23 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/12/2006, 00.00

    IRAN

    Sarà cruciale il voto del 15 dicembre per l’Assemblea degli esperti

    Dariush Mirzai

    L’organismo ha un peso concreto sulle scelte strategiche di Teheran. In lizza due correnti guidate da leader discussi: il “pragmatico” Rafsanjani e l’”ultrà” Yazdi. Il voto è anche un test sulla politica di Ahmadinejad.

    Teheran (AsiaNews) – Per lo Stratford Global Intelligence potrebbero essere il voto più cruciale della storia della Repubblica iraniana le elezioni del prossimo 15 dicembre per la Assemblea degli esperti. Gli 86 mullah che la compongono hanno il potere di scegliere, ed in teoria anche di destituire, la Guida suprema della rivoluzione, che è il vero capo dello Stato.

    Pur riunendosi solo due volte l’anno – in genere nel centro religioso di Qom, ma a volte anche a Mashad, altro luogo di pellegrinaggi, o a Teheran – l’Assemblea in realtà pesa, direttamente o indirettamente, sulle decisioni strategiche del Paese, pur non occupandosi degli affari correnti. A dare maggiore peso alle prossime elezioni, strutturalmente molto poco democratiche, è da un lato il mistero che circonda le condizioni di salute dell’attuale Guida, Ali Khamenei, 67 anni, che secondo alcune voci avrebbe un cancro, e dall’altro il fatto che l’attuale presidente dell’Assemblea, l’ayatollah Ali Meshkini, ad 80 anni sembra intenzionato a lasciare.

    Eletti per otto anni, gli 86 componenti dell’Assemblea - che una volta eletta non è sottoposta ad alcun controllo ed è dunque una sorta di Consiglio di reggenza - potrebbero dare il via ad una riforma del regime. I 144 candidati sono i superstiti dei 495 che si erano proposti. Come per le elezioni presidenziali, i loro nomi sono stati “scremati” dal Consiglio dei guardiani, composto di sei teologi nominati dalla Guida e sei giuristi proposti dalla magistratura ed approvati dal Parlamento. Eliminati tutti i non religiosi e tutte le donne, alcuni candidati “dubbi” per essere ammessi hanno dovuto superare un esame di diritto islamico.

    I 144 ammessi rappresentano un po’ più di due candidati per ogni seggio. A votarli potranno essere solo i musulmani: cristiani, ebrei e zoroastriani non possono né votare, né essere eletti. Ad affrontarsi due fazioni, entrambe guidate da leader di dubbia reputazione, che aspirano alla successione di Khamenei:

    - I “pragmatici”, che fanno capo all’ex presidente Hashemi Rafsanjani, recentemente coinvolto dai giudici argentini negli attentati antiebraici accaduti nel loro Paese e indicato dalla magistratura svizzera nella vicenda dell’assassinio di Kazem Radjavi. Considerato l’uomo più ricco dell’Iran, ha perduto le ultime elezioni presidenziali a causa della sua fama di affarista e corruttore;

    - Gli “ultraconservatori” che seguono l’ayatollah Mesbah Yazdi. Ritenuto da alcuni, ma la cosa sembra eccessiva, guida spirituale dal presidente Ahmadinejad, Yazdi vuole l’irrigidimento nell’applicazione delle regole islamiche, esalta l’uso della forza e vorrebbe, ad esempio, lo sterminio dei bahai (in quanto eretici) e la riduzione in schiavitù dei non-musulmani catturati in occasione della futura guerra santa.

    I “riformatori” non esistono più (o non ancora) come tali: l’ex presidente Khatami si è trovato un ruolo girando il mondo (da Washington ad Istanbul) presenta una immagine positiva del regime ed evita critiche. Gli altri, come l’ex candidato alla presidenza e presidente del Parlamento, Mehdi Karroubi e l’ex capo negoziatore del dossier nucleare Hassan Rowhani, si sono uniti a Rafsanjani in una coalizione anti-Ahmadinejad. A favore del quale è schierato il capo del Consiglio dei guardiani, l’ayatollah Ahmad Jannati, l’uomo che ha definito “ispirata” la lettera del presidente iraniano a Bush.

    Per gli elettori iraniani, che non conoscono i candidati e che non assisteranno ad una confronto su programmi, si tratta di scegliere tra un estremista rivoluzionario, emblema del gruppo al potere e la “opposizione” rappresentata da Rafsanjani. Votare contro Rafsanjani, come è stato in occasione delle elezioni presidenziali del 2005, significherebbe non solo approvare la linea del governo di Ahmadinajad, ma anche fare posto ad una dei mullah più estremisti del regime. Per il quale sarebbe positiva un’alta partecipazione al voto ed un buon risultato per gli “ultraconservatori”.

    Opposta la lettura di una scarsa partecipazione o di un buon risultato per Rafsanjani. Opposte anche le conseguenze che il risultato elettorale può avere sulle questioni politiche internazionali, dal nucleare all’Iraq, dal Libano alla Palestina. Già nel 1995, Rafsnajani si era guadagnato la fama di pragmatico lasciando intendere una possibile apertura del suo Paese, anche verso gli Usa. Yazdi, invece, cerca il confronto: all’inizio di quest’anno ha sostenuto che sarebbe lecito l’uso delle armi nucleari contro gli Stati Uniti. Sul piano interno, dall’economia ai diritti dell’uomo, ci sono da attendersi pochi sviluppi positivi: un successo di Yazdi farebbe però prevedere un ulteriore progresso delle tendenze più estremiste del regime.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/12/2006 IRAN
    A Teheran è giorno di elezioni, condizionate, ma temute
    Solo i musulmani al voto per l’Assemblea degli esperti, tutti per il governo delle città. Pur condizionata, la tornata elettorale può portare significativi cambiamenti.

    09/06/2006 iran
    Teheran verso il voto per l'assemblea degli "Esperti", la vera sede del potere

    Sono coloro che eleggono, consigliano e controllano la Guida Suprema, l'uomo che ha l'ultima parola su tutte le decisioni politiche, religiose e strategiche.



    02/03/2016 15:17:00 IRAN
    La vittoria (non assoluta) per i moderati di Rouhani e i problemi a venire

    Il blocco moderati-riformatori prende almeno il triplo dei seggi rispetto alle precedenti elezioni. Buon numero anche nell’Assemblea degli esperti. Nel nuovo parlamento vi sono 14 donne, in maggioranza riformiste.  Estromessi gli esponenti più conservatori e radicali. La gente ha approvato la linea di Rouhani e l’accordo sul nucleare per normalizzare la politica estera e facilitare l’economia. Rimane qualche dubbio su Khamenei e sui pasdaran.



    21/02/2007 IRAN
    Giura l’Assemblea degli esperti, ma Ahmadinejad e Rafsanjani non si danno la mano
    La cerimonia, a porte chiuse, si è svolta seguendo i canoni tradizionali di questi eventi, ma si è cercato di giustificare la mancata elezione di donne e giuristi laici. Presenti tutti gli esponenti del regime, tranne Khamenei: motivi di salute?

    22/06/2009 IRAN
    Il Consiglio dei guardiani: più voti che votanti “solo” in 50 città iraniane
    Il portavoce dell’autorità preposta al controllo sulle elezioni ha detto alla tv di Stato che comunque il dato riguarda tre milioni di voti e quindi non cambia il risultato. Lo scontro in corso nelle piazze di Teheran sembra poter coinvolgere i centri di potere del regime e toccare la stessa Guida suprema.



    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Studiosi vaticani e ortodossi russi dialogano sulla storia e sulla Ostpolitik

    Vladimir Rozanskij

    Il Convegno inizia domani e continua fino al 21 giugno. Il lavoro comune si era bloccato nel 2002 per le accuse di “proselitismo” alla Chiesa cattolica russa. Clima cambiato dopo l’incontro fra Francesco e Kirill all’Avana nel 2016. I russi preferiscono parlare di missione comune verso il mondo piuttosto che di unità della Chiesa indivisa nei primi 10 secoli.


    LAOS - VATICANO
    Il primo cardinale del Laos: ‘La forza delle piccole Chiese perseguitate’

    Weena Kowitwanij

    Il 21 maggio scorso papa Francesco aveva annunciato a sorpresa la nomina. La comunità cattolica in Laos è composta da circa 50mila fedeli. “È una Chiesa bambina, che vive il primo annuncio, rivolta soprattutto ai tribali e agli animisti”. “Alcuni dei problemi più gravi sono la carenza di sacerdoti e la qualità della formazione”. “Per molti essere cardinale è un onore, per me significa aiutare il papa a risolvere i problemi”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®