18 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 02/11/2010
SRI LANKA
Sacerdoti cattolici sostengono la protesta dei pescatori contro gli idrovolanti
di Melani Manel Perera
Durante la messa celebrata per l’annuale festa di St. Jude, migliaia di pescatori hanno protestato contro il progetto governativo SeaPlane, che prevede l’ammaraggio di idrovolanti nella laguna. Il progetto, che rientra in un programma per lo sviluppo del turismo in Sri Lanka, mette a rischio la sussistenza delle famiglie dei villaggi intorno alla laguna di Negombo, non tenendo conto del grave impatto ambientale che causerebbe.

Seeduwa (AsiaNews) – In occasione dell’annuale festa Birds Forest St. Jude, tenutasi lo scorso 31 ottobre, circa duemila pescatori, fedeli e alcuni attivisti sociali hanno preso parte alla messa celebrata nella parrocchia di Kuruku Kele (Seeduwa, arcidocesi di Colombo). P. Patrick Perera, vicario generale della zona nord della diocesi di Colombo, ha presieduto la funzione insieme a p. Basil Wickremasinghe, parroco della chiesa, e p. Lester Nonis, direttore dell’associazione cattolica dei pescatori di Negombo. Tutti i pescatori della laguna, le loro famiglie e le imbarcazioni hanno ricevuto la benedizione; poi, hanno dato voce alla loro protesta contro il progetto SeaPlane del governo. Circa dieci sacerdoti e suore, provenienti dai villaggi vicini, hanno partecipato alla messa, insieme ai pescatori – che con le loro famiglie contavano circa duemila persone – altri fedeli e alcuni attivisti sociali.

P. Basil Wickremasinghe ha invitato tutti i fedeli a pregare Dio, per proteggere le loro vite dall’agitazione causata dal progetto SeaPlane, e ha aggiunto che tutti i sacerdoti sostengono le proteste dei pescatori. P. Nonis, durante la sua omelia, ha ricordato che c’è solo Dio a proteggere gli uomini e le loro vite. “Con la chiesa abbiamo preso iniziative per affrontare questo problema [SeaPlane project], ma al momento non abbiamo ricevuto alcuna risposta positiva. Il mare, la laguna, tutto l’ambiente con le bellissime creazioni del nostro Signore, e anche i vostri mezzi di sussistenza, sono minacciati da questi progetti che non si preoccupano dello sviluppo dei pescatori”.

Marcus Fernando, un pescatore membro dell’organizzazione Negombo united fisher people, spiega ad AsiaNews: “La laguna di Negombo fornisce sostentamento diretto a più di cinquemila famiglie dei 35 villaggi qui intorno [la laguna]. Quasi quattromila famiglie dipendono in maniera indiretta, tra venditori di pesce, collezionisti, centri di riparazione, centri vendita delle attrezzature, etc. Sono tutti piccoli pescatori, e il loro unico mezzo di sostentamento è la pesca. Se questo progetto andrà in porto, la vita di molti sarà in pericolo”.

Il progetto rientra nel programma per lo sviluppo del Paese Mahinda Chinthanaya, e prevede l’introduzione di idrovolanti per promuovere il turismo in zone difficili da raggiungere. Oltre alla laguna di Negombo, rientrano nel progetto i laghi Parakrama Samudra, Thisawewa, Vittoria e Beira. I pescatori accusano il governo di non preoccuparsi delle gravi conseguenze che l’ammaraggio degli idrovolanti causerebbe ai pescatori dei villaggi, la cui sussistenza è basata quasi solo sulla pesca.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
07/01/2011 SRI LANKA
Sri Lanka, governo pronto a spostare gli idrovolanti dalla laguna di Negombo
di Melani Manel Perera
14/12/2010 SRI LANKA
Sri Lanka: ambientalisti contro il progetto turistico sulla laguna di Negombo
di Melani Manel Perera
18/11/2010 SRI LANKA
Sit-in di ottomila pescatori contro il progetto turistico del governo
di Melani Manel Perera
13/05/2011 SRI LANKA
Kalpitiya: l’ennesimo progetto turistico vieta l’accesso al mare per i pescatori
di Melani Manel Perera
16/02/2011 SRI LANKA
Laguna di Batticaloa, malattia sconosciuta avvelena i pesci
di Melani Manel Perera

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate