27 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/03/2009, 00.00

    CINA

    Sempre in aumento le spese militari in Cina



    Annunciato per il 2009 un incremento del 14,9% a 48 miliardi di euro. Pechino dice che la sua potenza militare ha solo fini difensivi. Ma esperti dicono che la spesa reale è molto maggiore e che la Cina sviluppa armi spaziali e spionaggio informatico.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – La Cina aumenterà del 14,9% le spese militari nel 2009 a 480,6 miliardi di yuan (circa 48 miliardi di euro). Li Zhaoxing, portavoce del parlamento cinese, ha definito l’aumento “modesto” e rivolto anzitutto alla modernizzazione delle strutture, a migliori salari per i 2,3 milioni di persone che lavorano nel settore e ai “programmi per incrementare le capacità” soprattutto in materia di antiterrorismo e soccorsi per i disastri naturali.

    Li ha insistito che il potere militare cinese ha soltanto una funzione di “protezione della propria sovranità e integrità territoriale” e “non è una minaccia per alcun Paese”.

    Pechino osserva anche che la sua spesa è circa 8 volte inferiore a quella degli Stati Uniti, nonostante il suo territorio e la popolazione siano molto maggiori.

    Nel passato vari Paesi, tra cui Stati Uniti e Giappone, hanno espresso preoccupazione per il continuo aumento delle spese militari della Cina, accusandola di avere intenti espansionistici.

    Esperti la accusano di spendere molto più di quanto dichiara, accusa che Li ha negato. Ralph Cossa, capo del Centro per Studi internazionali e strategici presso il Pacific Forum a Honolulu, dice che la spesa effettiva è 3-4 volte maggiore e che il problema è che Pechino non spiega meglio la destinazione dei fondi.

    Negli ultimi anni il Pentagono ha detto che la Cina sta sviluppando missili balistici, armi antisatelliti e lo spionaggio informatico.

    Tra l’altro, nei giorni scorsi Xinhua ha detto che inizierà presto la costruzione di un nuovo centro di lancio spaziale nel meridionale Hainan.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/08/2011 CINA - STATI UNITI
    Usa: per il 2020 l’esercito cinese potrà “destabilizzare” la zona Asia-Pacifico
    L’annuale rapporto della Difesa Usa indica che Pechino modernizza di continuo l’esercito, specie per i missili anti-satellite e antiportaerei e per la guerra cibernetica, e sta alterando l’equilibrio delle forze nella regione. Per il 2018 sarà pronto il suo primo aereo caccia J-20. Dura reazione della Cina.

    02/02/2017 08:52:00 USA-COREA-GIAPPONE
    Il capo del Pentagono alla guerra contro Kim Jong-un e per migliorare l’economia Usa

    La Corea del Nord è all’ultimo stadio nella capacità di lanciare missili intercontinentali che potrebbero colpire anche gli Stati Uniti. Corea del Sud e Giappone sono già sotto la minaccia dei missili nordcoreani. Trump ha minacciato di abbandonare l’alleanza con Tokyo e Seoul se essi non pagano di più per la difesa. Mattis e Trump per una crescita dell’arsenale militare Usa. La difesa statunitense, la più potente e costosa al mondo, un bilancio annuale di oltre 600 miliardi di dollari e circa 1,3 milioni di soldati attivi.



    30/03/2007 GIAPPONE
    Da oggi Tokyo ha un sistema antimissile
    Fonti ufficiali parlano di preoccupazione per la minaccia nordcoreana. Magrado la Costituzione pacifista, il Paese vuole avere un ruolo più attivo nella politica internazionale e dotarsi di strutture militari per l’autodifesa.

    17/03/2017 12:30:00 TAIWAN - CINA
    Missili di Taiwan contro la Cina; la riunificazione da ottenere con la forza

    Per la prima volta il ministro della difesa Feng Shih-kuan dichiara che l’isola può colpire obiettivi in Cina fino a 1500 km. L’escalation militare fra i due lati dello Stretto. Trump pronto a consegnare nuove armi sofisticate a Taiwan.



    03/01/2007 CINA
    La Cina dice di non voler competere con gli Stati Uniti per armi ed energia
    Pechino dichiara che cerca la “collaborazione” con Washington, con cui ritiene avere interessi e problemi comuni. Si aspetta, però, la progressiva diminuzione del sostegno Usa a Taiwan.



    In evidenza

    VATICANO-CINA
    ‘Grave preoccupazione’ della Santa Sede per mons. Shao Zhumin, sequestrato dalla polizia da oltre un mese

    Bernardo Cervellera

    Il vescovo di Wenzhou (Zhejiang) sarebbe sottoposto a lavaggio di cervello per farlo aderire all’Associazione patriottica. Mons. Shao appartiene alla comunità sotterranea. È la prima volta in tre anni - da quando sono ripresi di dialoghi Cina-Santa Sede - che la Sala Stampa si esprime su un vescovo arrestato. Il dolore dei fedeli per il troppo silenzio. Per mons. Shao aveva parlato anche l’ambasciatore tedesco a Pechino, Michael Clauss. L’invito a pregare per mons. Shao e per “il cammino della Chiesa in Cina”.


    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®