22 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/12/2003, 00.00

    cina

    Scienziati dell'OMS indagano sui nuovi sintomi di Sars



    Guangzhou (AsiaNews/agenzie) –  Un gruppo di scienziati dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) è giunto a Pechino per compiere ulteriori accertamenti sui nuovi casi sospetti di Sars. L'OMS vuole inviare i risultati degli accertamenti anche all'estero per verifiche internazionali supplementari.

    L'allarme Sars è tornato nuovamente alla ribalta con il sospetto contagio di un giornalista di Panyu (Guangdong), che dal 20 dicembre scorso è in isolamento nell'ospedale di Guangzhou (N. 8 People's Hospital). Feng Shaoming, portavoce del Centro per il Controllo delle Malattie Infettive del Guangdong, ha reso noto nel frattempo che altre 42 persone, entrate in contatto con il giornalista, sono state messe in quarantena.

    Rappresentanti del Ministero della Sanità hanno detto che il giornalista, identificato solo con il cognome Luo, ricoverato con febbre molto alta e polmonite al polmone destro, è attualmente in condizioni stabili e da 5 giorni non ha più febbre. Secondo il China Daily nessuna delle 42 persone in quarantena presenta sintomi della malattia. Fra di essi vi sono 32 medici e infermiere.

    Le autorità cinesi hanno incrementato le misure di sicurezza in tutto il territorio; i viaggiatori devono compilare una dichiarazione sul loro stato di salute e sottoporsi al controllo della temperatura corporea. Sabato scorso, su 530 mila persone fermate, 44 sono risultate malate o con segni di febbre. Misure di sicurezza sono state prese anche in tutti gli aeroporti e nelle stazioni ferroviarie del paese; i viaggiatori sospettati di contagio saranno mandati negli ospedali più vicini per ulteriori accertamenti e, se è il caso, posti in quarantena. Per il momento non è stato riscontrato alcun contagio.

    Lo scorso anno la prima ondata di Sars, sviluppatasi nella provincia sud di Guangdong, ha infettato nella sola Cina circa 5.327 persone e provocato 349 morti. Nel mondo la malattia ha provocato circa 800 morti e 8 mila infetti. (MS) 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/05/2017 11:56:00 TAIWAN-CINA
    L’Organizzazione mondiale della sanità vuole escludere Taipei (su pressione della Cina)

    Per i giovani di Taiwan l’Oms contravviene ai suoi principi. Una petizione online per far partecipare un rappresentante dell’isola all’Assemblea mondiale della sanità che si terrà a Ginevra dal 22 al 31 maggio. Pechino continua la sua lotta nell’isolare Taiwan dalla comunità internazionale dopo la vittoria di Tsai Ing-wen alle elezioni presidenziali.



    01/02/2005 HONG KONG-CINA
    Si diffonde epidemia mortale: Hong Kong chiede informazioni a Pechino
    Si registrano forti aumenti di meningite: oltre 250 persone infette e 16 morti in 6 settimane. L'Anhui pare essere l'epicentro dell'infezioni. Pechino tace come al tempo della Sars.

    23/02/2005 VIETNAM
    Hanoi: conferenza internazionale sull'influenza aviaria
    Per l'Oms "il mondo è vicino ad una pandemia mortale". Esperti ed allevatori criticano le decisioni di Hanoi sugli allevamenti di  pollame.

    01/12/2005 cina
    L'Oms chiede alla Cina di condividere i campioni del virus H5N1

    Il governo cinese ha accettato la richiesta, ma i campioni ancora non sono arrivati all'Organizzazone mondiale per la sanità.



    11/06/2005 ASIA
    Oms: maggiore trasparenza sull'influenza aviaria

    Il direttore della sezione Pacifico dell'Organizzazione mondiale della sanità chiede ai governi asiatici maggiore trasparenza e vigilanza per impedire ulteriori contagi.





    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Studiosi vaticani e ortodossi russi dialogano sulla storia e sulla Ostpolitik

    Vladimir Rozanskij

    Il Convegno inizia domani e continua fino al 21 giugno. Il lavoro comune si era bloccato nel 2002 per le accuse di “proselitismo” alla Chiesa cattolica russa. Clima cambiato dopo l’incontro fra Francesco e Kirill all’Avana nel 2016. I russi preferiscono parlare di missione comune verso il mondo piuttosto che di unità della Chiesa indivisa nei primi 10 secoli.


    LAOS - VATICANO
    Il primo cardinale del Laos: ‘La forza delle piccole Chiese perseguitate’

    Weena Kowitwanij

    Il 21 maggio scorso papa Francesco aveva annunciato a sorpresa la nomina. La comunità cattolica in Laos è composta da circa 50mila fedeli. “È una Chiesa bambina, che vive il primo annuncio, rivolta soprattutto ai tribali e agli animisti”. “Alcuni dei problemi più gravi sono la carenza di sacerdoti e la qualità della formazione”. “Per molti essere cardinale è un onore, per me significa aiutare il papa a risolvere i problemi”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®