando per quattro mesi a contatto con gli sfollati. Il 2 maggio del 2008 un ciclone tropicale ha colpito il sud del Paese; i danni maggiori si sono registrati nella zona del delta dell’Irrawaddy, dove ancora oggi – a dieci mesi di distanza – la situazione rimane critica. Narcisi ha causato la morte di circa 140mila persone, ma si calcola che oltre 2,4 milioni di birmani abbiano riportato danni di varia entità e siano ancora in atteso di aiuti. Il religioso gesuita denuncia “gli ostacoli” creati dalla dittatura militare che “non tollera interventi esterni”. “Cercavamo di aiutare le persone che avevano perso tutto a causa del ciclone. Fornivamo loro cibo, aiuti, una casa, ma il governo lo impediva. Tra le persone resta comunque la voglia di lottare, di liberarsi di una tirannia che opprime”.

Il sacerdote dice di avere a cuore “il futuro del Paese e la sua liberazione”, perché se vi sarà “democrazia la nazione potrà crescere”. Il sottosuolo è ricco di risorse minerarie, oro, petrolio; nel Paese vi sono foreste di legno pregiato e la terra è fertile. Le persone sono dotate di “capacità e talento” che non possono esprimere perché impegnate in una “lotta per la sopravvivenza”. La popolazione vive “nel terrore”, sotto la costante minaccia “di pistole e fucili”, moltissimi vengono uccisi. “La gente ha paura – conclude p. Cyril – ma c’è chi si batte per la democrazia e la libertà. È un cammino che richiede tempo e che verrà raggiunto nel lungo periodo. Il Myanmar e il suo popolo hanno tutte le potenzialità per emergere”.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
01/08/2008 MYANMAR
Rischia due anni di carcere l’attore che aiutava le vittime del ciclone Nargis
10/01/2009 MYANMAR
Il fallimento della comunità internazionale di fronte al dramma del popolo birmano
05/05/2009 MYANMAR
Arcivescovo di Yangon: la tragedia di Nargis fonte di “speranza” per un nuovo Myanmar
04/07/2008 MYANMAR
Il dramma dei birmani, segnati dal ciclone e dalla crudeltà del regime
27/01/2009 MYANMAR
Myanmar, bambini sfruttati per meno di 30 centesimi al giorno

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate