29 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 30/01/2007, 00.00

    TAIWAN - CINA

    Scoperto a Taipei un vaccino efficace contro l’influenza aviaria



    Scienziati di Taiwan lo hanno per ora usato sugli animali. Ma occorrono ancora due anni per fare la sperimentazione umana e metterlo in produzione. Intanto grande preoccupazione in Cina. In Indonesia contagiati gatti e maiali. Rischio aviaria in Ungheria.

    Taipei (AsiaNews/Agenzie) – Taiwan annuncia un vaccino contro l’influenza aviaria. Ma in Cina rimane alto l’allarme, mentre in Indonesia il virus è scoperto anche nei mammiferi.

    Pele Chong, capo del gruppo di ricerca presso l’Istituto nazionale di ricerca per la salute a Taipei, ha detto ieri che sono positivi i test sugli animali. Ora saranno svolte ricerche sugli esseri umani e si prevede di iniziare la produzione entro la fine dell’anno. Solo per la fine del 2008 sarà possibile una produzione di massa, con almeno 80mila dosi al mese. Gli esperti dicono che per un simile vaccino potrebbero occorrere anche 6 mesi dall’inoculazione per avere piena immunità contro il virus. Nell’Isola non vi sono stati malati umani, ma nel 2005 sono risultati positivi diversi uccelli importati dalla Cina.

    Intanto è pessimismo in Cina, dove si ritiene ancora reale il rischio di una pandemia, visti i recenti focolai infettivi tra gli uccelli di Corea del Sud e Giappone, dove oggi è stato segnalato il 4° possibile contagio del mese, in un allevamento di Miyazaki. Nella Cina settentrionale aumentano i casi di influenza, in aumento con il freddo. Zhong Nanshan, direttore dell’Istituto di malattie respiratorie di Guangzhou, spiega che tutti i pazienti con influenza e polmonite della città saranno sottoposti a osservazione, per individuare i possibili casi di aviaria. “Siamo anche preoccupati – aggiunge – per animali come maiali e gatti” (in Olanda e Indonesia sono stati trovati gatti contagiati con il virus). “Il rischio è ancora reale, ma nessuno può prevedere quando avverrà” (un’epidemia umana). Zhong dice che è stato possibile curare un malato di aviaria dell’ospedale di Donghu (Shenzhen) anche grazie a una diagnosi precoce. Previste immediate analisi per chi ha febbre alta e polmonite se gli antibiotici non fanno effetto entro due giorni.

    E’ stato chiesto a Hong Kong di agire in modo simile, dopo che nelle scorse settimane sono stati trovati uccelli selvatici morti per il virus.

    Indonesia. Aumenta l’allarme dopo la scoperta del virus H5N1 in gatti, che si ritiene abbiano mangiato uccelli malati. Già nel settembre e dicembre 2006 Gusti Ngurah Mahardika, virologo dell’università Udayana, aveva trovato il virus in due cani e un gatto. Anche se il contagio è poco esteso in questi animali, Lo Winglok, esperto di Hong Kong, avverte che questo “prova che il virus sta mutando per adattarsi a un ospite mammifero. Dai mammiferi, potrebbe poi con più facilità adattarsi agli esseri umani e diventare un virus dell’uomo”. Mushi Suatmodjo, direttore dell’ufficio indonesiano di Sanità animale, ha anche detto che il virus è stato trovato in maiali a Yogyakarta e nei gatti delle province di Bandung e Bali, oltre che a Java.

    Ungheria. Abbattuti 9.400 anatroccoli d'allevamento nella parte sud orientale del Paese per il semplice “sospetto” di contagio. (PB)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/04/2007 HONG KONG - CINA
    Infuenza aviaria fra gli uccelli migratori di Hong Kong. Il silenzio della Cina
    Scoperto un nuovo ceppo del virus che la Cina ha cercato di negare. La Fao segnala che Indonesia ed Egitto sono ad alto rischio di pandemia.

    22/01/2007 ASIA
    Non si riesce a contenere l’influenza aviaria
    Il ministro indonesiano della Sanità dice che oggi chi prende l’aviaria ha poche possibilità di sopravvivere. Morti due donne in Indonesia e in Egitto. In Egitto trovato un ceppo di virus resistente al Tamiflu. Nonostante l’impegno dei governi, si estende il contagio in Corea del Sud, Vietnam, Cambogia e Thailandia.

    16/01/2007 ASIA
    Torna l'aviaria in Thailandia e Giappone; in Indonesia colpiti anche i gatti
    Confermato il virus in un allevamento di anatre a Phitsanulok. Dai gatti randagi il virus potrebbe passare più facilemente all'uomo. In Giappone l’influenza aviaria in un allevamento.

    28/03/2007 INDONESIA
    Ancora tre morti in Indonesia per influenza aviaria
    Le nuove vittime vengono da zone distanti tra loro. Il governo non riesce a controllare il diffondersi della malattia, che ha già fatto 69 morti. Intanto Jakarta raggiunge un accordo con l’Organizzazione mondiale della sanità per fornire di nuovo campioni del virus.

    26/06/2006 INDONESIA - AZERBAIGIAN
    Indonesia: provate mutazioni nel virus dell'influenza aviaria

    E' successo nel contagio da uomo a uomo in una famiglia di Sumatra. Ma si esclude un pericolo immediato, in quanto favorito da una predisposizione genetica dell'unica famiglia colpita.





    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®