27 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 02/11/2010, 00.00

    SRI LANKA

    Sacerdoti cattolici sostengono la protesta dei pescatori contro gli idrovolanti

    Melani Manel Perera

    Durante la messa celebrata per l’annuale festa di St. Jude, migliaia di pescatori hanno protestato contro il progetto governativo SeaPlane, che prevede l’ammaraggio di idrovolanti nella laguna. Il progetto, che rientra in un programma per lo sviluppo del turismo in Sri Lanka, mette a rischio la sussistenza delle famiglie dei villaggi intorno alla laguna di Negombo, non tenendo conto del grave impatto ambientale che causerebbe.

    Seeduwa (AsiaNews) – In occasione dell’annuale festa Birds Forest St. Jude, tenutasi lo scorso 31 ottobre, circa duemila pescatori, fedeli e alcuni attivisti sociali hanno preso parte alla messa celebrata nella parrocchia di Kuruku Kele (Seeduwa, arcidocesi di Colombo). P. Patrick Perera, vicario generale della zona nord della diocesi di Colombo, ha presieduto la funzione insieme a p. Basil Wickremasinghe, parroco della chiesa, e p. Lester Nonis, direttore dell’associazione cattolica dei pescatori di Negombo. Tutti i pescatori della laguna, le loro famiglie e le imbarcazioni hanno ricevuto la benedizione; poi, hanno dato voce alla loro protesta contro il progetto SeaPlane del governo. Circa dieci sacerdoti e suore, provenienti dai villaggi vicini, hanno partecipato alla messa, insieme ai pescatori – che con le loro famiglie contavano circa duemila persone – altri fedeli e alcuni attivisti sociali.

    P. Basil Wickremasinghe ha invitato tutti i fedeli a pregare Dio, per proteggere le loro vite dall’agitazione causata dal progetto SeaPlane, e ha aggiunto che tutti i sacerdoti sostengono le proteste dei pescatori. P. Nonis, durante la sua omelia, ha ricordato che c’è solo Dio a proteggere gli uomini e le loro vite. “Con la chiesa abbiamo preso iniziative per affrontare questo problema [SeaPlane project], ma al momento non abbiamo ricevuto alcuna risposta positiva. Il mare, la laguna, tutto l’ambiente con le bellissime creazioni del nostro Signore, e anche i vostri mezzi di sussistenza, sono minacciati da questi progetti che non si preoccupano dello sviluppo dei pescatori”.

    Marcus Fernando, un pescatore membro dell’organizzazione Negombo united fisher people, spiega ad AsiaNews: “La laguna di Negombo fornisce sostentamento diretto a più di cinquemila famiglie dei 35 villaggi qui intorno [la laguna]. Quasi quattromila famiglie dipendono in maniera indiretta, tra venditori di pesce, collezionisti, centri di riparazione, centri vendita delle attrezzature, etc. Sono tutti piccoli pescatori, e il loro unico mezzo di sostentamento è la pesca. Se questo progetto andrà in porto, la vita di molti sarà in pericolo”.

    Il progetto rientra nel programma per lo sviluppo del Paese Mahinda Chinthanaya, e prevede l’introduzione di idrovolanti per promuovere il turismo in zone difficili da raggiungere. Oltre alla laguna di Negombo, rientrano nel progetto i laghi Parakrama Samudra, Thisawewa, Vittoria e Beira. I pescatori accusano il governo di non preoccuparsi delle gravi conseguenze che l’ammaraggio degli idrovolanti causerebbe ai pescatori dei villaggi, la cui sussistenza è basata quasi solo sulla pesca.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/01/2011 SRI LANKA
    Sri Lanka, governo pronto a spostare gli idrovolanti dalla laguna di Negombo
    Dopo mesi di proteste, il parlamento cerca un luogo alternativo dove sviluppare il progetto turistico Sea Plane. Manca tuttavia un comunicato ufficiale, e i pescatori si dicono preoccupati: “Non lasceremo che il programma sia lanciato qui, nella nostra laguna”.

    14/12/2010 SRI LANKA
    Sri Lanka: ambientalisti contro il progetto turistico sulla laguna di Negombo
    In una conferenza stampa hanno spiegato il grave impatto ambientale che il Sea Plane project avrà sulla zona. A farne le spese, la fauna ittica e le 25 specie di uccelli migratori che vivono lì. Le dichiarazioni degli ambientalisti si uniscono ai numerosi appelli dei pescatori, per i quali la laguna è l’unico mezzo di sostentamento.

    18/11/2010 SRI LANKA
    Sit-in di ottomila pescatori contro il progetto turistico del governo
    I pescatori hanno ottenuto lo smantellamento temporaneo delle attrezzature legate al progetto di governo Sea Plane, dopo quasi dieci ore di proteste. Insieme a loro, anche sacerdoti e suore cattolici, leader religiosi, attivisti dei diritti umani. La laguna è l’unica fonte di guadagno e sussistenza per i pescatori e le loro famiglie.

    13/05/2011 SRI LANKA
    Kalpitiya: l’ennesimo progetto turistico vieta l’accesso al mare per i pescatori
    Filo spinato lungo le spiagge e militari delimitano i cantieri dove sorgeranno alberghi e resort. Per risollevare l’economia nazionale, un nuovo mega progetto turistico che danneggia ecosistema e vita delle comunità locali.

    16/02/2011 SRI LANKA
    Laguna di Batticaloa, malattia sconosciuta avvelena i pesci
    Dopo le alluvioni, i pescatori devono affrontare questo nuovo problema, che compromette in maniera seria la fonte di sussistenza principale della popolazione. Mentre le autorità restano in silenzio.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®