17/11/2007, 00.00
TURCHIA
Invia ad un amico

Semidistrutta la cappella della Trasfigurazione ad Halki

Guardie forestali hanno avviato la demolizione senza preavviso. Solo le proteste immediate del priore di Halki e del metropolita Meliton hanno permesso che l’edifico non fosse completamente distrutto. Atti vandalici anche contro Atti vandalici anche una chiesa a Kadikoy, l’antica Calcedonia.
Istanbul (AsiaNews) – Una squadra di guardie forestali ha quasi demolito ieri la cappella, del XVII secolo, dedicata alla Trasfigurazione del Signore situata di fronte alla scuola Teologica di Halki. La cappella era stata recentemente restaurata con il permesso delle autorità locali. La squadra ha proceduto alla demolizione senza alcun preavviso, come previsto in casi del genere.
 
La distruzione totale è stata evitata all’ultimo momento: in seguito alle proteste del priore della scuola di Halki e all’intervento del metropolita Meliton, direttore degli Affari legali del Patriarcato Ecumenico, il prefetto delle Isole dei principi ha fermato la forestale. L’edificio ha comunque subito danni gravissimi.
 
Il priore di Halki ha fatto subito presente alle autorità competenti turche, che questo genere di episodi provocheranno la disapprovazione della comunità  internazionale, compresa l’Unione europea. La riposta delle autorità è stata decisa: “Non osi minacciarci!”.
 
Poco più tardi alcuni “ignoti” hanno rotto i vetri della navata della chiesa della SS Trinità a Kadikoy, l’antica Calcedonia.
 
In ambienti diplomatici e giornalistici già si commenta che casi simili sono in continua crescita e non sono casuali: fanno parte di una strategia adottata da quelle forze in Turchia che non vedono di buon occhio il processo di integrazione europea e sicuramente mettono a dura prova  la volontà dell’ attuale governo di tutelare le minoranze religiose. (NT)
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Continuano i lavori del Sinodo panortodosso
24/06/2016 15:15
Bartolomeo I: continueremo a dialogare con il Papa e con l'Islam
21/12/2010
Bartolomeo fa gli auguri di Pasqua in ucraino
30/04/2019 08:22
Abolite le parrocchie russe di Costantinopoli
30/11/2018 11:07
Bartolomeo contro le 'fake news' sulla questione ucraina
17/07/2019 13:03