1 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 03/05/2006
palestina
Sbagliata per Wolfensohn la sospensione degli aiuti internazionali all'Anp

Nel suo rapporto il rappresentante speciale del Quartetto chiede se "qualcuno pensa di vincere cacciando i bambini dalla scuola o affamando i palestinesi".



Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) – E' sbagliato il taglio degli aiuti umanitari a favore del governo palestinese di Hamas. Un giudizio in tal senso è contenuto nel rapporto di James Wolfensohn, già presidente della Banca mondiale ed attuale rappresentante speciale del Quartetto (Onu, Usa, Russia e Unione europea) per le riforme economiche e politiche dell'Autorità palestinese.

Wolfensohn, nel suo rapporto, presentato lunedì a Washington, rinuncia formalmente all'incarico di coordinatore economico per Gaza, sostenendo che l'ascesa di Hamas ha reso il suo lavoro insostenibile. Egli chiede se, dopo aver speso più di un milione di dollari all'anno per l'assistenza ai palestinesi, molti dei quali destinati a costruire le istituzioni governative ed economiche per creare "uno Stato palestinese autosufficiente", "ora si vogliono semplicemente abbandonare tali obiettivi". Il rapporto aggiunge che le Nazioni Unite e le organizzazioni non governative non sono in grado di colmare il vuoto se le istituzioni dell'Autorità palestinese collasseranno sotto la pressione occidentale.

Il rapporto Wolfensohn evidenzia l'impatto sull'intera situazione economica dell'incapacità dell'Autorità palestinese di pagare gli stipendi. "La situazione fiscale dell'autorità va di male in peggio". La previsione per il 2008, in questo quadro, prevede un incremento della disoccupazione fino al 47% e della povertà al 74%. Secondo la Banca mondiale, il reddito pro capite, solo in quest'anno scenderà del 27%.

"Mi sorprende – si legge nel rapporto - che qualcuno pensi di vincere cacciando i bambini dalla scuola o affamando i palestinesi. E non posso pensare che qualcuno, nel Quartetto, crede che questa sia la politica".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/07/2007 ISRAELE – PALESTINA
Attese per la riunione del Quartetto che segna l’esordio di Blair inviato in Medio Oriente
02/02/2007 PALESTINA
Ripresi a Gaza gli scontri tra Hamas e Fatah
10/05/2006 palestina
I palestinesi sono "scontenti" per le loro "cattive" condizioni economiche
20/09/2010 ISRAELE - PALESTINA
Dopo tre anni, Israele autorizza l’ingresso di veicoli privati nella striscia di Gaza
07/02/2009 PALESTINA - ISRAELE
L’Onu blocca l’invio di aiuti a Gaza, dopo che Hamas le ha confiscato carichi di cibo
di Joshua Lapide

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate