3 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 02/11/2010
SRI LANKA
Sacerdoti cattolici sostengono la protesta dei pescatori contro gli idrovolanti
di Melani Manel Perera
Durante la messa celebrata per l’annuale festa di St. Jude, migliaia di pescatori hanno protestato contro il progetto governativo SeaPlane, che prevede l’ammaraggio di idrovolanti nella laguna. Il progetto, che rientra in un programma per lo sviluppo del turismo in Sri Lanka, mette a rischio la sussistenza delle famiglie dei villaggi intorno alla laguna di Negombo, non tenendo conto del grave impatto ambientale che causerebbe.

Seeduwa (AsiaNews) – In occasione dell’annuale festa Birds Forest St. Jude, tenutasi lo scorso 31 ottobre, circa duemila pescatori, fedeli e alcuni attivisti sociali hanno preso parte alla messa celebrata nella parrocchia di Kuruku Kele (Seeduwa, arcidocesi di Colombo). P. Patrick Perera, vicario generale della zona nord della diocesi di Colombo, ha presieduto la funzione insieme a p. Basil Wickremasinghe, parroco della chiesa, e p. Lester Nonis, direttore dell’associazione cattolica dei pescatori di Negombo. Tutti i pescatori della laguna, le loro famiglie e le imbarcazioni hanno ricevuto la benedizione; poi, hanno dato voce alla loro protesta contro il progetto SeaPlane del governo. Circa dieci sacerdoti e suore, provenienti dai villaggi vicini, hanno partecipato alla messa, insieme ai pescatori – che con le loro famiglie contavano circa duemila persone – altri fedeli e alcuni attivisti sociali.

P. Basil Wickremasinghe ha invitato tutti i fedeli a pregare Dio, per proteggere le loro vite dall’agitazione causata dal progetto SeaPlane, e ha aggiunto che tutti i sacerdoti sostengono le proteste dei pescatori. P. Nonis, durante la sua omelia, ha ricordato che c’è solo Dio a proteggere gli uomini e le loro vite. “Con la chiesa abbiamo preso iniziative per affrontare questo problema [SeaPlane project], ma al momento non abbiamo ricevuto alcuna risposta positiva. Il mare, la laguna, tutto l’ambiente con le bellissime creazioni del nostro Signore, e anche i vostri mezzi di sussistenza, sono minacciati da questi progetti che non si preoccupano dello sviluppo dei pescatori”.

Marcus Fernando, un pescatore membro dell’organizzazione Negombo united fisher people, spiega ad AsiaNews: “La laguna di Negombo fornisce sostentamento diretto a più di cinquemila famiglie dei 35 villaggi qui intorno [la laguna]. Quasi quattromila famiglie dipendono in maniera indiretta, tra venditori di pesce, collezionisti, centri di riparazione, centri vendita delle attrezzature, etc. Sono tutti piccoli pescatori, e il loro unico mezzo di sostentamento è la pesca. Se questo progetto andrà in porto, la vita di molti sarà in pericolo”.

Il progetto rientra nel programma per lo sviluppo del Paese Mahinda Chinthanaya, e prevede l’introduzione di idrovolanti per promuovere il turismo in zone difficili da raggiungere. Oltre alla laguna di Negombo, rientrano nel progetto i laghi Parakrama Samudra, Thisawewa, Vittoria e Beira. I pescatori accusano il governo di non preoccuparsi delle gravi conseguenze che l’ammaraggio degli idrovolanti causerebbe ai pescatori dei villaggi, la cui sussistenza è basata quasi solo sulla pesca.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
07/01/2011 SRI LANKA
Sri Lanka, governo pronto a spostare gli idrovolanti dalla laguna di Negombo
di Melani Manel Perera
14/12/2010 SRI LANKA
Sri Lanka: ambientalisti contro il progetto turistico sulla laguna di Negombo
di Melani Manel Perera
18/11/2010 SRI LANKA
Sit-in di ottomila pescatori contro il progetto turistico del governo
di Melani Manel Perera
13/05/2011 SRI LANKA
Kalpitiya: l’ennesimo progetto turistico vieta l’accesso al mare per i pescatori
di Melani Manel Perera
16/02/2011 SRI LANKA
Laguna di Batticaloa, malattia sconosciuta avvelena i pesci
di Melani Manel Perera

In evidenza
ISLAM – M.ORIENTE
Al Azhar e il Vaticano sul terrorismo. Le ambiguità della comunità internazionale
di Bernardo CervelleraL’autorevole università sunnita denuncia le violenze “odiose” dello Stato islamico e domanda al mondo di sconfiggere questo gruppo “attraverso ogni modo possibile”. Vaticano: il terrorismo è una minaccia per l’umanità intera. La Francia dice di combattere il terrorismo, ma poi vende armi, aerei, elicotteri da guerra all’Arabia saudita, che sostiene il fondamentalismo islamico. Il Kuwait lascia vivere i salafiti che appoggiano al Nusra e lo Stato islamico. La Turchia contro i kurdi; gli Stati Uniti contro Iran, Russia e Cina.
TUNISIA - ISLAM
Tunisi, fermare il terrorismo chiudendo le moschee fondamentalistePer il presidente Essebsi, la sfida del terrore può essere affrontata solo con una strategia unitaria e globale. L’attentato a Sousse quasi in contemporanea con quelli in Francia, in Kuwait, in Somalia. Le rivendicazioni dello Stato islamico.
VATICANO – ITALIA
Torino, Papa ai giovani: Siate casti nell’amore e andate controcorrente. Non andate in pensione a 20 anni!L’ultimo incontro della prima giornata di Francesco a Torino è con i giovani, riuniti a piazza Vittorio. Francesco risponde a braccio a tre domande sull’amore, l’amicizia e la sfiducia nei confronti della vita: “Vi capisco, quanti sono ipocriti e parlano di pace vendendo armi. Come si può avere fiducia? Seguendo Cristo, il cui gesto di amore estremo, cioè la Croce, ha salvato l’umanità”. Una disamina degli orrori del Novecento come prova di sfiducia nei confronti delle potenze mondiali. E il ripetuto invito ai ragazzi: “Non andate in pensione a 20 anni, vivete e non vivacchiate!”. Il testo completo della risposta del papa (a cura di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate