17 Aprile 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 11/06/2012 08:43
ASIA - UE
Salgono le borse dell'Asia dopo gli aiuti alle banche spagnole
La borsa di Hong Kong apre con un rialzo del 2,35. Salgono anche le azioni di compagnie che esportano in Europa. Positivi per il mercato i dati del commercio cinese: in maggio le esportazioni sono cresciute del 15,3; le importazioni del 12,7 in un anno. Sale il prezzo del petrolio e del rame, dovuti a un incremento delle importazioni cinesi.

Hong Kong (AsiaNews) - Le borse dell'Asia sono in rialzo dopo che la Spagna ha ricevuto un prestito di 100 miliardi di euro per salvare le sue banche. La borsa di Hong Kong ha aperto stamane con un + 2,35, mentre l'indice Asia Pacifico Msci è salito dell'1,8.

La decisione dell'eurogruppo di mettere a disposizione i 100 miliardi - più di quanto sia strettamente necessario per sanare le banche spagnole, oppresse da debiti cattivi - diffonde un senso di ottimismo nei mercati mondiali perché mostra il desiderio dell'Europa di affrontare con più decisione la crisi.

L'euro si è anche rafforzato a 1,26 rispetto al dollaro e alle altre monete asiatiche, il valore più alot dal 23 maggio scorso. Negli ultimi sei mesi la moneta europea aveva perduto il 3,5%.

Le speranze sull'Europa si riflettono anche sulle compagnie che esportano molto in Europa. La giapponese Canon, che dipende dal vecchio continente per almeno un terzo delle sue vendite, ha visto oggi le sue azioni crescere del 2,2%.

A far crescere l'ottimismo vi sono anche i dati di crescita del commercio cinese. Nel mese di maggio esso è cresciuto del 15,3%, più del previsto. Anche le importazioni sono salite del 12,7%, quasi il doppio rispetto alle previsioni, che si aggiravano sul 5,5. Ma diversi economisti affermano che questa ripresa non è consistente, dato che vi sono altri segnali di segno contrario, come la produzione industriale e le vendite al dettaglio.

I prezzi del petrolio per luglio sono saliti del 3% a New York. Analisti mettono in relazione tale incremento con la pubblicazione dei dati della Cina, che in maggio ha aumentato le importazioni di greggio. Lo stesso si può dire del rame, aumentato del 2,5%, dopo che le importazioni del metallo in Cina solo cresciute del 12%.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
12/03/2012 CINA
Pechino, bilancia commerciale in rosso: il peggior deficit da 22 anni
10/11/2011 ASIA - ITALIA
La crisi in Italia fa cadere le borse e le monete dell’Asia
23/07/2012 ASIA
Borse asiatiche in discesa: i problemi dell'euro e della Cina
10/05/2012 CINA
Scende l'import-export cinese. Dubbi sulla ripresa
10/01/2013 CINA
L'export cinese cresce del 14%, ma le prospettive non sono rosee

In evidenza
SIRIA
Gesuita siriano: Mi manchi, p. Frans. Hai ispirato tutti noi
di Tony Homsy*Un giovane sacerdote della Compagnia ricorda la vita e l'operato di p.Frans van der Lugt, ucciso a Homs dopo aver rifiutato di abbandonare la popolazione piagata da fame e guerra: "Ha dato e continua a dare tutto per la Chiesa, per la Siria, per la pace. La sua testimonianza e le sue doti ne hanno fatto un missionario e un testimone del Vangelo eccezionale". Per gentile concessione del "thejesuitpost" (traduzione a cura di AsiaNews).
FRANCIA - IRAQ
Patriarca caldeo: il futuro fosco dei cristiani d'Oriente, ricchezza in via di estinzione per Occidente e Islam
di Mar Louis Raphael I SakoLe guerre in Iraq, Libia e Afghanistan hanno peggiorato la condizione dei popoli, in particolare le minoranze. Le politiche fallimentari promosse dall'Occidente. Cresce il fondamentalismo, la Primavera araba svuotata dagli estremismi. Il ruolo delle autorità musulmane nella tutela di diritti e libertà religiosa. La presenza dei cristiani in Medio oriente è fondamentale per i musulmani.
CINA-EU
Xi Jinping torna dall'Europa sazio di contratti e di silenzi
di Bernardo CervelleraIl presidente cinese ha firmato accordi per decine di miliardi di euro con Francia, Germania, Olanda, Belgio. Ma non ha mai voluto incontrare i giornalisti per una conferenza stampa. Al Collegio dell’Europa a Bruges, egli sogna una Via della Seta per un volume di commercio pari a 1000 miliardi. Ma mette in chiaro che in Cina il monopolio del potere rimane al Partito. Fine del sogno delle riforme politiche per la Cina. Ma gli internauti non sono d’accordo con lui.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate