29 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 07/01/2016, 00.00

    COREA – ASIA – USA

    Seoul, Washington e Tokyo “pronte a tutto” per fermare il nucleare coreano



    I tre governi hanno deciso di lavorare insieme, sia in ambito Onu che individuale, per eliminare il rischio di una guerra atomica con Pyongyang. La Casa Bianca ha “ancora dubbi” sull’effettivo uso di un ordigno a idrogeno; gli esperti sembrano divisi. La Corea del Sud limita l’accesso al complesso inter-coreano di Kaesong.

    Seoul (AsiaNews) – Dopo una giornata di frenetiche consultazioni i governi di Giappone, Corea del Sud e Stati Uniti hanno annunciato che “lavoreranno insieme per fermare a ogni costo il nucleare nordcoreano”. A loro si unisce il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che, all’unanimità, ha condannato il presunto quarto test atomico del regime guidato da Kim Jong-un e ha annunciato il lancio di nuove sanzioni contro il Paese. Tuttavia l’effettiva capacità nucleare di Pyongyang deve essere ancora confermata.

    Alle 10 del mattino (ora locale) di ieri, il governo della Corea del Nord ha annunciato tramite la televisione di Stato di aver effettuato con successo un test su un ordigno a idrogeno. Un sisma di magnitudo 5.1 è stato rilevato nei pressi del sito nucleare di Punggye-ri subito dopo la detonazione. Oltre a essere più potente di una normale bomba atomica, la tecnologia bellica a idrogeno potrebbe essere montata su missili di portata inferiore al normale che il regime possiede da anni.

    Secondo la Casa Bianca, però, le “analisi iniziali” indicano che nel suo ultimo test nucleare la Corea del Nord non ha usato una bomba all'idrogeno, come sostenuto dal regime. Gli esperti americani continuano a studiare la situazione, ma il portavoce della Casa Bianca Josh Earnest ha spiegato che “non si è verificato nulla nelle ultime 24 ore che possa cambiare la nostra valutazione delle capacità nucleari della Corea del Nord”. Tuttavia, ha sottolineato il Segretario di Stato John Kerry, “quello della Corea del Nord è un atto altamente provocatorio”.

    Diversi esperti internazionali hanno sottolineato che la magnitudine del sisma “è troppo limitata” per essere stata generata da un ordigno a idrogeno, ma molti altri fanno notare che tutto dipende dalle dimensioni della testata. Tetsuo Sawada, docente al Tokyo Institute of Technology, ritiene “molto difficile giudicare soltanto dal grado rilevato. Molto dipende da come la bomba è stata posizionata sotto terra, e soprattutto da quanto è grande”.

    Il governo di Seoul, guidato dalla conservatrice Park Geun-hye, ha annunciato di aver limitato gli ingressi nel parco industriale inter-coreano di Kaesong. Qui diverse aziende del Sud fanno lavorare decine di migliaia di operai del Nord, nell’unico caso di collaborazione bilaterale nella penisola. Il complesso è inoltre una importante fonte di denaro contante per i nordcoreani e per il loro governo. L’esecutivo ha anche annunciato la “possibilità” di riprendere le operazioni di propaganda contro il regime: queste sono state fermate alla fine del 2015 nel tentativo di rilassare la tensione bilaterale.

    Il primo ministro nipponico Shinzo Abe ha condannato con “la massima forza possibile” il test nucleare, definito “una minaccia diretta alla sicurezza del Giappone”. Questa mattina, inoltre, ha telefonato al presidente americano Barack Obama per “concordare una linea comune in seno alle Nazioni Unite” per rispondere alla minaccia: “E’ necessario mandare un messaggio molto forte alla Corea del Nord e fare in modo che la smetta con queste provocazioni”. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/01/2016 COREA DEL NORD
    Nucleare nordcoreano, Kim Jong-un "vuole morire come Sansone. Con tutti i filistei"
    Fonte cattolica di AsiaNews commenta il presunto quarto test nucleare del regime di Kim Jong-un: “Dopo l’accordo fra Seoul e Tokyo sulle ‘donne conforto’ e il raffreddamento dei rapporti con Pechino, il giovane dittatore sa di essere solo. E piuttosto che cedere il potere provocherà una guerra totale”. La bomba a idrogeno è più potente di un ordigno atomico. Esperti internazionali ancora dubbiosi sulla reale capacità nucleare di Pyongyang. Oggi si riunisce il Consiglio di Sicurezza Onu.

    25/02/2016 08:40:00 CINA – USA – COREA DEL NORD
    Accordo fra Pechino e Washington per punire Pyongyang

    Dopo i test nucleari illegali e i lanci missilistici, la Cina e gli Stati Uniti si incontrano per preparare una bozza di risoluzione che estende le punizioni emesse dal Consiglio di Sicurezza Onu contro il regime dei Kim. Ora serve il voto del Consiglio. Fra le nuove entità che vengono sanzionate, anche il Ministero nordcoreano per l’energia atomica.



    11/10/2006 COREA DEL NORD – COREA DEL SUD
    Pyongyang minaccia l'Onu: sanzioni dure significano guerra

    Tokyo e Washington approvano misure unilaterali nei confronti di Pyongyang e premono per inserire l'uso della forza armata nelle sanzioni Onu. Pechino chiede calma, ma si dice d'accordo per una risposta dura. Seoul tentenna.



    17/07/2006 Corea del Nord – Stati Uniti – Russia
    Pyongyang "accetti la risoluzione Onu e torni al tavolo del disarmo nucleare"

    Bush e Putin, ai margini del G8, siglano un comunicato congiunto che chiede alla Corea del Nord di accettare le sanzioni del Consiglio di Sicurezza e di tornare "senza condizioni" al tavolo dei dialoghi a sei sul nucleare. Sulla stessa linea, Seoul minaccia il blocco degli aiuti.



    04/09/2009 COREA DEL NORD
    Corea del Nord: abbiamo l’uranio arricchito, possiamo creare la bomba o trattare
    Pyongyang afferma di essere prossima a creare la bomba atomica ma si dice disponibile a trattare e non contraria alla denuclearizzazione della penisola coreana. Esperti: il regime nordcoreano vuole riprendere i colloqui salvando la faccia. Sarà decisivo il ruolo di Pechino.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®