4 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 30/01/2007
TAIWAN - CINA
Scoperto a Taipei un vaccino efficace contro l’influenza aviaria
Scienziati di Taiwan lo hanno per ora usato sugli animali. Ma occorrono ancora due anni per fare la sperimentazione umana e metterlo in produzione. Intanto grande preoccupazione in Cina. In Indonesia contagiati gatti e maiali. Rischio aviaria in Ungheria.

Taipei (AsiaNews/Agenzie) – Taiwan annuncia un vaccino contro l’influenza aviaria. Ma in Cina rimane alto l’allarme, mentre in Indonesia il virus è scoperto anche nei mammiferi.

Pele Chong, capo del gruppo di ricerca presso l’Istituto nazionale di ricerca per la salute a Taipei, ha detto ieri che sono positivi i test sugli animali. Ora saranno svolte ricerche sugli esseri umani e si prevede di iniziare la produzione entro la fine dell’anno. Solo per la fine del 2008 sarà possibile una produzione di massa, con almeno 80mila dosi al mese. Gli esperti dicono che per un simile vaccino potrebbero occorrere anche 6 mesi dall’inoculazione per avere piena immunità contro il virus. Nell’Isola non vi sono stati malati umani, ma nel 2005 sono risultati positivi diversi uccelli importati dalla Cina.

Intanto è pessimismo in Cina, dove si ritiene ancora reale il rischio di una pandemia, visti i recenti focolai infettivi tra gli uccelli di Corea del Sud e Giappone, dove oggi è stato segnalato il 4° possibile contagio del mese, in un allevamento di Miyazaki. Nella Cina settentrionale aumentano i casi di influenza, in aumento con il freddo. Zhong Nanshan, direttore dell’Istituto di malattie respiratorie di Guangzhou, spiega che tutti i pazienti con influenza e polmonite della città saranno sottoposti a osservazione, per individuare i possibili casi di aviaria. “Siamo anche preoccupati – aggiunge – per animali come maiali e gatti” (in Olanda e Indonesia sono stati trovati gatti contagiati con il virus). “Il rischio è ancora reale, ma nessuno può prevedere quando avverrà” (un’epidemia umana). Zhong dice che è stato possibile curare un malato di aviaria dell’ospedale di Donghu (Shenzhen) anche grazie a una diagnosi precoce. Previste immediate analisi per chi ha febbre alta e polmonite se gli antibiotici non fanno effetto entro due giorni.

E’ stato chiesto a Hong Kong di agire in modo simile, dopo che nelle scorse settimane sono stati trovati uccelli selvatici morti per il virus.

Indonesia. Aumenta l’allarme dopo la scoperta del virus H5N1 in gatti, che si ritiene abbiano mangiato uccelli malati. Già nel settembre e dicembre 2006 Gusti Ngurah Mahardika, virologo dell’università Udayana, aveva trovato il virus in due cani e un gatto. Anche se il contagio è poco esteso in questi animali, Lo Winglok, esperto di Hong Kong, avverte che questo “prova che il virus sta mutando per adattarsi a un ospite mammifero. Dai mammiferi, potrebbe poi con più facilità adattarsi agli esseri umani e diventare un virus dell’uomo”. Mushi Suatmodjo, direttore dell’ufficio indonesiano di Sanità animale, ha anche detto che il virus è stato trovato in maiali a Yogyakarta e nei gatti delle province di Bandung e Bali, oltre che a Java.

Ungheria. Abbattuti 9.400 anatroccoli d'allevamento nella parte sud orientale del Paese per il semplice “sospetto” di contagio. (PB)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/04/2007 HONG KONG - CINA
Infuenza aviaria fra gli uccelli migratori di Hong Kong. Il silenzio della Cina
22/01/2007 ASIA
Non si riesce a contenere l’influenza aviaria
di Weena Kowitwanij
16/01/2007 ASIA
Torna l'aviaria in Thailandia e Giappone; in Indonesia colpiti anche i gatti
di Weena Kowitwanij
28/03/2007 INDONESIA
Ancora tre morti in Indonesia per influenza aviaria
26/06/2006 INDONESIA - AZERBAIGIAN
Indonesia: provate mutazioni nel virus dell'influenza aviaria

In evidenza
ISLAM – M.ORIENTE
Al Azhar e il Vaticano sul terrorismo. Le ambiguità della comunità internazionale
di Bernardo CervelleraL’autorevole università sunnita denuncia le violenze “odiose” dello Stato islamico e domanda al mondo di sconfiggere questo gruppo “attraverso ogni modo possibile”. Vaticano: il terrorismo è una minaccia per l’umanità intera. La Francia dice di combattere il terrorismo, ma poi vende armi, aerei, elicotteri da guerra all’Arabia saudita, che sostiene il fondamentalismo islamico. Il Kuwait lascia vivere i salafiti che appoggiano al Nusra e lo Stato islamico. La Turchia contro i kurdi; gli Stati Uniti contro Iran, Russia e Cina.
TUNISIA - ISLAM
Tunisi, fermare il terrorismo chiudendo le moschee fondamentalistePer il presidente Essebsi, la sfida del terrore può essere affrontata solo con una strategia unitaria e globale. L’attentato a Sousse quasi in contemporanea con quelli in Francia, in Kuwait, in Somalia. Le rivendicazioni dello Stato islamico.
VATICANO – ITALIA
Torino, Papa ai giovani: Siate casti nell’amore e andate controcorrente. Non andate in pensione a 20 anni!L’ultimo incontro della prima giornata di Francesco a Torino è con i giovani, riuniti a piazza Vittorio. Francesco risponde a braccio a tre domande sull’amore, l’amicizia e la sfiducia nei confronti della vita: “Vi capisco, quanti sono ipocriti e parlano di pace vendendo armi. Come si può avere fiducia? Seguendo Cristo, il cui gesto di amore estremo, cioè la Croce, ha salvato l’umanità”. Una disamina degli orrori del Novecento come prova di sfiducia nei confronti delle potenze mondiali. E il ripetuto invito ai ragazzi: “Non andate in pensione a 20 anni, vivete e non vivacchiate!”. Il testo completo della risposta del papa (a cura di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate