27 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 31/05/2012, 00.00

    SIRIA

    Scontro fra Washington e Mosca sull'"imminente" guerra civile siriana



    Russia e Cina si oppongono a nuove sanzioni contro il regime. Per il segretario di Stato Usa la Russia fomenta una disastrosa guerra civile. Ban Ki-Moon definisce il massacro di Houla un punto di non ritorno per il regime degli Assad. Rilasciati a Damasco 500 prigionieri politici arrestati in 14 mesi di rivolte.

    Damasco (AsiaNews/Agenzie) - Sale la tensione fra i Paesi del Consiglio di sicurezza Onu sulla situazione siriana. Oggi, Hillary Clinton, segretario di Stato degli Stati Uniti, ha accusato la Russia di fomentare una "disastrosa guerra civile" a causa delle sue posizioni morbide contro il regime di Bashar al-Assad.

    Le dichiarazioni della Clinton giungono a poche ore dal no secco di Mosca e Pechino a nuove sanzioni economiche e a un intervento armato per rovesciare il governo siriano. Oggi anche Ban Ki - moon, segretario generale dell'Onu ha avvertito sul "rischio di una catastrofica guerra civile, da cui difficilmente la Siria si riprenderà". Nel suo intervento al forum della Nazioni Unite sull'Alleanza delle civiltà in corso a Istanbul, Ban ha affermato che il massacro di Houla ha segnato un punto di non ritorno per la situazione siriana. La violenza efferata della strage, costata la vita a 108 persone, fra cui 49 bambini, obbliga il regime ad applicare tutti i sei punti del piano di pace di Kofi Annan, che a tutt'oggi non è stato rispettato né dai ribelli né dall'esercito. Il segretario Onu teme una spirale di violenza a sfondo etnico religioso simile alla guerra che negli anni '90 ha distrutto la ex Jugoslavia.

    Per mostrare la sua buona volontà, oggi il governo di Damasco ha rilasciato 500 prigionieri politici arrestati durante i 14 mesi di rivolte. In una nota alla Tv di Stato siriana, le autorità hanno annunciato di aver liberato tutti coloro che "non si sono macchiati le mani col sangue".

    Dopo un anno di scontri, il bilancio della guerra fra regime siriano e Free Syrian Army (Fsa) è di 9mila vittime e decine di migliaia di sfollati, secondo dati Onu. Il governo Assad sostiene invece che i morti sono 3.838: 2.493 civili e 1.345 fra militari e forze di sicurezza.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/06/2013 SIRIA - USA
    Armi degli Stati Uniti ai ribelli in Siria
    Superata la "linea rossa": le forze di Assad hanno usato armi chimiche" in misura minima". I ribelli chiedono armi anti-carro e anti-aerei. Bill Clinton suggerisce una no-fly-zone, come in Libia. Santa Sede e Onu contrari all'escalation militare. I morti del conflitto: 93mila persone, delle quali l'80% uomini. Ma vi sono anche 1700 bambini sotto i 10 anni.

    11/11/2013 SIRIA
    L'opposizione siriana parteciperà a Ginevra II, ma solo se Assad lascerà il potere
    La Coalizione nazionale siriana annuncia la sua presenza a Ginevra, ma chiede un governo di transizione senza Assad e altri membri del regime. Le aperture dell'opposizione riaprono le possibilità di una conferenza di pace entro fine anno.

    01/10/2012 SIRIA
    La guerra entra nel Kurdistan siriano. Ankara ipotizza un attacco militare
    Un kamikaze si fa esplodere a Qamishili. Il bilancio è di quattro morti e decine di feriti. La città era fra le ultime ancora in mano alle forze di sicurezza del regime. Il ministro degli Esteri turco ventila l'ipotesi di una zona cuscinetto con il confine siriano e non esclude un intervento militare a scopo "umanitario". I ribelli incendiano il quartiere storico di Aleppo patrimonio dell'Unesco.

    12/10/2012 SIRIA - TURCHIA - RUSSIA
    Siria, Ankara e Mosca discutono di armi. Ad Aleppo e Homs si muore senza cure
    Il Premier turco conferma la presenza di armi e munizioni di fabbricazione russa sull'aereo siriano civile sequestrato il 10 ottobre. Mosca nega ogni coinvolgimento e chiede la restituzione del materiale. A Homs e Aleppo si fugge per non morire. A Damasco sempre più giovani ritornano a sostenere il regime degli Assad.

    14/10/2015 SIRIA - STATI UNITI - RUSSIA
    Crisi siriana, nuovi colloqui fra Russia e Stati Uniti. L’Isis lancia il jihad contro tutti e due
    Terzo incontro fra Washington e Mosca, per scongiurare incidenti fra le due aviazioni dopo l’incontro ravvicinato nei cieli. Uniti nella lotta allo Stato islamico, restano distanti sul futuro del Paese. Gruppi ribelli siriani vendono alle milizie jihadiste armi e mezzi forniti dagli americani.



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®