30 Maggio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 07/03/2004
iraq
Sciiti: L'8 marzo firmiamo la costituzione senza alcun cambiamento

Baghdad (AsiaNews/agenzie)  - Alcuni politici sciiti, che hanno incontrato oggi a Najaf  l'ayatollah Al-Sistani, hanno dichiarato che domani firmeranno la costituzione provvisoria.

I 5 politici sciiti sono tutti membri del Governo Provvisorio. Essi hanno incontrato il potente ayatollah nella sua casa anella città santa di Najaf per cercare di risolvere gli ostacoli a proposito della costituzione provvisoria. I 5 avevano disertato la cerimonia della firma venerdì  5 marzo perché Al-Sistani aveva espresso alcune difficoltà. Questo ha creato malumore negli altri membri, preoccupati che la mossa sciita fosse un modo per alzare la posta e chiedere più potere. I membri sunniti e kurdi si erano rifiutati di cambiare la bozza della costituzione.

Gli sciiti sembrano essere tornati sui loro passi dopo i dialoghi a Najaf. Mohammed Hussein Bahr al-Ulloum, figlio del presidente del consiglio provvisorio, Mohammad Bahr al-Ulloum, è fra quelli che hanno preparato il colloquio con l'ayatollah. All'AP ha dichiarato: "Sistani ha delle riserve, ma ciò non costituirà un ostacolo. [La costituzione] sarà firmata secondo la forma stabilita in precedenza dai membri del Consiglio di Governo".

La firma della costituzione provvisoria è un passo fondamentale nel piano della coalizione di trasferire il governo agli irakeni entro il 30 giugno prossimo. La costituzione rimarrà valida fino alla fine del 2005, quando sarà approvata quella definitiva.

I politici sciiti hanno detto di essere ottimisti che la firma possa essere apposta lunedì 8 marzo. Il consiglio si riunirà domani per discutere i risultati dell'incontro con Al Sistani. Salem Chalabi, del Congresso Nazionale Irakeno – un partito i cui leader si erano rifiutati di firmare – ha detto di aver fiducia che la firma della costituzione possa avvenire domani stesso.

Mouwafak al-Rubaie, un membro del consiglio che è stato a Najaf, ha detto: "Siamo molto contenti che il grande ayatollah ha compreso la nostra posizione".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
08/03/2004 iraq
Firmata la costituzione provvisoria: "É un momento storico"
06/03/2004 iraq
Gli sciiti frenano sulla costituzione per avere la maggioranza
28/08/2005 iraq
Costituzione presentata al parlamento, ma i sunniti prevedono la bocciatura
25/02/2004 iraq
La Chiesa anglicana avvicina sunniti e sciiti
17/03/2005 iraq
Sondaggio: gli iracheni non vogliono la sharia nella Costituzione

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate