17 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/05/2007, 00.00

    PAKISTAN

    Scarcerata Martha Bibi, cristiana accusata senza prove di blasfemia

    Qaiser Felix

    Fazal-e-Miran, giudice della Corte Suprema di Lahore, ha ordinato il rilascio su cauzione della donna. Fisicamente molto provata, non ha mai smesso di ringraziare Dio per aver fatto trionfare la giustizia. Attivisti tornano a chiedere l’abolizione della legge sulla blasfemia.
    Kasur (AsiaNews) - Martha Bibi, cristiana accusata senza prove di blasfemia, è stata rilasciata su cauzione il 3 maggio scorso. Fazal-e-Miran, giudice della Corte Suprema di Lahore, ne ha ordinato la scarcerazione, previo pagamento di una somma pari a 100mila rupie (circa 1.500 euro).
     
    Secondo gli avvocati dell’All Pakistan Minorities Alliance (Apma), associazione che ne ha seguito il caso per tutta la durata, la donna (40 anni) è “fisicamente molto provata, ma con la gioia di essere sopravvissuta. Non ha mai smesso di ringraziare Dio per aver permesso alla giustizia di trionfare”.
     
    Martha Bibi, che viveva nel villaggio di Kot Nanak Singh, è stata accusata il 22 gennaio scorso di avere fatto osservazioni dispregiative contro il Corano e di avere "abusato del sacro nome del profeta Maometto". Per questo, è stata accusata secondo l’art. 295 C del Codice penale pakistano - la famigerata “legge contro la blasfemia” - che prevede pene molto pesanti (fino alla condanna a morte) per chi offende il Profeta o i testi sacri dell’islam.
     
    In realtà, secondo alcuni testimoni locali, le accuse sono state presentate da alcuni appaltatori musulmani che non volevano pagare i materiali forniti ad un cantiere dalla Bibi e dal marito, muratore.
     
    Il presidente dell’Apma, Shahbaz Bhatti (con la Bibi nella foto), commenta ad AsiaNews: “Questo caso, e la sentenza di scarcerazione, dimostrano una volta di più che la legge sulla blasfemia serve solo a risolvere dispute personali, sempre a danno delle minoranze. Per questo va abolita del tutto”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/02/2007 PAKISTAN
    Senza alcuna prova, è ancora in carcere la cristiana accusata di blasfemia
    Martha Bibi, arrestata il 22 gennaio scorso, si trova in una prigione del distretto di Kasur. La polizia non ha neanche iniziato le indagini, mentre la sua famiglia vive nascosta per paura di attacchi da parte di estremisti.

    16/02/2007 PAKISTAN
    Paura, violenze e ostracismo per i “blasfemi dell'Islam” riconosciuti innocenti
    Nonostante siano stati rilasciati dai giudici, alcuni sopravvissuti alla legge sulla blasfemia raccontano l’isolamento sociale e la povertà cui sono condannati solo per essere sospettati di aver offeso l’islam. Agenti e funzionari costringono i cristiani a convertirsi in carcere: chi rimane saldo nella fede, rischia di morire per mano di estremisti.

    26/01/2007 PAKISTAN
    Ancora un cristiano in prigione per “blasfemia”
    Dopo un litigio, un uomo che le deve soldi accusa una donna di avere insultato il Profeta, reato che prevede anche la condanna a morte. La polizia la porta subito in carcere. Una ong per la tutela dei diritti: estremisti islamici usano la legge sulla blasfemia per colpire le minoranze religiose, o anche chi si oppone loro.

    03/12/2010 PAKISTAN
    Leader religiosi cristiani e musulmani chiedono la modifica della legge sulla blasfemia
    A un seminario organizzato dal Jinnah Institute di Islamabad, rappresentati religiosi e della società civile pakistana chiedono al governo di rivedere le sezioni del codice penale e di procedura penale che consentono gli abusi. Per i leader, le denunce per blasfemia servono soprattutto ai singoli per compiere vendette personali e discriminare le minoranze, come dimostra il caso di Asia Bibi.

    04/01/2011 PAKISTAN
    Assassinato il governatore del Punjab. Aveva chiesto la grazia per Asia Bibi
    Salman Taseer è stato ucciso oggi a Islamabad da una delle sua guardie del corpo. Secondo il ministro dell’interno l’assassino lo avrebbe ucciso per aver definito “Nera” la legge sulla Blasfemia.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®