13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/10/2017, 12.33

    LIBANO

    San Charbel, canonizzato 40 anni fa, un santo per tutto il Libano

    Fady Noun

    L’anniversario si è celebrato ieri nel suo villaggio natale. La sua canonizzazione fu momento di commozione per un Libano che usciva dalla guerra. San Charbel è un segno di unità. I suoi miracoli non hanno “né limiti geografici né frontiere religiose”.

    Beirut (AsiaNews) – Il Libano, il convento di Annaya e il villaggio di Bkaa-Kafra (nord del Libano) hanno celebrato ieri il 40mo anniversario della canonizzazione, il 9 ottobre 1977, di San Charbel Makhlouf (8 maggio 1828 – 24 dicembre 1898).

    Esso fu un momento commovente per il Libano, che usciva da due anni di violenza scoppiati il 13 aprile 1975. Una guerra destinata a riprendere e condurre il Libano sul fondo dell’abisso, e che si stima avesse ucciso il 6% della popolazione attiva, portando 700mila su 3 milioni di libanesi a partire (in modo provvisorio o definitivo) per altri cieli. Il Libano sfiorò e poi cadde in un disastro economico irreversibile, accumulando un debito di 70 miliardi di dollari. Durante la messa per la canonizzazione di san Charbel, papa Paolo VI aveva definito la canonizzazione di San Charbel una “grande gioia” per la “Chiesa intera, da Oriente a Occidente”.

    Ancora oggi, San Charbel, che prosegue l’esperienza fondatrice di San Maron, è per i libanesi un segno di unità. Secondo padre Louis Matar, economo del convento di Annaya, le guarigioni che accadono per sua intercessione non conoscono “né limiti geografici né frontiere religiose”. “Tutti quelli che l’invocano raccolgono i frutti della sua santità, sia sotto forma di guarigione che di consolazione dalla sofferenza…Il Signore non gli rifiuta nulla, perché san Charbel non gli ha rifiutato nulla, e niente è impossibile a Dio”.

    P. Matar precisa che quasi il 10% dei casi di guarigione registrati ad Annaya dal luglio del 2017 riguardano non-cristiani. Egli afferma anche di aver ricevuto, qualche settimana fa, la visita di Hassan Ali Fakih, un libanese sciita originario di Roub Talatine (Marjayoun), un abitante di Hay el-Sellom che il santo aveva miracolosamente guarito dallo schiacciamento di un nervo al tallone sinistro, dovuto a una sbagliata saldatura ossea.

    In questo 40mo anniversario dalla canonizzazione di Charbel, le “rughe profonde” scavate dalla guerra sul viso del Libano non sono ancora del tutto sparite, ma con le guarigioni e la consolazione, l’eremita di Annaya fa del suo meglio per aiutare gli uomini a risvegliarsi al “Dio-con-loro” che “tergerà ogni lacrima dai loro occhi” il giorno che “non ci sarà più la morte” (Apocalisse, 21).

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/07/2015 LIBANO
    Nel ricordo di san Charbel, il futuro del Libano e della Chiesa maronita
    Dal 18 al 25 luglio in programma le commemorazioni per il cinquantenario della beatificazione. Un gesto profetico di Paolo VI sui drammi futuri della Chiesa d’Oriente. L’abate Naaman: serve una nuova leadership a salvaguardia della comunità maronita. La mancata elezione del presidente libanese “uno di questi sintomi”.

    02/02/2016 12:06:00 LIBANO – USA
    La guarigione di una cieca diffonde anche negli Usa la fama di san Charbel

    Un miracolo avvenuto a Phoenix, in Arizona, attribuito all’intercessione dell’eremita di Annaya, in Libano. Dafné Gutierrez il giorno dopo aver visitato una reliquia del santo si sveglia con un forte prurito agli occhi e la sensazione di una forte pressione sulla testa e sulle orbite e alla luce diffusa di una lampada da comodino, grida stupita al marito: “posso vederti, posso vederti”.



    28/08/2017 10:39:00 LIBANO
    Faraya, issata l’imponente statua di san Charbel. L’inaugurazione per la festa della Croce

    La fama di santità del monaco eremita ha superato frontiere religiose, in vita e dopo la sua morte. Al suo interno verrà posta una reliquia del santo: un piccolo frammento di osso. A presiedere la cerimonia sarà il patriarca maronita Béchara Raï. Archiviate le polemiche attorno all’imponenza dell’opera e ai costi. 

     



    07/10/2015 LIBANO-ISLAM
    Bambina musulmana guarita da un miracolo di S. Charbel (Il video)
    La piccola Milan, a due anni, si ammala di tumore e dopo un trapianto viene assalita da un virus letale. La madre, una profuga musulmana di Damasco, si rivolge a san Charbel e la bambina guarisce.

    02/09/2016 10:04:00 LIBANO
    Madre Teresa, la guerra in Libano e il salvataggio di 100 bambini disabili e orfani

    Nel 1982, in pieno conflitto, la religiosa salva dai bombardamenti un gruppo di bambini di un orfanotrofio. Disabili e malati, i piccoli erano stati abbandonati dal personale in fuga. Grazie alla fede e alla preghiera ottiene un cessate il fuoco per procedere all’evacuazione. Il racconto di una scrittrice e attivista drusa, testimone diretta degli eventi. 





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®